Dalle onde che si infrangono sulla spiaggia, dove un placido gruppo di foche si crogiola al sole, esce rapida e silenziosa.
In un attimo, un’enorme mole bianca e nera mostra la sua bocca rosa e scompare tra i flutti.

Dopo, sulla sabbia, all’appello manca una foca. Un’orca, elegante e feroce, ha consumato il suo pasto. Non è uno spettacolo usuale, ma può succedere anche di assistere a una scena così, da documentario naturalistico, sulla Penisola Valdes.

La Penisola Valdes è una protuberanza lungo la costa dell’Argentina, a cui è collegata da una stretta striscia di terra che forma due ampie insenature: il Golfo Nuevo e quello di San Josè. Landa desolata dal paesaggio estremo, spettrale, tra cieli infiniti e intensi blu marini, è una delle maggiori riserve faunistiche del Sud-America.

Riconosciuta e tutelata dall’Unesco, la Penisola Valdes è una pianeggiante steppa patagonica, dove, tra isolate “estancias” per l’allevamento di pecore e cavalli, vivono guanachi, armadilli, volpi, lepri e centinaia di uccelli, tra cui il nandù.

Non ci sono strade, ma solo piste sterrate che è bello percorrere senza meta, solo per gustare quello che la natura sa offrire quando la civilizzazione non pone i suoi limiti. Ed in effetti, non ci sono neppure centri abitati, eccezion fatta per Puerto Piramides, un pugno di casette affacciate sul Golfo Nuevo, nato come porto per spedire il sale estratto dalle saline della zona.

Già perché in questa terra arida luccicano sotto il sole i laghetti salati, alcuni dei quali posti ben al di sotto del livello del mare.
A proposito di mare, è proprio sulle sue rive che si concentra un’enorme quantità di animali: pinguini di Magellano, leoni ed elefanti marini, foche e otarie. Sulle coste, ora sabbiose ora rocciose, intere famiglie di mammiferi hanno colonizzato lo spazio, lasciandosi osservare e ammirare dai turisti a una distanza decisamente ravvicinata.

Se l’emozione di poter guardare da vicino questi splendidi esemplari è grande, non è nulla rispetto a quello che si può vivere facendo un’escursione in barca sulle calme e calde acque che circondano la Penisola.
E’ in questo mare poco profondo infatti che, tra maggio e dicembre, arrivano le balene franche, per accoppiarsi e per riprodursi.

Nuotano e saltano, giocano e soffiano, per nulla intimorite dalla presenza umana, come se sapessero che non corrono nessun pericolo, che qui gli uomini vengono solo per guardale.
Non ci sono cacciatori spietati, ma solo visitatori rispettosi e commossi davanti ai quali è bello fare un po’ di “spettacolo”. E poi ci sono le orche, ma per quelle ci vuole anche un po’ di fortuna…

IL VIAGGIO PERFETTO PER TE

Penisola Valdés

FILTRA I RISULTATI

Partenze di gruppo (2)

Speciale Agosto - Argentina
Argentina  |  16 giorni

Speciale Agosto - Argentina

Buenos Aires, Penisola Valdes, Nord Argentina in fly & drive e le Cascate di Iguazù

Da Buenos Aires si vola a Trelew per effettuare l’escursione alla Riserva Naturale di Valdes e la navigazione di avvistamento...

PARTENZE 06/08/2022
quote a partire da € 4.200,00

Partenze individuali (3)

Patagonia Self Drive
Patagonia  |  18 giorni

Patagonia Self Drive

La libertà di scoprire panorami e ambienti naturali incredibili

Un viaggio in libertà, con mezzi a noleggio e pernottamenti in tipiche Estancias: Bahia Bustamante con trattamento di pensione completa...

quote in aggiornamento
Patagonia Argentina classica
Patagonia  |  12 giorni

Patagonia Argentina classica

Esperienza nella natura

Fino alla fine del mondo. Una fuga dove lo spazio è senza confini. L'uomo è silenziosa minoranza, in balia del...

quote in aggiornamento