Uganda incredibile - Incontro con i gorilla di montagna

Alla scoperta dei parchi nazionali: Murchison Falls, Kibale, Queen Elizabeth, Bwindi e Lake Mburo
Voli inclusi
voli inclusi
nella quota
Quote
€ 2.590,00
a partire da
Disponibilità viaggio
partenze individuali
tutto l'anno
Giorni di viaggio
12
giorni di viaggio
viaggio personalizzabile

Questo itinerario è solo un esempio dei tour che organizziamo.
Contattaci per costruire insieme il tuo viaggio su misura!

RICHIEDI INFORMAZIONI
Quote a partire da
€ 2.590,00
Data di partenza
partenze individuali tutto l'anno
Giorni di viaggio
12
Incluso nel viaggio
  • Polizza “Viaggi Rischio Zero”
  • Voli aerei
In collaborazione con
    Linea di viaggio
    • Linea di esperienza
    Temi di viaggio
    Modalità di viaggio
    Kit da viaggio
    • Kit Viaggio

    Caratteristiche di viaggio

    Un viaggio alla scoperta delle diversità ambientali dell’Africa. Dalle grandi savane tipiche dell’Africa orientale, trasformate in Parchi, dove si possono osservare tutti gli esemplari dei grandi mammiferi selvaggi, agli altopiani rigogliosi con estesi bananetie piantagioni di tè .
    Dai villaggi e crateri vulcanici agli immensi laghi da cui nasce il Nilo, fino alle foreste impenetrabili sulle pendici dei Monti della Luna.

    Un viaggio in Uganda non è quindi solo un safari nei Parchi, peraltro bellissimi e ricchi di fauna, ma un continuo cambiamento, giorno dopo giorno, di ambienti e situazioni: le spettacolari cascate del Nilo, la navigazione tra i laghi, l’incredibile avvicinamento con i gorilla di montagna, una vera esperienza di viaggio.

    Servizi


    I trasferimenti sono previsti in minivan, con autista/guida locale parlante italiano (se disponibile).
    I pernottamenti sono in Lodge (indichiamo due differenti categorie), con trattamento di pernottamento e prima colazione e quasi una pensione completa (è esclusa la cena il giorno di arrivo a Entebbe).
    Assistenza Earth H24.

    RICHIEDI INFORMAZIONI

    Tappe del tour

    Uganda incredibile - Incontro con i gorilla di montagna
    12 giorni

    aereopercorso via terra
    aereopercorso in aereo
    aereopercorso in nave

    Il programma di viaggio

    12 giorni

    + vedi il programma completo
    GIORNO
    01

    Partenza per Entebbe - Kampala

    Partenza dall’Italia con volo di linea per Entebbe. Pasti e pernottamento a bordo.

    + leggi tutto
    GIORNO
    02

    Arrivo a Entebbe - Kampala

    Arrivo all’aeroporto internazionale di Entebbe, disbrigo delle formalità doganali e, dopo il ritiro bagagli, incontro con la guida parlante italiano...

    + leggi tutto
    GIORNO
    03

    Kampala - Murchison Falls National Park

    Prima colazione in Hotel. Partenza al mattino presto in direzione nord-ovest con destinazione Murchison Falls National Park (circa 5 ore),...

    + leggi tutto
    GIORNO
    04

    Murchison Falls National Park

    Di primissima mattina partenza per un game drive all’alba nella zona settentrionale del Parco. Possibilità di incontrare antilopi kob, bufali,...

    + leggi tutto
    GIORNO
    05

    Murchison Falls National Park - Kibale

    Prima colazione al Lodge. Giornata di trasferimento costeggiando la sponda occidentale dell’Albert Lake e proseguendo lungo la Rift Valley fino...

    + leggi tutto
    GIORNO
    06

    Parco di Kibale - Queen Elizabeth National Park

    Prima colazione in Hotel. Mattinata dedicata all’incontro con gli scimpanzee (escursione a piedi), nel parco di Kibale, un’affascinante foresta tropicale...

    + leggi tutto
    GIORNO
    07

    Queen Elizabeth National Park

    Prima colazione in Hotel. Di prima mattina game drive alla ricerca di prede e predatori.Rientro al Lodge per il pranzo....

    + leggi tutto
    GIORNO
    08

    Queen Elizabeth National Park - Bwindi National Park

    Prima colazione al lodge. Partenza per Bwindi (circa 4 ore), con sosta lungo il tragitto per il pranzo pic-nic. Il...

    + leggi tutto
    GIORNO
    09

    Bwindi National Park

    Prima colazione al lodge. Il mattino presto partenza per il safari a piedi alla ricerca dei gorilla di montagna.Il tracking...

    + leggi tutto
    GIORNO
    10

    Bwindi National Park - Lake Mburo National Park

    Prima colazione al lodge. Partenza per Lake Mburo National Park (circa 6 ore), con sosta lungo il tragitto per il...

