Stati Uniti - Il grande ovest - Partenza 17 Maggio 2020

Escursioni e trekking nei Parchi Nazionali dell’Ovest
Quote
$ 3.565,00
a partire da
Disponibilità viaggio
17/05/2020
disponibile
Giorni di viaggio
14
giorni di viaggio
Quote a partire da
$ 3.565,00
Data di partenza
17/05/2020
Giorni di viaggio
14
Incluso nel viaggio
  • Polizza “Viaggi Rischio Zero”
In collaborazione con
    Linea di viaggio
    • Linea Pronti e Via
    Modalità di viaggio
    Altre date di partenza di gruppo
    Kit da viaggio
    • Kit Viaggio

    Caratteristiche di viaggio

    Un viaggio alla scoperta dei famosi Parchi Nazionali dell'Ovest.
    Attraverso un itinerario ben equilibrato che permette di visitare tutti i luoghi d'interesse e scoprire le meraviglie nascoste dell’area.

    Servizi


    I trasferimenti sono previsti con appositi veicoli da 15 posti (con o senza rimorchio, a seconda dei partecipanti) che permettono di accedere a luoghi speciali vietati ai pullman più grandi.
    E’ previsto una guida/autista professionale ed esperta parlante inglese (alcune partenze prevedono la presenza di guide multilingue inglese e tedesco/spagnolo o francese).
    I gruppi, con clientela internazionale, sono piacevolmente informali, con partecipanti attivi e alla ricerca di una vacanza avventurosa con gestione autonoma di attività ed escursioni.
    I pernottamenti sono previsti in camere doppie in semplici Hotel e in campo tendato nel parco Yosemite Valley (bagni in comune).

    Il gruppo può essere composto da minimo 4 a massimo 14 partecipanti.

    Età minima richiesta: 8 anni.

    Trip Highlights


    Inizio Las Vegas, Nevada
    Fine San Francisco, California (o viceversa)
    Tipo di viaggio Trekking con guida, difficoltà semplice-media

    San Francisco • Yosemite • Death Valley
    Grand Canyon • Page/Lake Powell • Monument Valley
    Bryce • Zion • Las Vegas

    RICHIEDI INFORMAZIONI

    Tappe del tour

    Stati Uniti - Il grande ovest - Partenza 17 Maggio 2020
    14 giorni

    aereopercorso via terra
    aereopercorso in aereo
    aereopercorso in nave

    Il programma di viaggio

    14 giorni

    + vedi il programma completo
    GIORNO
    01
    domenica 17 maggio 2020

    Arrivo a Las Vegas

    Arrivo all’aeroporto di Las Vegas e trasferimento libero in Hotel.Sistemazione nelle camere riservate e tempo per relax.Pasti liberi. Pernottamento in...

    + leggi tutto
    GIORNO
    02
    lunedì 18 maggio 2020

    Las Vegas - Saint George

    Trekking dislivello 100 m - 2-3 ore circaPrima colazione in Hotel.Alle ore 08.00 incontro con la guida in Hotel e...

    + leggi tutto
    GIORNO
    03
    martedì 19 maggio 2020

    Saint George - Parco Nazionale di Zion - Bryce Canyon

    Trekking: Angel’s Landing 8 km - dislivello 450 m - 4-5 ore circaNarrows: 3-5 km - dislivello 0 m -...

    + leggi tutto
    GIORNO
    04
    mercoledì 20 maggio 2020

    Bryce Canyon

    Trekking: Queen Garden/Peekaboo 13 km - dislivello 300 m - 5 ore circaPrima colazione in Hotel.Giornata dedicata alla visita del...

    + leggi tutto
    GIORNO
    05
    giovedì 21 maggio 2020

    Bryce Canyon - Page: Lake Powell

    Prima colazione in Hotel.In primissima mattinata trasferimento a Page (240 km - 3 ore circa) e sistemazione in Hotel. Attività...

    + leggi tutto
    GIORNO
    06
    venerdì 22 maggio 2020

    Page - Monument Valley - Grand Canyon

    Prima colazione in Hotel.Trasferimento alla Monument Valley, della tribù Navajo. Qui gigantesche cupole rocciose e mesa svettano dalla valle nel...

    + leggi tutto
    GIORNO
    07
    sabato 23 maggio 2020

    Grand Canyon

    Trekking: Kaibab Ridge: 5 km - dislivello 300 m - 3-4 ore circaPlateau Point: 20 km - dislivello 1150 m...

    + leggi tutto
    GIORNO
    08
    domenica 24 maggio 2020

    Grand Canyon - Death Valley

    Prima colazione in Hotel.In mattinata possibilità di fare un giro in elicottero sopra il Grand Canyon (facoltativo, da regolarsi in...

    + leggi tutto
    GIORNO
    09
    lunedì 25 maggio 2020

    Death Valley - Mammoth

    Trekking: Badlands: 5 km - dislivello 200 m - 2-3 ore Escursione Mammoth: 8 km - dislivello variabile - 3-4...

