Bolivia - Cultura e Natura

Da Santa Cruz a La Paz attraverso gli altipiani andini
Voli inclusi
voli inclusi
nella quota
Quote
quotazione su richiesta
contattaci
Disponibilità viaggio
partenze individuali
tutto l'anno
Giorni di viaggio
18
giorni di viaggio
viaggio personalizzabile

Questo itinerario è solo un esempio dei tour che organizziamo.
Contattaci per costruire insieme il tuo viaggio su misura!

RICHIEDI INFORMAZIONI
Quote a partire da
quotazione su richiesta
Data di partenza
partenze individuali tutto l'anno
Giorni di viaggio
18
Incluso nel viaggio
  • Polizza “Viaggi Rischio Zero”
  • Voli aerei
In collaborazione con
    Linea di viaggio
    • Linea di esperienza
    Modalità di viaggio
    Kit da viaggio
    • Kit Viaggio

    Caratteristiche di viaggio

    Un fantastico itinerario alla scoperta della Bolivia, sicuramente uno dei paesi più poveri del Sud America ma ricco di interessanti testimonianze storiche e folcloristiche e di straordinari scenari naturalistici.

    Questo paese senza sbocchi sul mare comprende il settore più vasto della Cordigliera delle Ande, con zone geografiche e climatiche diversissime tra loro, che spaziano dalle rigogliose giungle alle immense savane, dalle imponenti catene montuose ai deserti d'alta quota.

    Il viaggio inizia dalle pianure dove è situata Santa Cruz, la città più popolosa e ricca della Bolivia, centro nevralgico del commercio e dei trasporti. Si risalgono i contrafforti andini, sino alla città coloniale di Sucre dichiarata Patrimonio Mondiale dell'Umanità dallUNESCO e considerata la città più bella del paese. Continuando verso sud si sale ai 4090 m. di Potosì, città mineraria nel mezzo delle Ande boliviane, famosa per l'argento che veniva estratto dalle miniere di Cerro Rico.

    Dedicheremo un giorno per esplorare i dintorni di Tupiza un villaggio incastonato in un paesaggio straordinario fatto di rocce dai diversi colori, colline , montagne e canyon. Preso possesso dei nostri mezzi fuoristrada ci inoltriamo nell'altipiano desertico disseminato da lagune dagli incredibili colori e numerosi vulcani fino a raggiungere ed attraversare lo spettacolare Salar de Uyuni la pianura salata più vasta del mondo ad un'altitudine di 3650 m. Poi è la volta del Salar de Coipasa dove nei pressi delle sue rive vive la comunità indios Chipaya con le loro caratteristiche capanne di fango circolari, ritenuti dai ricercatori i primi abitanti dell'altipiano.

    Rimanendo sempre a quote elevate visitiamo il Parco Nazionale di Sajama con i suoi magnifici vulcani sempre incappucciati di neve. L'ultima tappa ci porta a La Paz, la capitale di fatto del paese, una delle metropoli più incredibili per il suo sviluppo in verticale mentre sullo sfondo si stagliano le tre cime innevate dell'illimani (6042 m.).

    L'organizzazione prevede i trasferimenti in pulmini e fuoristrada tipo Toyota Land Cruiser 4x4.

    Sull'altipiano andino i pernottamenti sono previsti in piccoli hotel (Tayka Hotel) costruiti con le caratteristiche strutture tradizionali, semplici ma confortevoli.

    RICHIEDI INFORMAZIONI

    Tappe del tour

    Bolivia - Cultura e Natura
    18 giorni

    aereopercorso via terra
    aereopercorso in aereo
    aereopercorso in nave

    Il programma di viaggio

    18 giorni

    + vedi il programma completo
    GIORNO
    01

    Partenza per Madrid

    Partenza dall'Italia per Madrid. Arrivo e proseguimento in aerea transiti internazionali.

    + leggi tutto
    GIORNO
    02

    Madrid - Buenos Aires - Santa Cruz (440 m.)

    Partenza con volo di linea per Buenos Aires.Pasti e pernottamento a bordo. Arrivo a Buenos Aires e partenza con volo...

    + leggi tutto
    GIORNO
    03

    Santa Cruz - Samaipata - Totora (2000 m. circa)

    Prima colazione in Hotel. Partenza per il villaggio di Samaipata ai piedi della Cordillera Oriental, lungo il percorso breve visita...

    + leggi tutto
    GIORNO
    04

    Totora - Sucre (2790 m.)

    Prima colazione in Hotel. Breve visita di Totora e partenza per Sucre. Lungo il percorso visita del villaggio coloniale di...

    + leggi tutto
    GIORNO
    05

    Crater de Maragua

    Prima colazione in Hotel. Escursione in fuoristrada nella Cordillera de los Frailes. Dalla cappella della Virgen de Chataquilla, con una...

    + leggi tutto
    GIORNO
    06

    Visita alla comunità di Jatun Yampara - Potosì (4070 m.)

    Prima colazione in Hotel. Giornata dedicata alla visita con pullmino della comunità indigena Ayatun Yampara particolarmente interessante per il folclore...

    + leggi tutto
    GIORNO
    07

    Potosì

    Prima colazione in Hotel. Giornata dedicata alla visita a piedi di Potosì famosa per essere la città più alta del...

    + leggi tutto
    GIORNO
    08

    Potosì - Tupiza (2950 m.)

    Prima colazione in Hotel. In mattinata visita al Museo e Convento di Santa Teresa, in epoca coloniale convento di clausura...

    + leggi tutto
    GIORNO
    09

    Tupiza

    Prima colazione in Hotel. Interra giornata dedicata alla visita dei dintorni di Tupiza. Uno spettacolare paesaggio formato da montagne, quebradas...