    + leggi tutto
    GIORNO
    11

    Lake Mburo National Park - Entebbe - Rientro in Italia

    Prima colazione al Lodge. Si rientra a Kampala (circa 5 ore). Lungo il tragitto sosta per visitare il punto in...

    + leggi tutto
    GIORNO
    12

    Arrivo in italia

    + leggi tutto
    vedi tutti i 12 giorni

    Gli alberghi

    Hotel Categoria Turistica previsti o similari

    Hotel Categoria Superior previsti o similari

    • QUOTE
      scopri tutti i prezzi
    • NOTE
      informazioni utili per il viaggio
    • COS'È INCLUSO?
      servizi inclusi nel viaggio
    • COS'È ESCLUSO?
      servizi esclusi nella quotazione

    Quote di partecipazione

    Quote individuali di partecipazione in camera doppia in hotel Categoria turistica

    Quote

    Da 2 a 3 partecipanti
    € 3.320,00
    Da 4 a 5 partecipanti
    € 2.890,00
    Da 6 a 7 partecipanti
    € 2.590,00

    Supplementi

    Suppl. camera singola
    € 290,00
    Suppl. permessi Parco Bwindi (gorilla di montagna) - Quota in USD
    € 600,00
    Suppl. permessi Parco degli scimpanzè - Quota in USD
    € 150,00
    Tasse aeroportuali e fuel surcharge (da riconfermare all'emissione)
    € 390,00
    Assicurazioni bagaglio-sanitaria-annullamento
    € 98,00
    Partenze da altri aeroporti
    su richiesta
    Quota gestione pratica
    € 70,00

    Quote individuali di partecipazione in camera doppia in hotel Categoria Superior

    Quote

    Da 2 a 3 partecipanti
    € 3.990,00
    Da 4 a 5 partecipanti
    € 3.680,00
    Da 6 a 7 partecipanti
    € 3.320,00

    Supplementi

    Suppl. camera singola
    € 410,00
    Suppl. permessi Parco Bwindi (gorilla di montagna) - Quota in USD
    € 600,00
    Suppl. permessi Parco degli scimpanzè - Quota in USD
    € 150,00
    Tasse aeroportuali e fuel surcharge (da riconfermare all'emissione del biglietto aereo)
    € 390,00
    Assicurazioni bagaglio-sanitaria-annullamento fino a € 4.000,00
    € 98,00
    Assicurazioni bagaglio-sanitaria-annullamento da € 4.000,00 a € 6.000,00
    € 156,00
    Partenze da altri aeroporti
    su richiesta
    Quota gestione pratica
    € 70,00

    Supplementi volo

    Dal 18/06/2019
    Al 23/07/2019
    € 180,00
    Dal 20/08/2019
    Al 31/10/2019
    € 180,00
    Dal 24/07/2019
    Al 19/08/2019
    € 380,00
    Dal 15/12/2019
    Al 31/12/2019
    € 380,00

    NOTE

    Quote di partecipazione
    Il presente programma è basato su orari, tasse aeroportuali, tariffe dei trasporti e costi dei servizi a terra in vigore il mese di Gennaio 2019.
    Le quote sono valide fino al: 31/12/2019.

    Le quote di partecipazione sono espresse in Euro e intese per persona e sono state calcolate in base al cambio valutario: 1 Euro = 1,16 USD.

    Le tariffe aeree sono state calcolate in base ad una specifica classe di prenotazione (classe O) e compagnia aerea (Qatar Airways), in partenza da Milano. E’ possibile richiedere (con eventuale supplemento) la partenza da tutti gli altri aeroporti italiani.

    Le quotazioni alberghiere sono riferite agli hotel indicati, o similari.

    Qualora i servizi indicati non fossero disponibili al momento della prenotazione Earth si riserva il diritto di modificare le quote qui riportate, sulla base dei costi dei nuovi servizi confermabili.

    Una variazione delle tariffe dei trasporti, dei costi dei servizi o del tasso di cambio indicati che dovesse verificarsi entro 20 giorni dalla data di partenza, determinerà una revisione delle quote.

    Sono escluse dalla “quota di partecipazione” le tasse aeroportuali e l’eventuale sovrapprezzo carburante (fuel surcharge). Essendo tali costi estremamente variabili, sono indicati all’atto della prenotazione e verranno riconfermati all’emissione del biglietto aereo.

    Recesso del consumatore (Penalità di annullamento)
    In deroga alle Condizioni Generali di Contratto pubblicate sul sito www.earthviaggi.it, al consumatore che receda dal contratto prima della partenza, in caso di annullamento saranno addebitati a titolo di penale:
    - Il premio della copertura assicurativa;
    - La quota gestione pratica;
    - Le seguenti percentuali sulla quota viaggio:
        - penalità del 15% sino a 90 giorni prima della partenza del viaggio
        - penalità del 25% da 89 a 60 giorni prima della partenza del viaggio
        - penalità del 35% da 59 a 45 giorni prima della partenza del viaggio
        - penalità del 50% da 44 a 31 giorni prima della partenza del viaggio
        - penalità del 75% da 30 a 21 giorni prima della partenza del viaggio
    Nessun rimborso spetterà a chi rinuncerà dopo tale termine.
    Oltre alle penalità relative alla biglietteria aerea (tariffe speciali, instant purchase, low cost e voli di linea) e le tasse di ingresso al Parco Bwindi e parco degli scimpanzé.