    + leggi tutto
    GIORNO
    10
    martedì 26 maggio 2020

    Mono Lake - Bodie State Park - Parco Nazionale di Yosemite

    Trekking: Lembert Dome 8 km - dislivello 300m - 3 ore Prima colazione in Lodge.Al mattino visita del Mono Lake,...

    + leggi tutto
    GIORNO
    11
    mercoledì 27 maggio 2020

    Parco Nazionale di Yosemite

    Trekking: Panorama Trail da Glacier Point: 12 km - dislivello +200 m / -900 m - circa 4-6 ore 4...

    + leggi tutto
    GIORNO
    12
    giovedì 28 maggio 2020

    Parco Nazionale di Yosemite - Mariposa Grove of Giant Sequoias - San Francisco

    Prima colazione.In mattinata visita del bellissimo bosco di sequoie giganti all'estremità meridionale del parco. Pranzo al sacco. Nel pomeriggio partenza...

    + leggi tutto
    GIORNO
    13
    venerdì 29 maggio 2020

    San Francisco

    City tour: 4-7 km - dislivello 100 m - circa 3-4 ore Prima colazione in Hotel.Al mattino visita della città, a...

    + leggi tutto
    GIORNO
    14
    sabato 30 maggio 2020

    Partenza da San Francisco

    Prima colazione in Hotel. Trasferimento libero in aeroporto o proseguimento del viaggio.

    + leggi tutto
    vedi tutti i 14 giorni

    Gli alberghi

    Hotel previsti o similari

    • QUOTE
      scopri tutti i prezzi
    • PARTENZE
      scopri tutte le date di partenza
    • NOTE
      informazioni utili per il viaggio
    • COS'È INCLUSO?
      servizi inclusi nel viaggio
    • COS'È ESCLUSO?
      servizi esclusi nella quotazione

    Quote di partecipazione

    Quote individuali di partecipazione in camera doppia

    Quote

    4 partecipanti
    $ 3.565,00

    Supplementi

    Suppl. camera singola
    $ 1.250,00
    Assicurazione bagaglio-sanitaria-annullamento (Euro)
    $ 98,00
    Quota indicativa voli da/per gli Stati Uniti: da Milano per Las Vegas e ritorno da San Francisco incluse tasse aeroportuali e fuel surcharge (da riconfermare all’emissione dei biglietti), in bassa stagione a partire da Euro
    $ 1.000,00
    Quota indicativa voli da/per gli Stati Uniti: da Milano per Las Vegas e ritorno da San Francisco incluse tasse aeroportuali e fuel surcharge (da riconfermare all’emissione dei biglietti), in alta stagione (giugno, luglio e agosto), a partire da Euro
    $ 1.400,00
    Polizza integrativa Rimborso Spese Mediche fino a Euro 150.000,00
    $ 60,00
    Quota gestione pratica
    € 70,00

    Altre date di partenza

    $ 3.565,00
    $ 3.565,00
    $ 3.565,00
    $ 3.565,00
    $ 3.565,00
    $ 3.565,00
    $ 3.565,00
    $ 3.565,00
    $ 3.565,00
    $ 3.565,00
    $ 3.565,00

    NOTE

    Quote di partecipazione
    Il presente programma è basato su orari, tasse aeroportuali, tariffe dei trasporti e costi dei servizi a terra in vigore il mese di agosto 2019.
    Le quote di partecipazione sono espresse in Dollari Americani ed Euro, intese per persona.

    NOTE IMPORTANTI
    Nessun servizio è stato prenotato. La disponibilità degli hotel e dei voli è soggetta a riconferma al momento della effettiva prenotazione del viaggio.

    Le quote pubblicate sono indicative e possono subire variazioni a causa dei continui aggiornamenti delle tariffe aeree e dei servizi a terra determinati da diversi fattori (art.90 D.Lgs 206 del 2005, Codice del Consumo). Vi preghiamo pertanto di fare riferimento al nostro sito www.earthviaggi.it o direttamente ai nostri uffici per gli eventuali aggiornamenti.

    Età minima 8 anni.

    COSTO ESCURSIONI FACOLTATIVE:

    San Francisco Bay Cruise $35
    Bryce Canyon Rodeo (non è giornaliero) $15
    Bryce Canyon horseback ride $65
    Antelope Canyon Boat Tour $55
    Antelope Canyon $70
    Monument Valley Jeep Tour $75
    Grand Canyon IMAX $15
    Helicopter Fights 25 min. $200-250

    NB: Non possiamo garantire la prenotazione dell’Antelope Canyon.

    Recesso del consumatore (Penalità di annullamento)
    In deroga alle Condizioni Generali di Contratto pubblicate sul sito internet di Earth Cultura e Natura (www.earthviaggi.it), al consumatore che receda dal contratto prima della partenza in caso di annullamento saranno addebitate le penalità nella seguente misura:
    - fino a 30 giorni prima della partenza: 35% della quota di partecipazione
    - da 29 a 15 giorni prima della partenza: 45% della quota di partecipazione
    - oltre tale termine: 100% della quota di partecipazione
    Nessun rimborso spetterà a chi rinuncerà dopo tale termine.