    + leggi tutto
    GIORNO
    10

    Tupiza - San Antonio de Lipez (4200 m.)

    Prima colazione in Hotel. Partenza per San Antonio de Lipez, lungo il percorso sosta nella Quebrada de Palapa e a...

    + leggi tutto
    GIORNO
    11

    San Antonio de Lipez - Villamar (4600 m.)

    Prima colazione in Rifugio. Partenza verso la punta sud-occidentale della Bolivia, un'elevata enorme regione desertica, è una delle aree più...

    + leggi tutto
    GIORNO
    12

    Villamar - San Pedro De Quemes (3850 m.)

    Prima colazione in Rifugio. Proseguimento del viaggio sull'altipiano andino verso nord nella Pampa de Siloli dai colori rossastri. Lungo la...

    + leggi tutto
    GIORNO
    13

    San Pedro De Quemes - Salar di Uyuni - Tahua (3650 m.)

    Prima colazione in Hotel. Una delle tappe più emozionanti del viaggio è sicuramente l'attraversamento del Salar de Uyuni, , il...

    + leggi tutto
    GIORNO
    14

    Tahua - Sabaya (3670 m.)

    Prima colazione in Hotel. Attraversamento della parte nord del Salar di Uyuni, per raggiungere il villaggio di Llica e quindi...

    + leggi tutto
    GIORNO
    15

    Sabaya - Sajaima - Tomarapi (4280 m.)

    Prima colazione in Rifugio. Trasferimento con pullmino al Parque Nacional Sajama, il primo parco nazionale che si estende su 80.000...

    + leggi tutto
    GIORNO
    16

    Tomarapi - La Paz (3640 m.)

    Prima colazione in Hotel. Visita alla zona dei geyser e delle sorgenti termali che sgorgano a 35° con la possibilità...

    + leggi tutto
    GIORNO
    17

    Rientro in Italia

    Prima colazione in Hotel. Trasferimento all'aeroporto per il volo a Buenos Aires. Arrivo e proseguimento con volo di linea per...

    + leggi tutto
    GIORNO
    18

    Arrivo in Italia

    + leggi tutto
    vedi tutti i 18 giorni

    Gli alberghi

    Hotel previsti o similari

    • QUOTE
      scopri tutti i prezzi
    • NOTE
      informazioni utili per il viaggio
    • COS'È INCLUSO?
      servizi inclusi nel viaggio
    • COS'È ESCLUSO?
      servizi esclusi nella quotazione

    Quotazioni su richiesta

    NOTE


    Le quote di partecipazione includono

    Voli di linea da Milano a Santa Cruz e ritorno da La Paz come indicato in programma, in classe economica - Tutti i trasferimenti in pulmini privati da Santa Cruz a Potosì e da Sebaya a La Paz - Trasferimenti in fuoristrada 4x4 da Tupiza a Sebaya - Pernottamenti in Hotel 3 stelle durante il tour e in rifugi modesti sullaltipiano andino, come indicato in programma - Trattamento di prima colazione a La Paz, di mezza pensione con pranzi (in ristorante o pic-nic) e di pensione completa, come indicato nel programma - Guide locali parlanti italiano, dove disponibili - Visite ed escursioni con ingressi ai Musei, Parchi e Riserve - Assicurazione bagaglio, sanitaria e annullamento Mondial Assistance - Assicurazione Viaggio a Rischio Zero Navale - Guida della Boliva (per camera) e zainetto da viaggio.

    Le quote di partecipazione non includono

    Tutte le tasse aeroportuali da pagare in loco (25 Usd in uscita da La Paz) - Sacco a pelo - Pasti non indicati, bevande, mance e tutto quanto non sopra specificato.

    Richiesta informazioni

    compila il form per avere maggiori informazioni sul viaggio Bolivia - Cultura e Natura

    Nome*
    Cognome*
    Messaggio
    • Informazioni utili
      scopri tutti i prezzi
    • È importante sapere che...
      scopri tutte le date di partenza
    • Viaggi assicurati
      assistenza alla persona, spese mediche,
      bagaglio, annullamento e "Rischio Zero”
    • Condizioni generali
      di contratto di vendita
      di pacchetti turistici

    Ordinamento dello stato

    Essendo una Repubblica Presidenziale il Capo di Stato, che svolge anche le funzioni di Capo di Governo, viene eletto direttamente dai cittadini. Attuale Capo di Stato e Capo del Governo è Juan Evo Morales Aima, insediato alla Presidenza dello Stato il 22 gennaio 2006. Dopo più di 500 anni dalla Conquista, è il primo nativo d’America ad essere eletto Presidente attraverso libere elezioni.

    Geografia

    La Bolivia è uno stato dell’America meridionale, situato nel centro del continente, senza sbocchi al mare. La sua superficie è di 1.098.581 kmq. Confina a nord e a est con il Brasile, a sud con il Paraguay e l’Argentina, a ovest con il Cile ed il Perù.

    Capitale

    La capitale costituzionale è Sucre, mentre la capitale amministrativa, dove ha sede il Governo, è La Paz. La città più popolata è Santa Cruz de la Sierra, con circa 1,5 milioni di abitanti.

    Bandiera

    La bandiera della Bolivia fu adottata nel Novembre del 1851, é composta da tre strisce orizzontali: in alto il rosso, in mezzo il giallo e in basso il verde. Il rosso e il verde erano i colori della vecchia bandiera del 1825. Il rosso simboleggia il valore e il verde la fertilità. La banda centrale gialla simboleggia le risorse minerarie del paese.