    Si precisa che il riferimento è sempre ai giorni “di calendario”.
    In ogni caso, nessun rimborso spetta al consumatore che decida di interrompere il viaggio o il soggiorno per volontà unilaterale.

    Le quote di partecipazione includono

    Voli di linea Qatar Airways da Milano a Entebbe e ritorno, via Doha, in classe economica - Trasferimenti con 2 mezzi minivan, con autisti esperti - Guida locale parlante italiano (se disponibile) - Pernottamenti in camera doppia negli hotel indicati - Trattamento di pensione completa, ad eccezione di Kampala dove il trattamento di sola prima colazione, come indicato in programma - Visite ed escursioni indicate in programma, con la propria vettura e la propria guida - Tasse di ingresso ai parchi, indicati in programma (ad eccezione del Parco Bwindi e parco degli scimpanzé) - Polizza “Viaggi Rischio Zero”, UnipolSai Assicurazioni - Guida “Uganda”, ed. Polaris - Kit da viaggio

    Le quote di partecipazione non includono

    Assicurazioni (bagaglio/sanitaria/annullamento, UnipolSai Assicurazioni) - Tasse aeroportuali e fuel surcharge (da riconfermare all’emissione del biglietto aereo) - Quota gestione pratica (Euro 70,00) - Parco Bwindi e permesso per Gorilla tracking (USD 600) e parco degli scimpanzé (USD 150) - Eventuali tasse aeroportuali locali: attualmente sono tutte inserite nei biglietti aerei; potrebbero essere richieste o modificate senza preavviso dalle autorità locali - Tasse d’Ingresso delle apparecchiature fotografiche nei luoghi turistici (da pagare in loco) - Visto turistico d’ingresso in Uganda (rilasciato in loco all’arrivo, USD 100) - Early check in e late check out negli alberghi, eccetto dove specificato - Escursioni e visite facoltative, non previste in programma - Pasti non previsti in programma, menù à la carte, bevande, mance, facchinaggi, extra di carattere personale e tutto quanto non espressamente indicato.

    Richiesta informazioni

    compila il form per avere maggiori informazioni sul viaggio Uganda incredibile - Incontro con i gorilla di montagna

    Nome*
    Cognome*
    Messaggio
    • Informazioni utili
      scopri tutti i prezzi
    • Viaggi assicurati
      assistenza alla persona, spese mediche,
      bagaglio, annullamento e "Rischio Zero”
    • Condizioni generali
      di contratto di vendita
      di pacchetti turistici

    Ordinamento dello stato

    L’Uganda è una repubblica presidenziale.

    Geografia

    Il territorio dell'Uganda è caratterizzato dalla presenza di numerosi laghi, fiumi (il più importante dei quali è il Nilo bianco), foreste equatoriali e savane. Nella parte meridionale è attraversato dall'Equatore.

    La superficie complessiva è pari a 241.038 km², 36.330 dei quali sono acque interne.

    Gran parte del paese è situato su un altopiano a circa 1000 m s.l.m. con un clima piuttosto ricco di precipitazioni; solo la parte settentrionale è semiarida. Il punto meno elevato del paese è in corrispondenza del basso corso del Nilo a circa 610 m s.l.m. mentre la vetta più elevata è il Monte Stanley (5.110 m s.l.m.) nella catena del Ruwenzori

    Capitale

    Kampala (1.244.000 abitanti/1.461.600 abitanti nell'area metropolitana)

    La bandiera dell'Uganda

    Adottata nel 1962. Consiste di sei bande orizzontali di uguali dimensioni, in nero (alto), giallo, rosso, nero, giallo, rosso. Al centro della bandiera è presente un disco bianco con una gru coronata, rivolta verso il lato dell'Asta. L'uccello è noto per la sua natura mite.
    I colori sono ispirati a quelli del Uganda People's Congress, il partito, fondato nel 1960 che risultò vincitore alle elezioni del 1962:
    ∗ Il nero rappresenta il popolo africano
    ∗ Il giallo rappresenta i raggi del sole
    ∗ il rosso rappresenta la fratellanza fra tutti gli uomini
    La scelta della gru coronata dipese invece dal fatto che nessuno dei regni presenti nel passato del paese la usò come suo simbolo, tranne la squadra di calcio Fiamme Nere Kampala che diede però il suo bene stare.