    Oltre alle penalità relative alla biglietteria aerea (tariffe speciali, instant purchase, low cost e voli di linea).

    Si precisa che:
    - il riferimento è sempre ai giorni “di calendario”;
    - per determinate destinazioni, per particolari servizi, per i gruppi precostituiti e per determinate combinazioni di viaggio, le penali sopra riportate potranno subire variazioni anche rilevanti;
    - per determinati servizi turistici e non turistici le penali possono essere del 100% già al momento della proposta irrevocabile o della prenotazione/conferma da parte del tour operator; tali variazioni saranno indicate nei documenti relativi ai programmi fuori catalogo o ai viaggi su misura o a viaggi e servizi in genere non rientranti pienamente o parzialmente nel presente catalogo;
    - in ogni caso, nessun rimborso spetta al consumatore che decida di interrompere il viaggio o il soggiorno per volontà unilaterale.

    Le quote di partecipazione includono

    Trasporto in minibus da 15 posti, con o senza rimorchio, a seconda delle dimensioni del gruppo - 11 pernottamenti in camera doppia standard in Hotel 3 stelle, come sopra indicati (o similari) - 2 pernottamenti nella Yosemite Valley in Tent Cabins (casette/tende rustiche con letti e lenzuola, pavimento di cemento e pareti di tessuto; bagni in comune) - Trattamento di mezza pensione: 13 prime colazioni (colazione continentale), 12 pranzi al sacco (preparati dai partecipanti, a base di pane, formaggio, salumi e frutta) - Autista/accompagnatore locale parlante inglese, altamente qualificato, per tutto il viaggio (possibilità in alcune date di confermare autista/accompagnatore bilingue parlanti tedesco/francese o spagnolo a secondo della data di partenza) - Escursioni guidate come da programma, eccetto quella all’interno del Gran Canyon National Park o durante i trekking autonomi - Ingressi ai Parchi Nazionali e alla Monument Valley - Polizza “Viaggi Rischio Zero”, UnipolSai Assicurazioni - Guida degli Stati Uniti (una per camera) - Kit da viaggio Earth/Eastpak

    Le quote di partecipazione non includono

    Voli internazionali dall’Italia per gli USA e ritorno - Assicurazioni (bagaglio/sanitaria/annullamento, UnipolSai Assicurazioni) - Trasferimenti da/per gli aeroporti - Supplemento camera singola, se richiesta - Tutti i pasti non menzionati (cene) - Le escursioni facoltative (anche se proposte nel programma di viaggio) - Scalata dell’Half Dome necessita un permesso apposito, da richiedere personalmente online sul sito www.recreation.gov , al costo di 15 USD - Bevande alcoliche - Le mance che verranno gestite dalla guida/accompagnatore: orientativamente di 90/130 USD per persona) - Facchinaggio - Visto d’ingresso obbligatorio e da richiedere prima della partenza (vedi paragrafo “Informazioni utili - Documenti per l’espatrio”).

    Richiesta informazioni

    compila il form per avere maggiori informazioni sul viaggio Stati Uniti - Il grande ovest - Partenza 17 Maggio 2020

    Nome*
    Cognome*
    Messaggio
    • Informazioni utili
      scopri tutti i prezzi
    • Viaggi assicurati
      assistenza alla persona, spese mediche,
      bagaglio, annullamento e "Rischio Zero”
    • Condizioni generali
      di contratto di vendita
      di pacchetti turistici

    Documenti per l'espatrio

    Passaporto e autorizzazione ESTA
    E’ richiesto il passaporto con validità di almeno 6 mesi prima della data di ingresso nel Paese.

    Per entrare negli Stati Uniti nell’ambito del programma "Viaggio senza Visto" (Visa Waiver Program) è necessario ottenere un'autorizzazione ESTA (Electronic System for Travel Authorization).
    L’autorizzazione, che ha durata di due anni, o fino a scadenza del passaporto, va ottenuta prima di salire a bordo del mezzo di trasporto, aereo o navale, in rotta verso gli Stati Uniti accedendo, almeno 72 ore prima della partenza, tramite Internet al Sistema Elettronico per l’Autorizzazione al Viaggio (ESTA) (Electronic System for Travel Authorization) - sito https://esta.cbp.dhs.gov

    Gli USA hanno adottato una legge di riforma del Visa Waiver Program (Programma Viaggio senza Visto), che comporta nuove condizioni per chi intende viaggiare verso gli Stati Uniti in esenzione da visto. Sono tuttora in corso di adozione misure di attuazione della nuova normativa, che laddove si verifichino alcune particolari condizioni potrebbero influire anche su chi ha già ottenuto un ESTA (Sistema Elettronico di Autorizzazione di Viaggio) pur se in corso di validità.