    Popolazione

    La popolazione della Bolivia è di circa 9.100.000 abitanti, con una densità di 8 abitanti circa per kmq., concentrata nel triangolo compreso fra il Titicaca, Potosí e Santa Cruz. Il 60% sono indigeni amerindi distribuiti soprattutto nelle aree rurali dell’altopiano, il 30% meticci, frutto della fusione con la componente spagnola, ed il 10% bianchi.

    Lingua

    Le lingue ufficiali sono lo Spagnolo, l’Aymara e il Quechua (con vari dialetti nelle varie regioni).
    La grande maggioranza della popolazione parla spagnolo, ma il 60% comunica anche o solo nelle lingue originarie quechua o aymará o in quelle appartenenti alle famiglie tupi-guaraní, chiquito, arawak e tacana o in altre minori.

    Religione

    In Bolivia esiste la libertà di culto. La religione maggiormente diffusa è la Cattolica (90%) in crescita quella protestante. La maggioranza della popolazione indigena, pur dichiarandosi cattolica, pratica culti sincretici, dove persistono profondi legami con la religione tradizionale animista.

    Documenti per l'espatrio

    I viaggiatori di nazionalità italiana non necessitano di visto per visitare la Bolivia. All’arrivo, presentando il passaporto che dovrà avere una validità residua di almeno sei mesi dall’ingresso nel paese si riceve una carta turistica che consente una permanenza di 90 giorni.

    Ambasciata d’Italia a La Paz

    Calle 5 Jordan Cuellar n. 458 – Obrajes
Casella Postale n. 626
La Paz
Tel. +591 (2) 2788506
Fax +591 (2) 2788178
(Tel / Fax Unita’ Tecnica Locale: +591 2 2788001)
E-mail: segreteria.lapaz@esteri.it.

    Disposizioni sanitarie

    Occorre comunque attenersi ad alcune indicazioni preventive e mantenere una corretta igiene personale. Il primo consiglio è quello di non bere acqua, se non imbottigliata, meglio ancora se addizionata di anidride carbonica (accertandosi sempre dell’effettiva chiusura del tappo) ed evitare di consumare verdure crude e frutta non sbucciata. L’altro problema è rappresentato dall’altitudine che, nonostante l’attenzione da noi prestata nella programmazione dei tour,  in modo da avere un acclimatamento graduale, può generare piccoli malesseri (mal di testa, debolezza diffusa, insonnia, mancanza d’appetito, leggera nausea) dovuti ad un naturale processo di adattamento dell’organismo alla diminuzione di ossigeno che inizia a manifestarsi intorno ai 3000 metri di quota. Una volta giunti in quota è di fondamentale importanza evitare, o limitare al massimo, il fumo, l’alcool, fatiche o camminate eccessive; concedersi invece momenti di riposo nell’arco della giornata, evitare cibi pesanti e indigesti. Normalmente i sintomi del mal di montagna scompaiono in un paio di giorni. In caso contrario, si tratta però di casi piuttosto rari, si ricorre al personale medico locale. Il tè ottenuto con l’infusione di foglie di coca, localmente denominato “mate de coca”, è una bevanda assai diffusa fra le popolazioni andine per i suoi effetti benefici sull’organismo sottoposto allo sbalzo d’altitudine.

    Trasporti aerei e aereoporti

    Sono poche le compagnie aeree che hanno voli intercontinentali diretti per la Bolivia è quindi necessario fare scalo nei paesi limitrofi come: il Brasile , l’Argentina , il Cile e il Perù che sono collegati con numerosi vettori IATA. L’aeroporto internazionale di La Paz è  lo scalo di El Alto chiamato anche John F. Kennedy Memorial che dista circa 15 Km, di traffico caotico, dalla capitale. I voli nazionali in Bolivia possono subire ritardi o variazioni determinati da condizioni atmosferiche avverse o da altre cause. I collegamenti coprono tutte le città più importanti del Paese.

    Trasporti terrestri

    La capitale e il resto del paese sono serviti da diversi mezzi di trasporto pubblici. Fortunatamente la rete stradale boliviana va migliorando con un numero maggiore di chilometri asfaltati . Le principali arterie che collegano i maggiori centri sono in buone condizioni. Diverso lo stato delle strade  di montagna normalmente strette e tortuose e corrono lungo la cresta dei rilievi o i letti dei fiumi asciutti. Il mezzo più idoneo per percorrere gli altipiani andini è un fuoristrada,per via delle strade che sono in pratica piste dissestate e polverose.

    Tasse aeroportuali

    In Bolivia si devono pagare localmente le tasse aeroportuali per le partenze di voli internazionali (25 USD circa). Le tasse aeroportuali possono subire variazioni senza preavviso. Sono esenti da tali tasse i viaggiatori in transito. è possibile effettuare il pagamento sia con moneta locale (Boliviano – BOB) che con dollari USA.

    Norme Doganali

    L’ingresso di valuta straniera è illimitato. Previa presentazione della “Dichiarazione di Ingresso Temporaneo” E’ consentita l’importazione di: 200 sigarette, 50 sigari, 0,5 Kg di tabacco, una bottiglia aperta di superalcolici. Sono ammessi medicinali di uso comune. Non si possono importare grossi quantitativi di medicinali senza un permesso specifico. E’ proibita l’esportazione d’oggetti appartenenti al patrimonio culturale e archeologico.