    Popolazione

    La popolazione di circa 27, 6 milioni di abitanti.
    Si suddividono in 17% baganda, 8% ankole, 8% basoga, 8% iteso, 7% bakiga, 6% langi, 6% rwanda, 5% bagisu, 4% acholi, 4% lugbara, 3% bunyoro, 3% batoro, 2% alur, 2% bagwere, 2% bakonjo, 2% jopodhola, 2% karamojong, 2% rundi, 1% europei, asiatici, arabi, 8% altri popoli

    Documenti per l'espatrio

    Passaporto in corso di validità

    Per le eventuali modifiche relative alla validità residua richiesta del passaporto si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio.

    Al fine di evitare eventuali contestazioni al momento dell’ingresso nel Paese, si consiglia di viaggiare con un passaporto che abbia validità residua di almeno 6 mesi.
    Si consiglia, inoltre, di lasciare almeno due pagine bianche nel passaporto nella sezione riservata ai visti d’ingresso, affinché venga apposta la vignetta obbligatoria di permesso di soggiorno temporaneo. In caso di assenza della vignetta, si è soggetti ad un’ammenda ed il viaggiatore potrebbe essere respinto in frontiera ed immediatamente rimpatriato.

    Il passaporto deve essere firmato dall’intestatario nell’apposito spazio nella pagina dei dati e, al momento della partenza, deve avere una validità non inferiore a quella indicata.

    La nostra organizzazione mette a disposizione sul sito www.earthviaggi.it una serie di informazioni relative ai documenti necessari per l’ingresso nei diversi Paesi.

    Poiché non si tratta di fonte ufficiale e poiché la normativa non è chiara ed è soggetta a frequenti modifiche, onde evitare inconvenienti nei luoghi di partenza, di transito e di arrivo, invitiamo a controllare personalmente presso le Autorità competenti e con largo anticipo, che i propri documenti siano in regola per il viaggio.

    Visto d’ingresso

    Visto turistico di ingresso da ottenersi on-line prima della partenza dall’Italia

    Disposizioni sanitarie

    La vaccinazione contro la febbre gialla rappresenta un requisito obbligatorio di accesso all’interno del Paese per tutti i viaggiatori. Tale vaccinazione deve essere effettuata almeno 10 giorni prima dell’ingresso nel Paese e ha durata permanente, non necessitando di ulteriori richiami.

    Fuso orario

    Tre ore avanti rispetto al meridiano di Greenwich (due ore avanti rispetto all'Italia).

    Abbigliamento

    Per quanto riguarda gli indumenti personali si consiglia un abbigliamento informale e “stile a cipolla”. Consigliati abiti pratici e leggeri per il giorno (camicie di cotone, pantaloni lunghi e corti di tela, calzature comode) e alcuni capi un poco più pesanti (per esempio un pile), cerata impermeabile, foulard e calze per la sera e la mattina.

    È consigliabile adottare un abbigliamento di colore adeguato, kaki, verde marrone, per non allarmare gli animali.
    Da evitare il bianco che spaventa animali e il mimetico militare, tassativamente vietato nella maggior parte dei africani. In alcune regioni possono esservi mosche tze-tze quindi quando attraversano quelle zone è consigliabile indossare pantaloni e camicie a maniche lunghe, da evitare il nero e il blu che le attirano in modo particolare.
    Gli hotel richiedono nessun abbigliamento elegante.

    Per il Gorilla tracking è importante portare con sé: scarpe da trekking impermeabili, guanti (da giardinaggio vanno benissimo), pantaloni leggeri resistenti e possibilmente antistrappo (un paio di vecchi jeans sono perfetti), maglia/camicia a maniche lunghe, una cerata impermeabile (pantaloni e giacca) molto leggera, un cappello a tesa larga impermeabile.

    Da non dimenticare:
    - occhiali da sole
    - cappellino da sole
    - torcia elettrica
    - batterie di ricambio
    - nastro adesivo
    - farmacia personale
    - eventuale asciugacapelli
    - repellente per insetti
    - salviette igieniche
    - creme solari protezione
    - crema idratante
    - burrocacao per labbra
    - memorycard di riserva
    - costume da bagno
    - sandali/ciabattine di plastica
    - un paio di scarpe comode con fondo antisdrucciolo
    - zainetto per necessità giornaliere.

    Lingua

    Inglese e swahili (ufficiale), luganda.

    Moneta

    Scellino ugandese (USh). Denaro contante è facile da cambiare presso le maggiori banche e gli uffici di cambio (forex).
    Le migliori sono Standard Chartered e Barclays Banks. Gli uffici forex offrono però tassi di cambio più vantaggiosi.

    La Standard Chartered Bank ha un circuito di sportelli bancomat che accettano carte di credito internazionali, situati in Kampala, Jinja, Mbale e Mbarara.

