Uganda incredibile - Incontro con i gorilla di montagna

Alla scoperta dei parchi nazionali: Murchison Falls, Kibale, Queen Elizabeth, Bwindi e Lake Mburo

Un viaggio alla scoperta delle diversità ambientali dell’Africa. Dalle grandi savane tipiche dell’Africa orientale, trasformate in Parchi, dove si possono osservare tutti gli esemplari dei grandi mammiferi selvaggi, agli altopiani rigogliosi con estesi bananeti e piantagioni di tè. Dai villaggi e crateri vulcanici agli immensi laghi da cui nasce il Nilo, fino alle foreste impenetrabili sulle pendici dei Monti della Luna. Un viaggio in Uganda non è quindi solo un safari nei Parchi, peraltro bellissimi e ricchi di fauna, ma un continuo cambiamento, giorno dopo giorno, di ambienti e situazioni: le spettacolari cascate del Nilo, la navigazione tra i laghi, l’incredibile avvicinamento con i gorilla di montagna, una vera esperienza di viaggio.

Servizi

I trasferimenti sono previsti in minivan, con autista/guida locale parlante italiano (se disponibile). I pernottamenti sono in Lodge (indichiamo due differenti categorie), con trattamento di pernottamento e prima colazione e quasi una pensione completa (è esclusa la cena il giorno di arrivo a Entebbe). Assistenza Earth H24.

Quote individuali di partecipazione in camera doppia in hotel Categoria turistica (3 Stelle)

Da 2 a 3 partecipanti € 3.420,00
Da 4 a 5 partecipanti € 3.210,00
Da 6 a 7 partecipanti € 2.750,00
Suppl. camera singola € 220,00
Suppl. permessi Parco Bwindi (gorilla di montagna) - Quota in USD € 600,00
Suppl. permessi Parco degli scimpanzè - Quota in USD € 150,00
Tasse aeroportuali e fuel surcharge (da riconfermare all'emissione del biglietto aereo) € 380,00
Assicurazioni bagaglio-sanitaria-annullamento € 156,00
Partenze da altri aeroporti Su richiesta
Quota gestione pratica € 70,00

Quote individuali di partecipazione in camera doppia in hotel Categoria Luxury

Da 2 a 3 partecipanti € 3.940,00
Da 4 a 5 partecipanti € 3.570,00
Da 6 a 7 partecipanti € 3.350,00
Suppl. camera singola € 330,00
Suppl. permessi Parco Bwindi (gorilla di montagna) - Quota in USD € 600,00
Suppl. permessi Parco degli scimpanzè - Quota in USD € 150,00
Tasse aeroportuali e fuel surcharge (da riconfermare all'emissione del biglietto aereo) € 380,00
Assicurazioni bagaglio-sanitaria-annullamento € 156,00
Partenze da altri aeroporti Su richiesta
Quota gestione pratica € 70,00

Supplementi volo

Dal: 01/07/2018 Al: 23/07/2018 € 250,00
Dal: 18/08/2018 Al: 31/10/2018 € 250,00
Dal: 24/07/2018 Al: 17/08/2018 € 420,00
Dal: 15/12/2018 Al: 31/12/2018 € 420,00

Quote di partecipazione 
Il presente programma è basato su orari, tasse aeroportuali, tariffe dei trasporti e costi dei servizi a terra in vigore il mese di Gennaio 2018.Le quote di partecipazione sono espresse in Euro e intese per persona e sono state calcolate in base al cambio valutario: 1 Euro = 1,22 USD.

Le tariffe aeree sono state calcolate in base ad una specifica classe di prenotazione (classe V) e compagnia aerea (Ethiopian Airlines), in partenza da Milano. E’ possibile richiedere (con eventuale supplemento) la partenza da tutti gli altri aeroporti italiani.

Le quotazioni alberghiere sono riferite agli hotel indicati, o similari.

Qualora i servizi indicati non fossero disponibili al momento della prenotazione Earth si riserva il diritto di modificare le quote qui riportate, sulla base dei costi dei nuovi servizi confermabili.
Una variazione delle tariffe dei trasporti, dei costi dei servizi o del tasso di cambio indicati che dovesse verificarsi entro 20 giorni dalla data di partenza, determinerà una revisione delle quote.