    Bagaglio

    Per maggior praticità sono consigliate sacche o borse non rigide ad apertura orizzontale dotate di lucchetto. Il peso non deve superare i 20 Kg a persona (da riconfermare con la compagnia aerea). E’ consentito portare a bordo dell’aereo un solo collo di massimo 5/7 kg (da ricontrollare con la compagnia aerea). Ogni collo deve essere contraddistinto dall’etichetta riportante i dati anagrafici, indirizzo e recapito telefonico del proprietario per una più facile ed immediata identificazione. Consigliamo di prestare molta attenzione al proprio bagaglio a mano, specialmente in luoghi affollati come i mercati e le stazioni ferroviarie e non portare oggetti di valore. E’ buona norma conservare documenti e denaro in un’apposita cintura o borsetta-marsupio al riparo da occhi indiscreti. Consigliamo di portare con sé le fotocopie dei propri documenti (passaporto, biglietto, assicurazione).

    Valuta

    La moneta della Bolivia è il Boliviano (codice moneta:BOB) che si divide in 100 centavos. Le banconote in circolazione sono biglietti da 200,100, 50, 20 e 10 Bolivianos e monete da 50, 20 e 10 Centavos.
La valuta più facilmente convertibile é il Dollaro Usa , mentre nelle principali località è possibile cambiare l’Euro. Il denaro si può cambiare presso le case di cambio o presso le banche delle grandi città. I traveller’s cheques e carte di credito sono accettate nelle maggiori città e nelle località turistiche.
    Cambi Indicativi:
    1 Euro             = 9.98 Boliviano
    
1 Boliviano       = 0.10 Euro

    1 Dollaro USA  = 6.96 Boliviano

    1 Boliviano       = 0.14 Dollari USA

    Fuso orario

    La Bolivia é 5 ore indietro rispetto l’Italia. Con l’ora legale la differenza oraria é di – 6 ore.

    Clima

    Il clima della Bolivia è molto vario. Da Ovest a Est si riporta una media annuale di temperatura che aumenta progressivamente dal freddo altiplanico, da -3 a 12°C, a un caldo tropicale delle terre basse, tra 20 e 28°C. Nelle valli intermedie il clima è mite e la temperatura varia fra 15 e 20°C. Nelle terre alte la temperatura scende notevolmente durante la notte. L’epoca delle piogge è da ottobre ad aprile.

    Abbigliamento

    La tecnica dell’abbigliamento a strati (capi leggeri e di medio peso da indossare, se necessario sovrapposti) consente di adeguare il grado di copertura corporea alle variazioni o agli imprevisti climatici del momento e alle zone climatiche. (vedi lista)
    EQUIPAGGIAMENTO PERSONALE CONSIGLIATO PER IL VIAGGIO
    Forniamo un elenco orientativo del materiale per intraprendere questo viaggio che ognuno dovrà adeguare alle proprie abitudini ed esigenze.
    -          sacca robusta/valigia preferibilmente non rigida, possibilmente con lucchetto
    -          zainetto per le necessità giornaliere all’interno delle vetture e per le escursioni a piedi
    -          scarpe comode e robuste per il giorno, scarpe leggere per la sera e ciabatte per doccia
    -          pantaloni comodi pesanti, jeans e pantaloni corti
    -          giacca a vento o goretex foderato di pile
    -          maglione pesante, giacca in pile, polar fleece o simili
    -          camicie di cotone e camicie di lana, t -shirt
    -          mantella impermeabile o cerata leggera
    -          calze di lana e cotone
    -          berretto di lana e guanti di lana (anche acquistabili in loco)
    -          copricapo leggero per il sole e occhiali da sole
    -          maglieria intima di lana
    -          fazzoletti, foulard per ripararsi la gola
    -          necessaire (sapone disinfettante, salviette umide)
    -          crema solare protettiva (anche per labbra)
    -          presa elettrica ad attacco universale
    -          torcia elettrica con batterie di ricambio
    -          coltellino multiuso
    -          binocolo
    -          macchina fotografica con rullini/macchina fotografica digitale con schede di memoria
    Farmacia personale:
    -          garze, cerotti e benda elastica
    -          disinfettanti intestinali
    -          antibiotici a largo spettro
    -          analgesici, antistaminici, antinfiammatori, antidolorifici
    -          repellente per insetti
    -          bustine solubili per bevande energetiche e reintegrative della disidratazione (bere molto in quota)
    -          farmaci di uso personale
    Sul volo intercontinentale dall’Italia si consiglia di portare nel bagaglio a mano, l’occorrente di prima necessità e la giacca a vento per ovviare, in parte, al disagio creato dall’eventuale smarrimento del bagaglio.

    Uffici e negozi

    Le banche sono aperte dal lunedì al venerdì dalle 09,00 alle 11,30 e dalle 14,30 alle 17,00. I negozi sono aperti dal lunedì al venerdì dalle 08,00 alle 11,30 e dalle 13,00 alle 16,00 , sabato dalle 08,00 alle 11,30. Alcuni negozi tengono aperto sino alle 21,00 ,  mentre il sabato pomeriggio e la domenica sono chiusi. Le poste sono aperte dal lunedì al venerdì dalle 08,30 alle 12,00 e dalle 14,00 alle 19,00. la posta centrale di La Paz è aperta anche di domenica.

    Pesi e misure

    In Bolivia vige il sistema metrico decimale. Sono talvolta utilizzate la libbra ,l’arroba (11,25 Kg.) e il quintal ( 2 arrobas).

    Elettricità

    E’ necessario munirsi di un adattatore di tipo americano a lamelle piatte (le spine in uso sono quelle a due spinotti piatti). Il voltaggio varia a seconda della località tra 210/110 Volts.
    Prese elettriche utilizzate in Bolivia: Tensione: 220 V  – Frequenza: 50 Hz
    Note: La Paz 115 V. In alcune zone la frequenza di rete è poco stabile
    Presa Elettrica Tipo A,Tipo C

    Telefono

    Per chiamare l’Italia in teleselezione bisogna comporre lo 0039, seguito da prefisso della città italiana con lo zero iniziale e infine il numero dell’abbonato. Il prefisso internazionale della Bolivia é 00591. I telefoni cellulari funzionano solo se tri-band o satellitari.
    Consigliamo di telefonare dalle cabine pubbliche a schede, facilmente reperibili, in quanto le telefonate dagli hotel non sono controllabili.