    Contrattare è d'obbligo nei mercatini per strada, ma non pensate di farlo nei negozi: lì i prezzi sono fissi.
    1 Euro = 3021,93 Ugx
    1 Ugx = 0,00032 Euro
    1 Dollaro USA = 2438,95 Ugx
    1 Ugx = 0,00040 Dollari USA

    Lo scellino ugandese è una moneta stabile e completamente convertibile che registra minime oscillazioni da un giorno all'altro.
    Non fa molta differenza dove cambiate il vostro denaro, ma in genere gli uffici di cambio offrono tassi migliori rispetto alle banche.
    Li troverete presso quasi tutti i posti di frontiera e nelle città principali.
    La cosa migliore è cambiare quasi tutto in travellers' cheque tenendo qualcosa in contanti, preferibilmente dollari americani, sterline inglesi o rand sudafricani.

    Si consiglia di munirsi di USD e/o EURO di medio (50 e 100 per avere i tassi di cambio migliori) e un po’ di piccolo taglio (10, 20 con tassi di cambio leggermente peggiori) per evitare di dover cambiare troppo.

    Le Park Fees devono essere pagate sempre e solo in USD. Si ricorda che i dollari emessi prima del 2001 non vengono più né accettati né cambiati, a causa delle numerose falsificazioni.
    Il cambio si effettua negli hotel, negli uffici autorizzati e nelle banche ma spesso è possibile pagare gli acquisti anche in US$ o Euro.

    IMPORTANTE: al di fuori della capitale gli euro vengono parificati ai dollari americani (!) quindi vale la pena di portarsi anche dollari.
    Si consiglia di cambiare poco per volta perché riconvertire in valuta forte può essere complicato (tenere comunque copia delle ricevute di cambio).
    Le carte di credito sono accettate solo nei grandi alberghi e nei ristoranti più costosi.
    Tuttavia i tempi possono essere lunghi e può essere applicata una commissione extra.
    Non sono accettate le carte di credito “Electron” né i Travellers Cheques.
    Per quanto riguarda l'ammontare di valuta da portare durante il viaggio bisogna prevedere una spesa di circa USD 150-250 non calcolando le tasse di ingresso ai parchi, gli acquisti di souvenir personali, le mance e le eventuali escursioni facoltative.

    Elettricità

    Il voltaggio in uso è 220-240 v. Si consiglia di munirsi di spina universale in quanto le prese sono diverse e non sempre gli hotel/lodge hanno adattatori (provare comunque a chiedere sempre in Reception). Nei lodge/campi tendati ove non vi fossero prese di corrente in camera/tenda è possibile ricaricare batterie ecc utilizzando le prese delle zone comuni e/o chiedendo al personale; spesso funzionano

    Mance

    In Uganda non è consuetudine lasciare la mancia, ma siete liberi di farlo se per esempio volete premiare un servizio particolarmente buono. Si usa invece trattare sul prezzo, in particolare quando si acquista nei mercati, nelle bancarelle per strada e anche nei negozi di artigianato

    Cucina

    La cucina locale non presenta particolari piatti tipici, ma anche se le possibilità di scelta non sono ampie, il cibo è generalmente buono.

    Ottima la frutta: manghi, banane, ananas, papaie, avocado ed altra frutta a noi sconosciuta. I lodge/campi tendati fissi utilizzati durante il viaggio e gli alberghi in città servono una buona cucina internazionale abbinata a piatti della tradizione locale. È possibile trovare ogni tipo di bevande.

    Durante i trasferimenti i pranzi possono essere a base di lunch-box preparate dai lodge (alquanto ripetitive e “scarse” ma non c’è molta scelta) oppure in piccoli ristoranti locali.

    Siete pregati di avvisare l’ufficio in Italia per tempo se siete vegetariani per poter cercare di venire incontro alle vostre esigenze nel modo migliore, anche se in Africa non è sempre facile e la scelta per i non-carnivori non è molta.

    Shopping

    L’Uganda presenta un artigianato non molto vario ma si possono trovare splendidi tessuti e articoli prodotti al confine con Congo/Zaire.

    Attenzione a non comperare i seguenti articoli e i loro derivati: avorio, corno di rinoceronte, tartaruga, coralli e madrepore, pelli di rettili, animali vivi, pelli di specie protette e/o a rischio di estinzione.

    Importante verificare le disposizioni nazionali ed internazionali.
    Orari di apertura dei negozi: da lunedì a venerdì 08.30/17.00

    Religione

    33% cattolica, 33% protestante, 18% animista, 16% musulmana

    Telecomunicazioni

    Per telefonare dall'Italia il prefisso è 00256.
    Per telefonare in Italia dall’Uganda il prefisso internazionale è 0039.
    Durante il viaggio non sarà sempre possibile telefonare, mentre sarà relativamente facile chiamare dalla capitale e da alcuni lodge. Esiste copertura per i cellulari GSM in quasi tutto il territorio.
    Si raccomanda un uso moderato del proprio cellulare e nel rispetto degli altri partecipanti, soprattutto quando nei mezzi o nelle zone comuni degli alberghi/lodge.
    Dal blog
    Uganda incredibile - Incontro con i gorilla di montagna
    01
    GIORNO 01

    Partenza per Entebbe - Kampala

    Partenza dall’Italia con volo di linea per Entebbe.
    Pasti e pernottamento a bordo.