Sono escluse dalla “quota di partecipazione” le tasse aeroportuali e l’eventuale sovrapprezzo carburante (fuel surcharge). Essendo tali costi estremamente variabili, sono indicati all’atto della prenotazione e verranno riconfermati all’emissione del biglietto aereo. 

Quote valide fino al: 31/12/2018

Le quote di partecipazione includono

  • Voli di linea Ethiopian Airlines da Milano a Entebbe e ritorno, via Addis Abeba, in classe economica
  • Trasferimenti con 2 mezzi minivan, con autisti esperti
  • Guida locale parlante italiano (se disponibile)
  • Pernottamenti in camera doppia negli hotel indicati
  • Trattamento di pensione completa, ad eccezione di Kampala dove il trattamento di sola prima colazione, come indicato in programma
  • Visite ed escursioni indicate in programma, con la propria vettura e la propria guida
  • Tasse di ingresso ai parchi, indicati in programma (ad eccezione del Parco Bwindi e parco degli scimpanzé)
  • Polizza “Viaggi Rischio Zero”, UnipolSai Assicurazioni
  • Guida “Uganda”, ed Polaris
  • Kit da viaggio

Le quote di partecipazione non includono

  • Assicurazioni (bagaglio/sanitaria/annullamento, UnipolSai Assicurazioni)
  • Tasse aeroportuali e fuel surcharge (da riconfermare all’emissione del biglietto aereo)
  • Quota gestione pratica (Euro 70,00)
  • Parco Bwindi e permesso per Gorilla tracking (USD 600) e parco degli scimpanzé (USD 150)
  • Eventuali tasse aeroportuali locali: attualmente sono tutte inserite nei biglietti aerei; potrebbero essere richieste o modificate senza preavviso dalle autorità locali
  • Tasse d’Ingresso delle apparecchiature fotografiche nei luoghi turistici (da pagare in loco)
  • Visto turistico d’ingresso in Uganda (rilasciato in loco all’arrivo USD 100)
  • Early check in e late check out negli alberghi, eccetto dove specificato
  • Escursioni e visite facoltative, non previste in programma
  • Pasti non previsti in programma, menù à la carte, bevande, mance, facchinaggi, extra di carattere personale e tutto quanto non espressamente indicato.

1° Giorno - Partenza per Entebbe - Kampala

Partenza dall’Italia con volo di linea per Entebbe.
Pasti e pernottamento a bordo.

2° Giorno - Arrivo a Entebbe - Kampala

Arrivo all’aeroporto internazionale di Entebbe, disbrigo delle formalità doganali e, dopo il ritiro bagagli, incontro con la guida parlante italiano per il trasferimento a Kampala.
Sistemazione in Hotel e pernottamento.

3° Giorno - Kampala - Murchison Falls National Park

Prima colazione in Hotel.
Partenza al mattino presto in direzione nord-ovest con destinazione Murchison Falls National Park (circa 5 ore), che con i suoi 3840 kmq costituisce il parco più esteso del Paese. Comprende un tratto della costa del Lago Alberto, ed è diviso in due dal Nilo Vittoria, che lo attraversa da est a ovest.
E’ proprio il Nilo Vittoria che dà origine alle grandi e spettacolari Cascate Murchison, prima di proseguire il proprio corso verso il Sudan e il Mediterraneo.
Quando Sir Samuel Baker si trovò di fronte a questa incredibile esplosione d’acqua, ovvero le cascate più selvagge dell’intera lunghezza del Nilo Bianco (6.700 km circa), diede loro il nome Murchison Falls in onore dell’allora presidente della Royal Geographical Society britannica. Il parco comprende diversi habitat equatoriali e tropicali, ad altitudini comprese fra 500 e 1.290 m-slm.
Oltre agli ambienti lacustre e fluviale, sono incluse nel parco aree di savana e diverse foreste pluviali, fra cui quelle di Rabongo e Budongo.
La ricchezza faunistica della zona si è in parte riformata dopo i pesantissimi danni subiti da parte di bracconieri e soprattutto dall’ esercito durante la guerra per abbattere la dittatura di Idi Amin. Nel parco si trovano e si possono vedere, specialmente navigando sul fiume Nilo, bufali, giraffe, facoceri, leoni, leopardi, ippopotami, coccodrilli, elefanti, scimpanzé, e una ricchissima avifauna.
Lungo il tragitto, sosta allo Ziwa Rhino Sanctuary a circa 170 km da Kampala.
Creato da pochi anni, oggi Sanctuary è la sede di un importante programma di “breeding” di rinoceronti bianchi, per poi poterli reintrodurre anche nei parchi nazionali. L’Uganda ospitava la sub-specie nordica del rinoceronte bianco e la sub-specie orientale del rinoceronte nero, tuttavia entrambi si estinsero durante gli anni di Idi Amin. Arrivo al Lodge, cena e pernottamento.