    Cibo e bevande

    La cucina boliviana, seppur poco conosciuta, presenta molti piatti semplici e gustosi, prevalentemente a base di carne bovina o suina, accompagnata spesso da mais, fagioli neri e da patate. Alcune specialità sono davvero deliziose: le salteñas (lo spuntino di metà mattina preferito in Bolivia), la sopa de quinoa (minestra di quinoa, cereale caratteristico della regione), le trote del lago Titicaca e il surubí (un pesce gatto dell’Amazzonia). Altre vanno assaggiate almeno per curiosità, e potrebbero anche piacere: il charque kan (carne di lama essiccata con una specie di polenta), la yuca (manioca) e il masaco (carne bovina essiccata con un tipo particolare di banana). Per insaporire i piatti a volte si utilizza una salsa piccante di pomodori e peperoncino.
Il paese vanta inoltre una ottima produzione di frutta tropicale come le banane, la papaia e il mango. Jugos e licuados sono gli ottimi succhi e frullati di frutta fresca venduti sulle bancarelle nei mercati. La birra boliviana, il vino e la chicha (liquore distillato dal granoturco) sono tutti ottimi, ma fate attenzione: se siete invitati a bere con la gente del posto, sappiate che gli alcolici sono forti e i boliviani sono grandi bevitori.

    Festività

    -          Prima settimana di febbraio – Festa della Virgen de la Candelaria (in particolare a Copacabana)
    -          Marzo/aprile durante il periodo Pasquale – La Semana Santa , uno degli eventi più spettacolari che si tengono durante la Settimana Santa è la celebrazione del Venerdì Santo
    -          3 maggio – Fiesta de la Cruz , festa della croce che ricorda la crocefissione di Gesù
    -          24 giugno – San Giovanni Battista si festeggia in tutto il paese
    -          6 agosto  – Fiesta de la Indipendencia – si festeggia l’anniversario dell’indipendenza
    -   Prima settimana di ottobre – Virgen del Rosario, la celebrazione si tiene in giorni diversi e in varie località

    Materiale Fotografico

    E’ consigliato rifornirsi in Italia di tutto il materiale occorrente: pellicole, micropile, flash, schede di memoria non sempre facilmente reperibili oppure molto più costosi. Sarà utile portare con sé un semplice sacchetto di plastica per proteggere gli oggetti da polvere o umidità.

    Cosa comprare

    La principale tradizione artigianale è quella tessile,risalente al periodo preincaico. I maggiori centri di produzione di tessuti tradizionali sono nella Cordigliera di Apolobamba, nei villaggi di Potolo, Tarabuco, Candelaria nei pressi di Sucre e intorno a Potosì. Bellissimi sono gli scialli, le sciarpe e i maglioni in alpaca o in lana di pecora, lavorati a mano con motivi tradizionali, tinti con colori naturali.
    Nell’oriente, soprattutto intorno alle missioni gesuitiche, si tramanda la tradizione dell’artigianato del legno. Ottima la produzione di strumenti musicali, fra cui quelli a fiato e i tipici charangos (piccola chitarra con il guscio della parte posteriore di un armadillo).
    Piacevoli vasi e oggetti in ceramica colorata, spesso fatti a mano senza l’ausilio del tornio.
    La tradizione orafa è molto antica, con l’arrivo degli spagnoli la lavorazione dei metalli preziosi si è sviluppata nella produzione di oggetti sacri di arredo e monili. Per chi è a caccia di souvenirs a La Paz si possono trovare tutti i prodotti dell’artigianato boliviano, coperte e cuscini in pelle di alpaca, tappeti, argenteria e gioielleria, ceramica, strumenti musicali andini, ponchos e maglioni.

    Mance

    Le mance non sono obbligatorie, ma è pratica comune lasciare una mancia a guide, camerieri facchini e autisti .
Nel caso di viaggi di gruppo è abitudine creare una cassa comune che gestirà il Tour Leader o il gruppo stesso.

    Letture consigliate

    America Latina a cura di Alberto Cuevas (Edizioni Lavoro, Roma 1993-5; in due volumi)
    
Il primo volume è dedicato alla storia del continente dalle civiltà precolombiane all’indipendenza, il secondo ai principali protagonisti storici e alle correnti di pensiero che hanno animato le vicende politiche. Vi si trovano interessanti notizie sulla Bolivia.

    I fondatori dell’alba di Renato Prada Oropeza (Ediz.Goree)
    
Ambientato nel corso degli ultimi giorni di vita di Che Guevara.

    Bolivia 1952 di Francesca Fabeni (Prospettiva, Roma 1998)

    È un resoconto della rivoluzione popolare scoppiata nel paese nel 1952, che vide alla testa della rivolta i minatori boliviani e tracciò una pagina inedita di storia sociale.

    Diario in Bolivia di Ernesto Che Guevara (Feltrinelli, Milano 2000), con prefazione di Fidel Castro.
Permette di seguire gli sfortunati viaggi del rivoluzionario attraverso la Bolivia e i suoi sforzi per rendere consapevoli i campesinos della loro situazione di sfruttamento e spingerli a reagire.

    Ecuador, Perú e Bolivia. Le repubbliche impervie (1870-1990) di Gabriella Chiaramonti (Giunti, Firenze 1992)

    Ricostruisce in modo sintetico la storia dei tre paesi a partire dall’emergere del nazionalismo alla fine dell’Ottocento.