    Tra l’altro, a partire dal 21 gennaio 2016 viene limitata la possibilità di usufruire del programma Visa Waiver Program a chi, essendo doppio cittadino, ha la cittadinanza anche di uno dei seguenti Paesi: Iran, Iraq, Siria o Sudan, nonché per chi ha viaggiato nei citati paesi a partire dal 1° marzo 2011 (sono previste eccezioni per alcune specifiche categorie di viaggiatori).

    Si raccomanda pertanto a chi intende recarsi in USA di controllare attentamente prima della partenza i siti web delle Sedi diplomatiche e consolari statunitensi per verificare la sussistenza della possibilità di essere ammessi in quel Paese senza visto.

    Per usufruire del programma "Visa Waiver Program" (Programma di Viaggio in esenzione di Visto) è necessario:

    - essere in possesso di uno dei seguenti documenti:
    • passaporto elettronico, rilasciato a partire dal 26 ottobre 2006;
    • passaporto a lettura ottica rilasciato o rinnovato prima del 26 ottobre 2005;
    • passaporto con foto digitale rilasciato fra il 26 ottobre 2005 e il 26 ottobre 2006.

    - viaggiare esclusivamente per affari e/o per turismo;
    - rimanere negli Stati Uniti non più di 90 giorni;
    - possedere un biglietto di ritorno.

    In mancanza anche di uno dei suddetti requisiti, è necessario richiedere il visto presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presenti in Italia. Si ricorda che il passaporto deve essere in corso di validità e che la data di scadenza deve essere successiva alla data prevista per il rientro in Italia.

    La permanenza nel Paese oltre i 90 giorni, può compromettere la possibilità di usare nuovamente il programma.
    Si attira l’attenzione sul rigore con cui viene applicata la normativa vigente: anche pochi giorni di “Overstay” (permanenza in territorio statunistense oltre il consentito) possono comportare l’intervento delle Autorita’ americane e /o compromettere la possibilità di futuri ingressi nel Paese.
    Va tenuto ben presente, inoltre, che il soggiorno negli Stati Uniti sulla base di un ESTA non dà alcun titolo a svolgere attività remunerate, anche saltuarie (occorrono specifici visti) e che se si prevede una permanenza superiore ai 90 giorni o per motivi diversi da turismo o affari o in ogni caso dubbio, è necessario richiedere il visto ai Consolati americani prima della partenza dall’Italia.

    Tutti i cittadini italiani che entrano nel Paese, in esenzione di visto “Visa Waiver Program” o con visto USA di una delle seguenti categorie:

    - B1/B2 affari o turismo per periodi di permanenza superiori ai 90 giorni o per sanare precedenti situazioni irregolari;
    - F/M/J/Q -studenti, studiosi, ricercatori, scienziati, anche in ambito di scambi culturali;
    - H/L/O/P- lavoratori temporanei;
    - C1- in transito verso paesi terzi;
    - C1/D -equipaggi d’aerei o navi;
    - R- (religiosi);
    - I - (giornalisti);
    - E - (operatori economici e commerciali)
    sono soggetti nell’ambito del programma “US-VISIT” all’acquisizione delle impronte digitali (indice sinistro e destro) e della fotografia digitale all’arrivo alle frontiere americane (aeroporti e porti e in futuro anche alle frontiere terrestri).

    Le risposte che verranno fornite dal sistema “ESTA” potranno essere di tre tipi:

    1)“Authorisation Approved”, nel caso di concessione dell’autorizzazione. L’autorizzazione sarà valida per due anni o fino a quando il passaporto del viaggiatore non scade e consentirà la possibilità di effettuare più viaggi negli Stati Uniti senza che per ognuno di essi sia necessaria una nuova registrazione on-line ed una conseguente nuova autorizzazione;
    2) “Travel not Authorized”, nel caso di diniego dell’autorizzazione. In tal caso occorrerà rivolgersi al Consolato americano per richiedere un visto per gli Stati Uniti;
    3) “Authorization Pending”, nel caso in cui siano necessarie ulteriori informazioni ai fini del rilascio dell’autorizzazione.

    Un’autorizzazione “ESTA” (come già avviene attualmente in base al “Visa Waiver Program") non garantirà un’automatica ammissione in territorio americano che sarà lasciata alla discrezionalità delle competenti Autorità doganali e di frontiera.

    Al fine di facilitare il processo di valutazione dei dati forniti con la registrazione, si consiglia di compilare il modulo ESTA non meno di 72 ore prima della partenza.
    Per maggiori informazioni riguardo il programma “ESTA” si consiglia di consultare direttamente il sito internet: www.cbp.gov./travel

    A complemento del programma di Sicurezza ESTA, un’ulteriore procedura è entrata in vigore dal 6 settembre 2010 denominata “Secure Flight Program”.
    Tale programma, sviluppato dall’Autorità statunitense TSA (Transportation Security Administration), si applica a tutti i passeggeri che viaggiano da/per e all’interno degli Stati Uniti.
    Il Secure Flight Program richiede che una serie di informazioni (cognome e nome, data di nascita, genere maschile o femminile) siano fornite per tutti i passeggeri che prenotano e acquistano biglietti per viaggi da/per o all'interno degli USA.
    Informazioni complete e dettagliate su quanto è richiesto al passeggero sono reperibili consultando il sito: www.tsa.gov , o attraverso la compagnia aerea utilizzata o il proprio agente di viaggio.