4° Giorno - Murchison Falls National Park

Di primissima mattina partenza per un game drive all’alba nella zona settentrionale del Parco. Possibilità di incontrare antilopi kob, bufali, giraffe, elefanti, facoceri e, con un po’ di fortuna, anche predatori quali il leone e il leopardo. Rientro per alcune ore di piacevole relax nel meraviglioso ambiente del lodge e nel pomeriggio partenza per una delle escursioni più speciali del tour: l’uscita in barca lungo il Nilo verso le cascate. Oltre alla spettacolare e abbondante avifauna, molto probabili sono gli incontri con ippopotami, coccodrilli ed elefanti. Le cascate e il punto dove il fiume è costretto a passare attraverso una gola larga appena 6 metri prima del salto di 40 metri sono indubbiamente uno spettacolo incredibile.
Pensione completa e pernottamento al Lodge.

(l’ordine delle attività può essere invertito)

5° Giorno - Murchison Falls National Park - Kibale

Prima colazione al Lodge. Giornata di trasferimento costeggiando la sponda occidentale dell’Albert Lake e proseguendo lungo la Rift Valley fino alla cittadina di Kibale (km 340 - circa 7/8 ore) nelle vicinanze della Catena del Ruwenzori (5019 m). Pensione completa e pernottamento al Lodge.

6° Giorno - Parco di Kibale - Queen Elizabeth National Park

Prima colazione in Hotel.
Mattinata dedicata all’incontro con gli scimpanzee (escursione a piedi), nel parco di Kibale, un’affascinante foresta tropicale di 766 kmq che è l’habitat ideale di ben 12 specie di primati ed ha la più alta densità di primati della terra. Durante la visita è possibile venire a contatto con scimpanzé, babbuini, colobus bianchi e rossi, ecc… Anche se vedere gli scimpanzé non è facilissimo, è quasi garantito il riuscire a sentirli. Gli alberi, alcuni alti ben 50-60 metri, offrono anche riparo e rifugio alle coloratissime farfalle (144 specie) e alla variegata avifauna (325 le specie identificate). Sebbene sia molto raro vederli, il parco ospita la più numerosa popolazione di elefanti di foresta del Paese ed è la “casa” di antilopi bushbuck, duiker e bufali.
Pranzo al sacco.
Nel pomeriggio partenza per il Queen Elizabeth National Park (circa 5 ore), creato nel 1954 e che prende il nome dalla regina Elisabetta. Si sviluppa attorno al canale di Kazinga che unisce i laghi George e Edward. Il parco include al proprio interno la foresta di Maramagambo e parte del lago Edward e confina con altre aree naturali protette: le riserve faunistiche di Kigezi e Kyambura, il parco nazionale di Kibale e il parco nazionale di Virunga nella confinante Repubblica Democratica del Congo.
Il parco comprende numerosi habitat: ci sono aree di savana, di foresta pluviale (come Maramagambo), paludi, e i bacini lacustri del lago Edward e del Canale di Kazinga. Il parco è anche noto per i numerosi coni e crateri vulcanici; alcuni crateri formano laghi vulcanici come il Katwe. Fra gli animali presenti nel parco ci sono i coccodrilli del Nilo e gli ippopotami, di cui nel canale di Kazinga si registra una delle massime concentrazioni al mondo. Altre specie animali avvistabili sono l'elefante, il leopardo, il leone, lo scimpanzé, l'ilochero, il facocero, il bufalo e l'antilope kob. La zona conosciuta come Ishasha (all'estremità sudoccidentale del parco, presso il confine con il Congo) è nota per la sua popolazione di leoni, che hanno la particolare abitudine (osservata solo in pochissime altre zone dell'Africa) di arrampicarsi sugli alberi. Nelle aree lacustri sono comuni anche gli stormi di fenicotteri rosa.
Arrivo e sistemazione al Lodge.
Cena e pernottamento.