    02
    GIORNO 02

    Arrivo a Entebbe - Kampala

    Arrivo all’aeroporto internazionale di Entebbe, disbrigo delle formalità doganali e, dopo il ritiro bagagli, incontro con la guida parlante italiano per il trasferimento a Kampala.
    Sistemazione in Hotel e pernottamento.

    03
    GIORNO 03

    Kampala - Murchison Falls National Park

    Prima colazione in Hotel.
    Partenza al mattino presto in direzione nord-ovest con destinazione Murchison Falls National Park (circa 5 ore), che con i suoi 3840 kmq costituisce il parco più esteso del Paese. Comprende un tratto della costa del Lago Alberto, ed è diviso in due dal Nilo Vittoria, che lo attraversa da est a ovest.
    E’ proprio il Nilo Vittoria che dà origine alle grandi e spettacolari Cascate Murchison, prima di proseguire il proprio corso verso il Sudan e il Mediterraneo.
    Quando Sir Samuel Baker si trovò di fronte a questa incredibile esplosione d’acqua, ovvero le cascate più selvagge dell’intera lunghezza del Nilo Bianco (6.700 km circa), diede loro il nome Murchison Falls in onore dell’allora presidente della Royal Geographical Society britannica. Il parco comprende diversi habitat equatoriali e tropicali, ad altitudini comprese fra 500 e 1.290 m-slm.
    Oltre agli ambienti lacustre e fluviale, sono incluse nel parco aree di savana e diverse foreste pluviali, fra cui quelle di Rabongo e Budongo.
    La ricchezza faunistica della zona si è in parte riformata dopo i pesantissimi danni subiti da parte di bracconieri e soprattutto dall’ esercito durante la guerra per abbattere la dittatura di Idi Amin. Nel parco si trovano e si possono vedere, specialmente navigando sul fiume Nilo, bufali, giraffe, facoceri, leoni, leopardi, ippopotami, coccodrilli, elefanti, scimpanzé, e una ricchissima avifauna.
    Lungo il tragitto, sosta allo Ziwa Rhino Sanctuary a circa 170 km da Kampala.
    Creato da pochi anni, oggi Sanctuary è la sede di un importante programma di “breeding” di rinoceronti bianchi, per poi poterli reintrodurre anche nei parchi nazionali. L’Uganda ospitava la sub-specie nordica del rinoceronte bianco e la sub-specie orientale del rinoceronte nero, tuttavia entrambi si estinsero durante gli anni di Idi Amin. Arrivo al Lodge, cena e pernottamento.

    04
    GIORNO 04

    Murchison Falls National Park

    Di primissima mattina partenza per un game drive all’alba nella zona settentrionale del Parco. Possibilità di incontrare antilopi kob, bufali, giraffe, elefanti, facoceri e, con un po’ di fortuna, anche predatori quali il leone e il leopardo. Rientro per alcune ore di piacevole relax nel meraviglioso ambiente del lodge e nel pomeriggio partenza per una delle escursioni più speciali del tour: l’uscita in barca lungo il Nilo verso le cascate. Oltre alla spettacolare e abbondante avifauna, molto probabili sono gli incontri con ippopotami, coccodrilli ed elefanti. Le cascate e il punto dove il fiume è costretto a passare attraverso una gola larga appena 6 metri prima del salto di 40 metri sono indubbiamente uno spettacolo incredibile.
    Pensione completa e pernottamento al Lodge.

    (l’ordine delle attività può essere invertito)

    05
    GIORNO 05

    Murchison Falls National Park - Kibale

    Prima colazione al Lodge. Giornata di trasferimento costeggiando la sponda occidentale dell’Albert Lake e proseguendo lungo la Rift Valley fino alla cittadina di Kibale (km 340 - circa 7/8 ore) nelle vicinanze della Catena del Ruwenzori (5019 m). Pensione completa e pernottamento al Lodge.
    06
    GIORNO 06