    In presenza di problematiche amministrative derivanti da precedenti soggiorni negli Stati Uniti (es. multe per eccesso di velocità, superamento del periodo di permanenza concesso in precedenti viaggi, ecc.) gli stranieri in arrivo negli aeroporti USA possono essere respinti, con disagi per il viaggiatore che dovrà rientrare nel proprio Paese a proprie spese. Al fine di evitare tali situazioni, si raccomanda ai connazionali che ritengano di poter avere problemi di accesso negli Stati Uniti per i motivi di cui sopra, di chiedere preventivamente il visto d'ingresso agli Uffici Consolari USA presenti in Italia.
    Per informazioni relative al visto di ingresso, consultare la scheda alla voce “Visto d’ingresso” o direttamente il sito Internet del Dipartimento di Stato USA: www.cbp.gov/travel

    Nei maggiori scali aeroportuali degli Stati Uniti sono stati introdotti per il controllo passeggeri veri e propri “body scanners”, sistemi accurati di controllo elettronico a bassa emissione di raggi X.
    I passeggeri che non intendano sottoporsi a tale tipo di controllo possono chiedere di essere sottoposti a quello “pat down” (cioè perquisizione fisica manuale).
    Si consiglia, inoltre, di verificare attentamente la lista degli articoli ammessi o vietati a bordo consultando la compagnia aerea utilizzata.

    ALL’ARRIVO:
    Molte delle procedure d’arrivo rimangono immutate e sono già familiari ai visitatori internazionali. In aeroporto – o al porto – i documenti di viaggio quali il passaporto e il visto devono essere controllati e l’Ufficiale Doganale come l’Ufficiale d’Immigrazione rivolgeranno specifiche domande riguardanti il soggiorno negli Stati Uniti. Quale parte delle rinforzate procedure, i visitatori dovranno sottoporsi al prelievo delle impronte digitali e ad una fotografia digitale che verrà loro scattata.
    Le impronte vengono rilevate con apparecchi elettronici senza uso di inchiostri. Tutti i dati e le informazioni derivati saranno usati nell’assistere l’ispettore di frontiera affinché possa decidere se ammettere o no il viaggiatore. Queste ulteriori operazioni sono di brevissima durata ed aggiungono solo pochi minuti alle procedure abituali.
    Ogni elemento informativo tratto dalle descritte procedure viene archiviato in luogo sicuro e rimane registrato nella ‘storia’ del visitatore.
    A seguito del crescente rischio di attentati e di atti terroristici, le Autorità americane hanno intensificato il programma di prevenzione e lotta al terrorismo internazionale. I controlli alle frontiere americane vengono pertanto effettuati con maggiore rigidità per gli stranieri in entrata nel Paese. Ciò può comportare che gli stranieri in arrivo negli aeroporti USA siano respinti - ovvero che vi sia una "rinuncia" da parte degli interessati a chiedere l'ingresso nel Paese - in presenza di problematiche amministrative derivanti da precedenti soggiorni (es. multe per eccesso di velocità, superamento del periodo di permanenza concesso in precedenti viaggi, ecc.), con notevoli disagi per il viaggiatore respinto che dovrà rientrare in Italia. Al fine di evitare tali situazioni, si raccomanda ai connazionali che ritengano di poter avere problemi di accesso negli Stati Uniti per i motivi di cui sopra, di chiedere preventivamente il visto d'ingresso agli Uffici Consolari USA presenti in Italia.

    Bagaglio e norme doganali

    Le vigenti norme in materia di sicurezza prevedono che il bagaglio sia sempre ispezionabile da parte delle autorità preposte.
    Durante i voli interni è vietato chiudere con lucchetti o con chiavi a combinazione il bagaglio; eventuali forzature con danni non sono in alcun modo rimborsabili.
    Sulle tratte intercontinentali sono previste modalità diverse a seconda della compagnia aerea utilizzata, si ricorda di richiedere specifiche informazioni al momento dell’imbarco del bagaglio.

    Una pronta compilazione del modulo che viene consegnato durante ogni volo intercontinentale di arrivo negli Stati Uniti d’America dà la possibilità di sveltire le formalità doganali che vengono sempre espletate nel primo aeroporto di arrivo negli Stati Uniti evitando così ulteriori attese rispetto a quelle previste.

    Negli Stati Uniti d’America è possibile importare - esenti da diritti doganali - oltre agli effetti personali, anche 300 sigarette, 50 sigari, 0.964 litri (un quarto di gallone) di alcolici o vino. È assolutamente vietato importare: piante, fiori, frutta, legumi e salumi.