    I regni preincaici e il mondo inca a cura di Laura Laurencich Minelli (Jaca Book, Milano 1992)

    È uno splendido volume con contributi di vari studiosi su archeologia, storia, arte, religione e miti degli Incas e dei popoli che dominarono il Perú e alcune zone della Bolivia in epoca precolombiana. Il testo è corredato di fotografie, grafici e disegni.

    La Federazione del Tropico. Viaggio tra i cocaleros boliviani di Paolo Fattori (EDT, Torino 2000; collana ‘Orme’)

    Questo diario di viaggio illustra i disagi della difficile realtà della popolazione del Chapare, uno dei principali centri latino-americani di coltivazione alternativa della coca.

    La frontiera scomparsa di Luís Sepúlveda (Guanda, Milano 2000)

    È un romanzo di formazione il cui protagonista è un giovane alla ricerca delle proprie radici, che con lo zaino in spalla affronta un lungo viaggio da esiliato a bordo di sgangherate corriere e treni svogliati, attraversando fra l’altro gli altopiani della Bolivia, le pianure del Chaco e la selva equatoriale.

    Mezzi di trasporto

    I mezzi di trasporto previsti per i viaggi in catalogo sono esclusivamente privati con autisti parlanti spagnolo, persone esperte dei luoghi.
    I mezzi utilizzati sono di standard sudamericano e non sempre sono in grado di garantire uno standard adeguato alle aspettative occidentali.
    Prevediamo i programmi con alcuni trasferimenti collettivi con pullman turistici. Gli itinerari attraverso gli altipiani andini, in Bolivia e in Nord Argentina, sono effettuati con mezzi fuoristrada mentre nel Cile del Nord con pullmini 9 posti.
    In questi casi l’altitudine può causare il rallentamento dei mezzi per problemi di carburazione, pertanto anche le distanze più modeste possono comportare numerose ore di viaggio.

    Hotel

    Nelle città principali, dove la proposta ricettiva è più ampia, sono stati selezionati hotel che garantiscono un accurato servizio, un ambiente accogliente e una ubicazione privilegiata. Nelle altre località e nelle zone lontane dai circuiti turistici usuali, in alcuni casi, e specificatamente sull’altipiano andino boliviano e cileno, occorre adattarsi alle uniche strutture esistenti.

    Individuali e gruppi

    In Cile e in Argentina le partenze individuali sono gestite per tutti i programmi proposti e per itinerari personalizzati, sia sugli altipiani del Nord che in tutto il sud e in Patagonia. La formula dei trasferimenti e delle visite collettive, specificata in alcuni programmi, permette di viaggiare individualmente con persone anche di diversa nazionalità con l’assistenza di guide multilingue. I gruppi sono previsti con un massimo di 15 partecipanti.

    Vaccinazioni obbligatorie

    Ingresso in Bolivia: è richiesto il certificato di vaccinazione contro la febbre gialla; la vaccinazione deve essere stata effettuata almeno 10 giorni prima della data d’ingresso.
    Dal blog
    Bolivia - Cultura e Natura
    01
    GIORNO 01

    Partenza per Madrid

    Partenza dall'Italia per Madrid. Arrivo e proseguimento in aerea transiti internazionali.
    02
    GIORNO 02

    Madrid - Buenos Aires - Santa Cruz (440 m.)

    Partenza con volo di linea per Buenos Aires.Pasti e pernottamento a bordo. Arrivo a Buenos Aires e partenza con volo di linea per Santa Cruz. Trasferimento e sistemazione in Hotel. Cena e pernottamento.
    03
    GIORNO 03

    Santa Cruz - Samaipata - Totora (2000 m. circa)

    Prima colazione in Hotel. Partenza per il villaggio di Samaipata ai piedi della Cordillera Oriental, lungo il percorso breve visita al sito cerimoniale preincaico di El Fuerte, le rovine si trovano su una collina a circa 10 Km dal villaggio. Nei dintorni di Samaipata , in particolare la zona di Vallegrande videro le ultime gesta di Che Guevara. Proseguimento per Totora percorrendo la ruta 7 che porta a Cochabamba. Visita del grazioso villaggio di Totora ai piedi del Cerro Sutuchira. Uno dei villaggi coloniali più belli della regione purtroppo distrutto da un forte terremoto nel 1998 ora è in parzialmente ricostruito e restaurato. Sistemazione in Hotel, pensione completa.
    04
    GIORNO 04

    Totora - Sucre (2790 m.)

    Prima colazione in Hotel. Breve visita di Totora e partenza per Sucre. Lungo il percorso visita del villaggio coloniale di Aiquille famoso per la produzione dei migliori charangos della Bolivia ( piccola chitarra ). Arrivo a Sucre e visita della cittadina coloniale: Casa de la Libertad, la Cattedrale ed il Museo di Arte Religiosa, il museo Tessile e Antropologico, il convento della Recoleta e la chiesa di San Filippo Neri. Pensione completa.
    05
    GIORNO 05

    Crater de Maragua

    Prima colazione in Hotel. Escursione in fuoristrada nella Cordillera de los Frailes. Dalla cappella della Virgen de Chataquilla, con una pietra dall'aspetto della Vergine avvolta in una tunica e sistemata sull'altare, si percorre un sentiero preispanico, ancora con tratti lastricati, in discesa per 6 km. fino al villaggio di Chaunaca. Pranzo incluso. In auto raggiungeremo il cratere di Maragua, strana formazione naturale dai diversi colori chiamata anche ombelico di Chuquisaca. Rientro in Hotel. Cena libera e pernottamento.
    06
    GIORNO 06

    Visita alla comunità di Jatun Yampara - Potosì (4070 m.)