    Parco di Kibale - Queen Elizabeth National Park

    Prima colazione in Hotel.
    Mattinata dedicata all’incontro con gli scimpanzee (escursione a piedi), nel parco di Kibale, un’affascinante foresta tropicale di 766 kmq che è l’habitat ideale di ben 12 specie di primati ed ha la più alta densità di primati della terra. Durante la visita è possibile venire a contatto con scimpanzé, babbuini, colobus bianchi e rossi, ecc… Anche se vedere gli scimpanzé non è facilissimo, è quasi garantito il riuscire a sentirli. Gli alberi, alcuni alti ben 50-60 metri, offrono anche riparo e rifugio alle coloratissime farfalle (144 specie) e alla variegata avifauna (325 le specie identificate). Sebbene sia molto raro vederli, il parco ospita la più numerosa popolazione di elefanti di foresta del Paese ed è la “casa” di antilopi bushbuck, duiker e bufali.
    Pranzo al sacco.
    Nel pomeriggio partenza per il Queen Elizabeth National Park (circa 5 ore), creato nel 1954 e che prende il nome dalla regina Elisabetta. Si sviluppa attorno al canale di Kazinga che unisce i laghi George e Edward. Il parco include al proprio interno la foresta di Maramagambo e parte del lago Edward e confina con altre aree naturali protette: le riserve faunistiche di Kigezi e Kyambura, il parco nazionale di Kibale e il parco nazionale di Virunga nella confinante Repubblica Democratica del Congo.
    Il parco comprende numerosi habitat: ci sono aree di savana, di foresta pluviale (come Maramagambo), paludi, e i bacini lacustri del lago Edward e del Canale di Kazinga. Il parco è anche noto per i numerosi coni e crateri vulcanici; alcuni crateri formano laghi vulcanici come il Katwe. Fra gli animali presenti nel parco ci sono i coccodrilli del Nilo e gli ippopotami, di cui nel canale di Kazinga si registra una delle massime concentrazioni al mondo. Altre specie animali avvistabili sono l'elefante, il leopardo, il leone, lo scimpanzé, l'ilochero, il facocero, il bufalo e l'antilope kob. La zona conosciuta come Ishasha (all'estremità sudoccidentale del parco, presso il confine con il Congo) è nota per la sua popolazione di leoni, che hanno la particolare abitudine (osservata solo in pochissime altre zone dell'Africa) di arrampicarsi sugli alberi. Nelle aree lacustri sono comuni anche gli stormi di fenicotteri rosa.
    Arrivo e sistemazione al Lodge.
    Cena e pernottamento.

    SCIMPANZEE (pan troglodyte schweinfurthi)
    Il “cugino” con cui l’uomo condivide il 98% del DNA è un altro primate d’eccezione. Passando una buona parte della giornata a terra, riescono anche a camminare in posizione bipede per brevi distanze. Si arrampicano invece sugli alberi alla ricerca di cibo e per riposare. Sono animali estremamente intelligenti ed addirittura costruiscono attrezzi. Seguirli però non è un’impresa facile perché sono più mobili ed esuberanti dei gorilla e perché ci si deve spesso addentrare tra la fitta ed umida vegetazione. Considerare almeno 3-4 ore di trek.
    Gli scimpanzé vivono in branchi composti da un numero variabile di individui, fra alcune unità e una quarantina. Più frequentemente, tuttavia, i componenti di un branco superano di poco la decina. Alto sino a 1,70 m nei maschi e 1,30 nelle femmine, di peso variabile tra i 50 e gli 80 kg. Lo scimpanzé ha lineamenti più snelli e con arti più corti e più proporzionati rispetto a quelli dell'orango e del gorilla, con pollice della mano ben sviluppato; ha manto nerastro, di pelo abbondante, che con l'età diventa più grigiastro. La testa presenta cranio tondeggiante, notevole sviluppo della faccia con occhi piccoli e infossati, spiccata arcata sovraorbitaria, orecchie vistose, bocca larga con labbra ben profilate.

    07
    GIORNO 07

    Queen Elizabeth National Park

    Prima colazione in Hotel.
    Di prima mattina game drive alla ricerca di prede e predatori.
    Rientro al Lodge per il pranzo.
    Nel pomeriggio navigazione lungo il Kazinga Channel, il canale che unisce i due grandi laghi Edward e George. Durante il boat safari si avrà la possibilità di ammirare non solo un meraviglioso paesaggio ma anche grossi e sonnolenti ippopotami, grandi coccodrilli, bufali, antilopi e, soprattutto, la profusione di uccelli.
    Rientro al Lodge, cena e pernottamento.

    (l’ordine delle attività può essere invertito)

    08
    GIORNO 08

    Queen Elizabeth National Park - Bwindi National Park

    Prima colazione al lodge. Partenza per Bwindi (circa 4 ore), con sosta lungo il tragitto per il pranzo pic-nic. Il Bwindi National Park, noto un tempo con il nome di “Foresta impenetrabile” è situato nel sud ovest dell'Uganda ai confini del braccio occidentale della Rift Valley e copre un'area di 331 kmq. Il parco ospita circa 320 gorilla di montagna (ossia la metà dell’intera popolazione mondiale) riuniti in quattro gruppi familiari abituati alla presenza umana. Il gruppo Mubare e il gruppo Rushegura con 10 gorilla e 1 silverback; il gruppo Habinyanja con 18 gorilla e 1 silverback; il gruppo Nkuringo con 19 gorilla e 2 silverback. Questo parco ospita, oltre a 11 specie di primati: quasi la metà della popolazione mondiale di gorilla di montagna, tanti altri animali. Diverse specie di Colobi, scimpanzé, elefanti, 6 specie di antilopi, 5 specie di cefalofo o silvicapra, bufali, il gatto dorato africano, la civetta africana, il potamocero (cinghiale mascherato), il raro ilochero (il maiale gigante delle foreste), la lontra dalle guance bianche o grande lontra africana, la genetta e molte specie di pipistrelli e roditori. La sede del parco è a Buhoma, ai margini settentrionali, ed è da qui che partono le visite ai gorilla. Arrivo e sistemazione al Camp. Pomeriggio a disposizione per libere attività individuali. Possibilità di passeggiata a piedi con guida/ranger del lodge (extra, da prenotare e regolare in loco). Cena e pernottamento.
    09
    GIORNO 09