SCIMPANZEE (pan troglodyte schweinfurthi)
Il “cugino” con cui l’uomo condivide il 98% del DNA è un altro primate d’eccezione. Passando una buona parte della giornata a terra, riescono anche a camminare in posizione bipede per brevi distanze. Si arrampicano invece sugli alberi alla ricerca di cibo e per riposare. Sono animali estremamente intelligenti ed addirittura costruiscono attrezzi. Seguirli però non è un’impresa facile perché sono più mobili ed esuberanti dei gorilla e perché ci si deve spesso addentrare tra la fitta ed umida vegetazione. Considerare almeno 3-4 ore di trek.
Gli scimpanzé vivono in branchi composti da un numero variabile di individui, fra alcune unità e una quarantina. Più frequentemente, tuttavia, i componenti di un branco superano di poco la decina. Alto sino a 1,70 m nei maschi e 1,30 nelle femmine, di peso variabile tra i 50 e gli 80 kg. Lo scimpanzé ha lineamenti più snelli e con arti più corti e più proporzionati rispetto a quelli dell'orango e del gorilla, con pollice della mano ben sviluppato; ha manto nerastro, di pelo abbondante, che con l'età diventa più grigiastro. La testa presenta cranio tondeggiante, notevole sviluppo della faccia con occhi piccoli e infossati, spiccata arcata sovraorbitaria, orecchie vistose, bocca larga con labbra ben profilate.

7° Giorno - Queen Elizabeth National Park

Prima colazione in Hotel.
Di prima mattina game drive alla ricerca di prede e predatori.
Rientro al Lodge per il pranzo.
Nel pomeriggio navigazione lungo il Kazinga Channel, il canale che unisce i due grandi laghi Edward e George. Durante il boat safari si avrà la possibilità di ammirare non solo un meraviglioso paesaggio ma anche grossi e sonnolenti ippopotami, grandi coccodrilli, bufali, antilopi e, soprattutto, la profusione di uccelli.
Rientro al Lodge, cena e pernottamento.

(l’ordine delle attività può essere invertito)

8° Giorno - Queen Elizabeth National Park - Bwindi National Park

Prima colazione al lodge. Partenza per Bwindi (circa 4 ore), con sosta lungo il tragitto per il pranzo pic-nic. Il Bwindi National Park, noto un tempo con il nome di “Foresta impenetrabile” è situato nel sud ovest dell'Uganda ai confini del braccio occidentale della Rift Valley e copre un'area di 331 kmq. Il parco ospita circa 320 gorilla di montagna (ossia la metà dell’intera popolazione mondiale) riuniti in quattro gruppi familiari abituati alla presenza umana. Il gruppo Mubare e il gruppo Rushegura con 10 gorilla e 1 silverback; il gruppo Habinyanja con 18 gorilla e 1 silverback; il gruppo Nkuringo con 19 gorilla e 2 silverback. Questo parco ospita, oltre a 11 specie di primati: quasi la metà della popolazione mondiale di gorilla di montagna, tanti altri animali. Diverse specie di Colobi, scimpanzé, elefanti, 6 specie di antilopi, 5 specie di cefalofo o silvicapra, bufali, il gatto dorato africano, la civetta africana, il potamocero (cinghiale mascherato), il raro ilochero (il maiale gigante delle foreste), la lontra dalle guance bianche o grande lontra africana, la genetta e molte specie di pipistrelli e roditori. La sede del parco è a Buhoma, ai margini settentrionali, ed è da qui che partono le visite ai gorilla. Arrivo e sistemazione al Camp. Pomeriggio a disposizione per libere attività individuali. Possibilità di passeggiata a piedi con guida/ranger del lodge (extra, da prenotare e regolare in loco). Cena e pernottamento.

9° Giorno - Bwindi National Park

Prima colazione al lodge.
Il mattino presto partenza per il safari a piedi alla ricerca dei gorilla di montagna.
Il tracking può avere una durata dalle 2 alle 9 ore a seconda di dove si trovano i gorilla.
Pranzo pic-nic in corso d’escursione. Rientro al Lodge, cena e pernottamento. 