    Prima colazione in Hotel. Giornata dedicata alla visita con pullmino della comunità indigena Ayatun Yampara particolarmente interessante per il folclore e le antiche tradizioni. A circa 25 km da Sucre è stato creato questo progetto per uno sviluppo sostenibile per preservare e proteggere l'identità culturale ed artistica di una delle più antiche culture di questa parte delle Ande. La principale attività di questa comunità è l'agricoltura, principalmente la coltivazione della quinoa (tipico cereale andino) e l'artigianato, in particolare la produzione di tessuti con lana tinta con pigmenti naturali. Un'altra importante produzione è quella della ceramica realizzata con vecchi sistemi di lavorazione e cottura, avremo modo di prendere parte a queste attività. Pranzo nella comunità locale. Visita al piccolo museo archeologico e la possibilità di acquistare i prodotti di artigianato locali. Partenza nel pomeriggio per Potosì (170 km. - 3,30 ore circa ) arrivo e sistemazione in Hotel. Cena libera e pernottamento in Hotel
    07
    GIORNO 07

    Potosì

    Prima colazione in Hotel. Giornata dedicata alla visita a piedi di Potosì famosa per essere la città più alta del mondo a 4.090 mt. ma anche per la sua storia legata all'estrazione dell'argento dal Cerro Rico. I luoghi più interessanti della città che ricordano i fasti coloniali sono: la Casa Real de la Moneda, l'imponente struttura della Zecca Reale che ora ospita uno dei musei più belli ed interessanti del Sud America, le eleganti chiese tra cui spicca la cattedrale costruita nel 1564 con raffinate decorazione interne e ricostruita dopo il terremoto. Pranzo incluso. Sulle rive del Rio Huana Mayu visiteremo l'Ingenios, gli antichi edifici dove veniva lavorato il minerale grezzo estratto dal Cerro Rico. Cena libera e pernottamento in Hotel.
    08
    GIORNO 08

    Potosì - Tupiza (2950 m.)

    Prima colazione in Hotel. In mattinata visita al Museo e Convento di Santa Teresa, in epoca coloniale convento di clausura delle suore Carmelitane. Si continua con la visita alle miniere di Cerro Rico famose per l'argento che veniva estratto in gran quantità nel passato. Esaurito l'argento, le miniere sono ora gestite da cooperative di minatori che con sistemi arcaici estraggono prevalentemente stagno. Dopo pranzo partenza con fuoristrada per Tupiza (260 Km. )una tranquilla cittadina a 2.950 metri di quota incastonata in uno dei paesaggi più spettacolari della Bolivia. Soste nei caratteristici villaggi di Vitiche, Tumusia e Cotagaita Arrivo a Tupiza e sistemazione in Hotel. Pensione completa.
    09
    GIORNO 09

    Tupiza

    Prima colazione in Hotel. Interra giornata dedicata alla visita dei dintorni di Tupiza. Uno spettacolare paesaggio formato da montagne, quebradas e canyon con rocce multicolori dalle varie forme che ricordano i paesaggi del west nordamericano. Si inizia la visita, fatta con un fuoristrada e alcuni tratti percorsi a piedi, con El Angosto un conyon stretto e tortuoso, il Mirador de Entre Rios, dove si congiungono i principali fiumi della zona, la Torre e la Quebrada Seca con il villaggio Palquiza e la sua bella chiesetta. Breve escursione nel Canyon del Duende che offre un meraviglioso scenario costituito da formazioni rocciose e da profondi crepacci coperti da cactus che si stagliano contro le colline rosseggianti . La valle El Toroyoj caratterizzata da pinnacoli di rocce rosse. Pensione completa.
    10
    GIORNO 10

    Tupiza - San Antonio de Lipez (4200 m.)

    Prima colazione in Hotel. Partenza per San Antonio de Lipez, lungo il percorso sosta nella Quebrada de Palapa e a El Sìllar. La Quebrada de Palapa è un grande deposito alluvionale con numerose strutture rocciose di colore rosso a forma di pinne. El Sillar, letteralmente La Sella situato a 3600 m, da qui si ha una splendida vista sulle sue formazioni geologiche, frastagliati anfiteatri scavati nel fianco della montagna ed erosi a forma di guglie che regalano un panorama incredibile. Passando per Nazarenito si arriva a San Antonio de Lipez, tipico villaggio andino costruito in adobe (mattoni di terra cotti al sole), nel tardo pomeriggio. Sistemazione in rifugio in camere multiple con bagno in comune (in rifugio non è disponibile l'acqua calda ed è necessario il sacco a pelo). Pensione completa.
    11
    GIORNO 11

    San Antonio de Lipez - Villamar (4600 m.)

    Prima colazione in Rifugio. Partenza verso la punta sud-occidentale della Bolivia, un'elevata enorme regione desertica, è una delle aree più inospitali del mondo ma offre paesaggi mozzafiato con gli incredibili fantastici colori delle sue lagune e montagne. Di primo mattino visitiamo la città fantasma di San Antonio Viejo, un tempo importantissimo centro minerario. Deviazione lungo la pista per la Laguna Celeste ai piedi del vulcano Uturunco alto 6020 metri. Proseguimento per la Laguna Collpa, con le sue formazioni di borace, e la spettacolare Laguna Verde , dietro la quale si erge l'immenso cono di 5960 metri del vulcano Licancabur, dalle sfumature di colori impensabili che passano dal verde al blu. Risalendo verso Nord visitiamo la Valle de Las Damas con rocce dalle bizzarre forme scolpite dal vento, il bacino di geyser del Sol de la Magnana a 4850 metri di quota con le caratteristiche pozze di fango in ebollizione e fumarole dall'odore di zolfo, la Laguna Colorada che presenta, grazie alle diatomee e al plancton una colorazione rosso vivo, infine l'Arbol de Piedra strana roccia a forma di albero. Proseguimento lungo la pista e arrivo a Villamar, sistemazione in rifugio. Pensione completa.
    12
    GIORNO 12

    Villamar - San Pedro De Quemes (3850 m.)