    L'importazione o l'esportazione di valuta è consentita fino ad un massimo di USD 10.000 ed entro tale limite la somma non deve essere dichiarata; comunque opportuno dichiarare somme superiori a 2.500 Euro al fine di evitare contestazioni alla partenza.

    Disposizioni sanitarie

    Non è richiesta alcuna vaccinazione.
    Acquistando un pacchetto turistico è prevista una copertura assicurativa base, con un massimale.
    Essendo i costi per l’assistenza sanitaria negli Stati Uniti particolarmente elevati, in quanto non esiste servizio medico gratuito e tutte le visite mediche e i ricoveri ospedalieri sono a pagamento, si consiglia di stipulare, prima di intraprendere il viaggio, una polizza integrativa che prevede una copertura superiore.

    Sicurezza

    In linea generale, occorre adottare particolare cautela, soprattutto durante le ore serali e notturne, in alcune zone considerate non sicure, situate all’interno dei grandi centri urbani.
    Al riguardo, va ricordato che la vita lavorativa e sociale americana termina prima di quell’italiana e che spesso i centri delle città si spopolano già intorno alle 18:00-19:00 creando difficoltà nel trovare mezzi di trasporto.

    L’attuale situazione di sicurezza interna degli Stati Uniti presenta, a seguito degli atti terroristici dell’11 settembre 2001, potenziali ed accresciuti rischi di nuovi attentati soprattutto nelle grandi metropoli.

    Le Autorità americane hanno annunciato in varie occasioni di aver adottato o di essere in procinto di adottare un’ampia gamma di misure di prevenzione, che vanno dai controlli alle frontiere, alla sicurezza degli aeroporti e dei porti, dagli attacchi con mezzi chimici e batteriologici, alla protezione di centrali nucleari, delle infrastrutture civili ecc.

    Gli intensificati controlli di sicurezza potranno inoltre comportare tempi più lunghi e difficoltà maggiori nelle operazioni in aeroporto (check-in, passaggio al metal detector etc.), nonché per l’accesso a musei, edifici pubblici etc.

    La Transport Security Administration (TSA) ha recentemente reso noto un ulteriore controllo aeroportuale sui telefoni cellulari e le apparecchiature elettroniche in genere ( tablet, smartphone) dei passeggeri, che non saranno ammessi a bordo se con batteria scarica: ciò per consentire, durante i controlli, di poterli accendere per verificare che non contengano esplosivi o sostanze pericolose.

    Fuso orario

    Le fasce orarie che dividono gli Stati Uniti continentali sono quattro (esclusi Alaska e Hawaii).
    Le differenze orarie rispetto all’Italia sono le seguenti:
    - Eastern Time (es: New York) meno 6 ore
    - Central Time (es: Chicago) meno 7 ore
    - Mountain Time (es: Denver) meno 8 ore
    - Pacific Time (es: Los Angeles) meno 9 ore
    - Alaska ed Hawaii hanno entrambe 2 ore in meno rispetto al Pacific Time
    L’ora legale (Daylight Saving Time) è applicata dalla prima domenica di aprile fino all’ultima domenica di ottobre.

    Elettricità

    Il voltaggio è di 110/115 volt, 60 Hertz. E’ necessario munirsi di adattatore di tipo standard a due lamelle piatte parallele acquistabile anche in Italia. Se si acquista materiale elettrico o elettronico da portare in Italia, bisogna specificare “for Europe” al momento dell’acquisto.

    Prese Elettriche Utilizzate
    Tensione: 230 V
    Frequenza: 50 Hz Tensione: 120 V
    Frequenza: 60 Hz

    Presa Elettrica Tipo C
    Presa Elettrica Tipo A
    Presa Elettrica Tipo F
    Presa Elettrica Tipo B
    Presa Elettrica Tipo L

    Clima

    Gli Stati Uniti sono divisi nelle seguenti fasce climatiche:
    - Zona Atlantica: clima continentale più mitigato a sud dalla corrente del Golfo del Messico
    - Sud-Est: clima tropicale in Florida e negli Stati che si affacciano sul Golfo del Messico
    - Pianure Centrali: clima continentale con estati calde e secche ed inverni freddi e nevosi
    - Montagne Rocciose: inverni freddi ed abbondanti nevicate nel Montana e nel Colorado; clima temperato nelle zone desertiche dell’Arizona, Nevada e Nuovo Messico
    - Zona Nord Pacifico: clima temperato
    - Zona Sud Pacifico: inverni miti ed estati lunghe e secche

    Lingua ufficiale

    Inglese americano. Anche lo spagnolo (seconda lingua ufficiale in New Mexico) è diffuso.

    Abbigliamento

    Negli Stati Uniti è diffuso l’abbigliamento casual, anche se in alcuni locali, in particolar modo la sera, è spesso obbligatoria la giacca e la cravatta per gli uomini.
    Nei locali è diffusa l’aria condizionata.