GORILLA DI MONTAGNA (Gorilla beringei) 
L’incontro con queste magnifiche creature è considerato da molti viaggiatori uno dei momenti più intensi del viaggio in Africa. Questi animali furono studiati in profondità da George Schaller e più recentemente da Diane Fossey.La Fossey passò circa 13 anni in un remoto accampamento sul vulcano Visoke e forse sarebbe ancora là se non fosse stata assassinata nel dicembre 1985, probabilmente da bracconieri. E’ grazie alla sua opera e alle lotte di una vita intera che i gorilla di montagna non sono ancora estinti; tuttavia la loro sopravvivenza non è assicurata e garantita poiché tanti sono gli interessi in gioco e i rischi.
Il gorilla di montagna si distingue dagli altri gorilla per il pelo più lungo e più scuro, che sulla schiena dei maschi adulti assume un colore grigio argenteo. I maschi pesano tra 140 e 180 kg, le femmine tra 70 e 110 kg. Sul cranio sono presenti due creste ossee, più sviluppate nei maschi: una superiore (sagittale) e una sulla nuca.

GORILLA TRACKING
Non è possibile prevedere con anticipo i tempi e i percorsi esatti per raggiungere la famiglia di gorilla a cui si è stati assegnati perché i gorilla di montagna durante la notte possono coprire grandi distanze. Il trekking è abbastanza impegnativo in quanto si svolge lungo sentieri in foresta dove la vegetazione è fitta e l’umidità presente tutto l’anno.
Il tempo di permanenza presso i gorilla è di circa un’ora.
Per il trekking è importante portare con sé: scarpe leggere da trekking impermeabili, guanti (da giardinaggio vanno benissimo), pantaloni leggeri ma resistenti e possibilmente antistrappo (un paio di vecchi jeans sono perfetti), una maglia/camicia a maniche lunghe, una cerata impermeabile (pantaloni e giacca) molto leggera, un cappello impermeabile.

Importante: assolutamente vietato partecipare al “gorilla tracking” se sapete di essere ammalati o anche solo di non stare bene (raffreddore, tosse, diarrea, influenza...) in quanto potrebbe succedere di passare l’infezione ai gorilla e le conseguenze potrebbero essere drammatiche per loro, anche mortali.

10° Giorno - Bwindi National Park - Lake Mburo National Park

Prima colazione al lodge. Partenza per Lake Mburo National Park (circa 6 ore), con sosta lungo il tragitto per il pranzo pic-nic. Il Lake Mburo National Park è situato nel distretto di Mbarara e ricopre un'area relativamente piccola con 370 kmq, risultando così il più piccolo parco nazionale ugandese. Il lago Mburo è il più grande di una serie di 5 laghi all'interno dei confini del parco che a loro volta fanno parte di un gruppo di 14 laghi alimentati dal fiume Rwizi e insieme formano un complesso di estese paludi. La fauna è costituita da grandi gruppi di impala e antilopi che si addensano intorno alla foreste di acacie insieme ai Saltarupe e Antilopi, al raro Damalisco e Sitatunga. Gruppi di zebre e bufali pascolano liberi nel parco osservati da gruppi di leopardi. La presenza di coccodrilli e ippopotami attrae un ampio numero di uccelli come il Marabù africano e la Gru Coronata, il simbolo nazionale dell'Uganda. Arrivo e sistemazione al Lodge. Nel pomeriggio, una prima attività di fotosafari nel Parco. Rientro al Lodge, cena e pernottamento.

11° Giorno - Lake Mburo National Park - Entebbe - Rientro in Italia

Prima colazione al Lodge.
Si rientra a Kampala (circa 5 ore). Lungo il tragitto sosta per visitare il punto in cui passa la linea dell’Equatore. Trasferimento all’aeroporto internazionale di Entebbe e partenza con volo di linea di rientro in Italia. Pernottamento a bordo.

12° Giorno - Arrivo in italia

Hotel Categoria Turistica previsti o similari

Stelle : -
Kampala The Boma Guest House
Murchison Falls Fort Murchison
Queen Elizabeth Lake Bush Lodge
Bwindi National Park Buhoma Community Camp
Lake Mburo Rwakobo Lodge
Kibale Mountains of the Moon

Hotel categoria Luxury previsti o similari

Stelle : -
Murchison Falls Para Lodge
Kampala Mweya Lodge
Lake Mburo Mihingo Lodge
Kibale Kibale Lodge
Kampala Villa Kololo
Bwindi National Park Silverback Lodge

Compila il modulo per richiedere maggiori informazioni

Uganda incredibile - Incontro con i gorilla di montagna

 







Aiutaci a migliorare