    Prima colazione in Rifugio. Proseguimento del viaggio sull'altipiano andino verso nord nella Pampa de Siloli dai colori rossastri. Lungo la pista si susseguono diverse lagune, l'una diversa dall'altra: la Laguna Ramadita un po' discosta dal nostro percorso, la Laguna Honda di un azzurro intenso, la Laguna Chiarkota e Hedionda animate da fenicotteri rosa intenti a setacciare il fondo della laguna alla ricerca del preziosissimo cibo e per finire la verdeazzura Laguna Canapa. Continuando verso nord attraversando paesaggi sempre affascinanti con lo sfondo chiuso da montagne e vulcani dai diversi colori. Tra questi si distingue vulcano Ollague (5.869 m.), il fumo che esce dalla cima indica che è ancora attivo. Proseguendo lungo la pista si arriva al pueblito preispanico di San Pedro de Quemes e sistemazione all'Hotel Tayka de Piedra. Pensione completa.
    13
    GIORNO 13

    San Pedro De Quemes - Salar di Uyuni - Tahua (3650 m.)

    Prima colazione in Hotel. Una delle tappe più emozionanti del viaggio è sicuramente l'attraversamento del Salar de Uyuni, , il più esteso deserto di sale del mondo (circa 12.000 kmq) ad un'altitudine di 3.800 metri. Un bacino immenso di sale, un mare bianco accecante che, a parole non esprime minimamente la sua maestosa bellezza. Lungo il percorso sosta alla bellissima Isla di Incahuasi, chiamata anche Isla de los Pescadoresun, un rilievo sassoso situato nel cuore del Salar di circa 150 metri di altezza, completamente coperto di enormi cactus centenari (cactus trichoreus). Le piste che attraversano il Salar nella stagione secca hanno un ottimo fondo, composto da mattonelle di sale dalla forma esagonale e permettono una buona andatura dei mezzi. Proseguimento in direzione Nord seguendo all'orizzonte la cima innevata del Vulcano Tunupa (5432 mt). Arrivo a Tahua e sistemazione all'Hotel Tayka de Sal. Pensione completa.
    14
    GIORNO 14

    Tahua - Sabaya (3670 m.)

    Prima colazione in Hotel. Attraversamento della parte nord del Salar di Uyuni, per raggiungere il villaggio di Llica e quindi puntiamo di nuovo a nord passando per Tres Cruces. Ora abbiamo davanti a noi il Salar De Coipasa ( 3.786 m.) con una superficie di 2.200 kmq. Lo attraversiamo in direzione Nord sino al delta del Rio Sabaya dove vive una delle più antiche cumunità Indios, i Chipayas. Si distinguono dalle altre popolazioni per le loro tradizioni, per il modo in cui costruiscono la loro casa (su base circolare e a cono) e per i loro vestiti. Nel loro villaggio di Chipaya vivono di agricoltura in condizioni durissime a causa del clima arido dell'altopiano. Il turismo dà loro qualche sussistenza. Alcuni ricercatori sostengono che siano i primi abitatori dell'altipiano e che potrebbero essere gli ultimi sopravvissuti della civiltà di Tiahuanaco. Arrivo a Sabaya e sistemazione in camere multiple con bagno in comune in rifugio (in rifugio non è disponibile l'acqua calda ed è necessario il sacco a pelo). Pensione completa.
    15
    GIORNO 15

    Sabaya - Sajaima - Tomarapi (4280 m.)

    Prima colazione in Rifugio. Trasferimento con pullmino al Parque Nacional Sajama, il primo parco nazionale che si estende su 80.000 ettari istituito nel 1945 per proteggere la fauna che vive a queste altitudini: condor, fenicotteri, vigogne, nandù (struzzi sudamericani) e armadilli. L'elemento dominante del paesaggio sono gli imponenti coni vulcanici della Cordigliera Occidentale come i vulcani gemelli Parinacota e Pomarepe che segnano il confine cileno e Il Vulcano Sajama che con i sui 6.542 m. è la vetta più alta della Bolivia. Arrivo a Tomarapi e sistemazione in Hotel. Pensione completa.
    16
    GIORNO 16

    Tomarapi - La Paz (3640 m.)

    Prima colazione in Hotel. Visita alla zona dei geyser e delle sorgenti termali che sgorgano a 35° con la possibilità di un bagno caldo e rilassante. Breve passeggiata nei boschi di Quenua, una specie endemica dell'altipiano, albero nano dalla corteccia pelosa che può crescere ad altitudine più elevata di qualunque altro albero del mondo, può infatti sopravvivere anche a più di 5000 m. Partenza per La Paz e lungo il percorso sosta nel villaggio di Curahura de Carangas tipico villaggio andino con una bella chiesa in mattoni crudi e paglia definita pomposamente la Cappella Sistina dell'Altipiano con affreschi naif cinquecenteschi. Arrivo a La Paz e sistemazione in Hotel. Pensione completa
    17
    GIORNO 17

    Rientro in Italia

    Prima colazione in Hotel. Trasferimento all'aeroporto per il volo a Buenos Aires. Arrivo e proseguimento con volo di linea per Madrid. Pasti e pernottamenti a bordo.
    18
    GIORNO 18

    Arrivo in Italia

    GIORNO PRECEDENTE
    GIORNO SUCCESSIVO