    Religione

    Protestante (56%), cattolica (28%), ebraica (2%), altro (14%).

    Tasse

    A qualsiasi prezzo esposto (negozi, ristoranti, etc.) vanno aggiunte le tasse locali che variano da Stato a Stato (non si applicano in Alaska).

    Telefono

    Per chiamare l’America bisogna comporre lo 001 seguito dal prefisso della città e dal numero desiderato.

    Per chiamare dall’America bisogna comporre lo 01139 dal numero desiderato.

    E’ possibile telefonare in Italia, direttamente dalla camera dell’albergo (overseas call): basterà digitare un numero (generalmente 8 o 9) per ottenere la linea esterna, comporre il prefisso internazionale (01139) e digitare il prefisso della città desiderata (inclusivo di 0) seguito dal numero dell’abbonato. Si informa che molti hotel, soprattutto nelle grandi città, addebitano lo scatto della chiamata anche se la stessa non va a buon fine (nessuna risposta). L’addebito del costo delle telefonate al ricevente è ottenibile chiedendo all’operatore una “collect call”.

    E’ possibile acquistare carte telefoniche prepagate sia in Italia sia in loco. Le carte telefoniche italiane hanno però il vantaggio di consentire la comunicazione con un sistema automatico di risposta in lingua italiana.

    Sono utilizzabili telefonini Triband con tecnologia 900/1800/1900.
    I costi di telefonia dipendono dal gestore di riferimento, è bene quindi informarsi prima della partenza. La rete WiFi è presente nei maggiori centri urbani.

    Valuta

    L’unità monetaria statunitense è il Dollaro, diviso in 100 cents. Vi sono monete da 1 cent in rame (penny), 5 cents (nikel), 10 cents (dime) e 25 cents (quarter). Le banconote, tutte di colore verde e della stessa misura, sono del valore di 1, 5,10, 20, 50 e 100 Dollari.

    Per acquistare dollari negli Stati Uniti è necessario rivolgersi alle banche oppure al proprio albergo dove però il cambio viene effettuato a tassi piuttosto sfavorevoli.

    E’ certamente consigliabile munirsi di dollari prima della partenza dall’Italia anche per disporre di valuta in contanti e di piccolo taglio per le piccole spese iniziali all’atto dell’arrivo (taxi, autobus, metropolitana, pedaggi e mance).

    Carte di credito

    Le carte di credito sono il mezzo di pagamento più diffuso e comodo negli Stati Uniti e sono accettate praticamente ovunque. Con la carta di credito è inoltre possibile prelevare contante dalla maggior parte delle banche. L’ “imprint” della carta di credito verrà richiesto al momento del check-in in albergo quale garanzia per le spese extra (telefono, minibar, room service, ecc.) così pure quando si intenda noleggiare un’auto, moto o camper. Le carte di credito elettroniche non vengono accettate. I traveller’s cheque (assegni turistici), sono comunemente accettati senza che sia necessario convertirli in contanti, purché siano emessi in dollari USA.

    Orari

    Le banche generalmente sono aperte dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 15.
    I negozi generalmente dalle 10 alle 18 (alcuni stanno aperti anche 24 ore). I grandi centri commerciali sono aperti dal lunedì al sabato dalle 10 alle 20.

    Trasporti

    Oltre all’aereo, il mezzo migliore per muoversi negli Stati Uniti è sicuramente l’auto che consente la massima autonomia e flessibilità soprattutto fuori città. Nelle città oltre ai servizi pubblici (metro, autobus) i taxi, offrendo dei prezzi ragionevoli, rappresentano una valida alternativa.

    Alberghi

    Negli Stati Uniti non esiste una classificazione ufficiale degli alberghi, pertanto gli stessi vengono valutati in funzione della loro qualità e delle esigenze del mercato.
    Le camere sono generalmente composte da uno o due letti ad una piazza e mezza.
    Attenzione: le camere triple o quadruple con 3 o 4 letti in America non esistono.

    Quindi per camera tripla e quadrupla si intende l’uso della camera con i letti esistenti per tutte tre o quattro persone. Spesso su richiesta del Cliente è possibile richiedere l’aggiunta di un terzo letto (rollaway bed – il nostro letto pieghevole o brandina) pagando un supplemento direttamente in loco che varia a seconda della categoria dell’albergo prescelto.

    Emergenze

    In quasi tutto il territorio nazionale il numero telefonico da comporre in caso di emergenza è il 911: in questo modo è possibile raggiungere la polizia, I pompieri e anche i servizi di ambulanza.