    Bwindi National Park

    Prima colazione al lodge.
    Il mattino presto partenza per il safari a piedi alla ricerca dei gorilla di montagna.
    Il tracking può avere una durata dalle 2 alle 9 ore a seconda di dove si trovano i gorilla.
    Pranzo pic-nic in corso d’escursione. Rientro al Lodge, cena e pernottamento. 

    GORILLA DI MONTAGNA (Gorilla beringei) 
    L’incontro con queste magnifiche creature è considerato da molti viaggiatori uno dei momenti più intensi del viaggio in Africa. Questi animali furono studiati in profondità da George Schaller e più recentemente da Diane Fossey.La Fossey passò circa 13 anni in un remoto accampamento sul vulcano Visoke e forse sarebbe ancora là se non fosse stata assassinata nel dicembre 1985, probabilmente da bracconieri. E’ grazie alla sua opera e alle lotte di una vita intera che i gorilla di montagna non sono ancora estinti; tuttavia la loro sopravvivenza non è assicurata e garantita poiché tanti sono gli interessi in gioco e i rischi.
    Il gorilla di montagna si distingue dagli altri gorilla per il pelo più lungo e più scuro, che sulla schiena dei maschi adulti assume un colore grigio argenteo. I maschi pesano tra 140 e 180 kg, le femmine tra 70 e 110 kg. Sul cranio sono presenti due creste ossee, più sviluppate nei maschi: una superiore (sagittale) e una sulla nuca.

    GORILLA TRACKING
    Non è possibile prevedere con anticipo i tempi e i percorsi esatti per raggiungere la famiglia di gorilla a cui si è stati assegnati perché i gorilla di montagna durante la notte possono coprire grandi distanze. Il trekking è abbastanza impegnativo in quanto si svolge lungo sentieri in foresta dove la vegetazione è fitta e l’umidità presente tutto l’anno.
    Il tempo di permanenza presso i gorilla è di circa un’ora.
    Per il trekking è importante portare con sé: scarpe leggere da trekking impermeabili, guanti (da giardinaggio vanno benissimo), pantaloni leggeri ma resistenti e possibilmente antistrappo (un paio di vecchi jeans sono perfetti), una maglia/camicia a maniche lunghe, una cerata impermeabile (pantaloni e giacca) molto leggera, un cappello impermeabile.

    Importante: assolutamente vietato partecipare al “gorilla tracking” se sapete di essere ammalati o anche solo di non stare bene (raffreddore, tosse, diarrea, influenza...) in quanto potrebbe succedere di passare l’infezione ai gorilla e le conseguenze potrebbero essere drammatiche per loro, anche mortali.

    10
    GIORNO 10

    Bwindi National Park - Lake Mburo National Park

    Prima colazione al lodge. Partenza per Lake Mburo National Park (circa 6 ore), con sosta lungo il tragitto per il pranzo pic-nic. Il Lake Mburo National Park è situato nel distretto di Mbarara e ricopre un'area relativamente piccola con 370 kmq, risultando così il più piccolo parco nazionale ugandese. Il lago Mburo è il più grande di una serie di 5 laghi all'interno dei confini del parco che a loro volta fanno parte di un gruppo di 14 laghi alimentati dal fiume Rwizi e insieme formano un complesso di estese paludi. La fauna è costituita da grandi gruppi di impala e antilopi che si addensano intorno alla foreste di acacie insieme ai Saltarupe e Antilopi, al raro Damalisco e Sitatunga. Gruppi di zebre e bufali pascolano liberi nel parco osservati da gruppi di leopardi. La presenza di coccodrilli e ippopotami attrae un ampio numero di uccelli come il Marabù africano e la Gru Coronata, il simbolo nazionale dell'Uganda. Arrivo e sistemazione al Lodge. Nel pomeriggio, una prima attività di fotosafari nel Parco. Rientro al Lodge, cena e pernottamento.
    11
    GIORNO 11

    Lake Mburo National Park - Entebbe - Rientro in Italia

    Prima colazione al Lodge.
    Si rientra a Kampala (circa 5 ore). Lungo il tragitto sosta per visitare il punto in cui passa la linea dell’Equatore. Trasferimento all’aeroporto internazionale di Entebbe e partenza con volo di linea di rientro in Italia. Pernottamento a bordo.

    12
    GIORNO 12

    Arrivo in italia

    GIORNO PRECEDENTE
    GIORNO SUCCESSIVO