    Mance

    Negli Stati Uniti, a differenza della maggior parte dei Paesi, le mance non sono comprese nelle quote di servizio e costituiscono una voce importante nel totale del viaggio, in quanto il criterio di calcolo su cui basarsi è il seguente:
    Facchinaggio: $ 1.00 per valigia
    Tassista: 15-20% della tariffa
    Camerieri:15-20% del conto
    Accompagnatore: $3.00-$5.00 al giorno per persona
    Autista: $2.00-$3.00 al giorno per persona
    Dal blog
    Stati Uniti - Il grande ovest - Partenza 17 Maggio 2020
    01
    GIORNO 01
    domenica 17 maggio 2020

    Arrivo a Las Vegas

    Arrivo all’aeroporto di Las Vegas e trasferimento libero in Hotel.
    Sistemazione nelle camere riservate e tempo per relax.
    Pasti liberi. Pernottamento in Hotel.

    02
    GIORNO 02
    lunedì 18 maggio 2020

    Las Vegas - Saint George

    Trekking dislivello 100 m - 2-3 ore circa

    Prima colazione in Hotel.
    Alle ore 08.00 incontro con la guida in Hotel e partenza per la vicina Saint George (circa 160 km - 2 ore di trasferimento) da dove inizia il trekking “Lava Tube” percorrendo un sentiero fra lava e grotte per poi raggiungere le impronte dei dinosauri (ingresso incluso).
    Per visitare le cave è opportuno avere un frontalino per illuminare il cammino ed avere le mani libere.
    Al termine, sistemazione in Hotel e pernottamento.

    03
    GIORNO 03
    martedì 19 maggio 2020

    Saint George - Parco Nazionale di Zion - Bryce Canyon

    Trekking: Angel’s Landing 8 km - dislivello 450 m - 4-5 ore circa
    Narrows: 3-5 km - dislivello 0 m - 1-2 ore circa


    Prima colazione in Hotel.
    Partenza per il Parco Nazionale di Zion (190 km - circa 2 ore), famoso per le ripide pareti di arenaria che s'innalzano per 800 metri nel cielo blu. Escursione fino ad Angel’s Landing, un'immensa cupola di arenaria che sovrasta la stretta valle del Virgin River, con viste spettacolari. E’ possibile arrampicarsi fino in cima.
    Dopo il pranzo al sacco, tempo permettendo, ci si inoltra per le famose Gole (Narrows) del Virgin River. Proseguimento fino a raggiunge il Bryce Canyon (190 km - circa 2 ore), in tempo per il tramonto. Sistemazione in Hotel e pernottamento.

    04
    GIORNO 04
    mercoledì 20 maggio 2020

    Bryce Canyon

    Trekking: Queen Garden/Peekaboo 13 km - dislivello 300 m - 5 ore circa

    Prima colazione in Hotel.
    Giornata dedicata alla visita del Bryce Canyon, considerato un Parco Nazionale tra i più belli degli Stati Uniti d’America. Sentieri da trekking si snodano attraverso colonne di roccia rosse e rosa, che brillano al sole. Il contrasto cromatico tra le rocce rosse, l'azzurro del cielo e il verde dei pini incanta i fotografi e gli amanti della natura. Pranzo al sacco. Possibilità di escursione facoltativa per esplorare le formazioni rocciose a cavallo (40 usd).
    Pernottamento in Hotel.

    05
    GIORNO 05
    giovedì 21 maggio 2020

    Bryce Canyon - Page: Lake Powell

    Prima colazione in Hotel.
    In primissima mattinata trasferimento a Page (240 km - 3 ore circa) e sistemazione in Hotel.
    Attività facoltative consigliate: escursione in jeep fino all'Antelope Canyon (70 usd) e di una camminata al Horseshoe Bend. Pranzo al sacco.
    Pernottamento in Hotel.

    06
    GIORNO 06
    venerdì 22 maggio 2020

    Page - Monument Valley - Grand Canyon

    Prima colazione in Hotel.
    Trasferimento alla Monument Valley, della tribù Navajo. Qui gigantesche cupole rocciose e mesa svettano dalla valle nel cielo azzurro offrendo viste stupende. Questa zona è da decenni sfondo per le scenografie di Hollywood. E’ caldamente consigliata l’escursione facoltativa, in jeep nella valle (usd 70), guidati dai Navajo verso gli spettacolari panorami di “Ear of the Wind” e “Big Hogan”. Pranzo al sacco. Nel pomeriggio trasferimento (450 km - circa 5 ore) al Grand Canyon passando dal Painted Desert, che si raggiunge dall'ingresso Est.
    Sosta per ammirare i panorami sull'East Rim ed il tramonto mozzafiato.
    L’Hotel è collocato proprio all'ingresso del parco.
    Sistemazione nelle camere riservate e pernottamento.

    07
    GIORNO 07
    sabato 23 maggio 2020

    Grand Canyon

    Trekking: Kaibab Ridge: 5 km - dislivello 300 m - 3-4 ore circa
    Plateau Point: 20 km - dislivello 1150 m - 8-12 ore
    Escursione lungo il bordo: 13 km - dislivello 50 m - 4 ore


    Prima colazione in Hotel.
    Giornata dedicata interamente alla visita del Grand Canyon, riconosciuto dall'UNESCO Patrimonio dell'Umanità. Benché molti turisti lo visitino, in realtà ben pochi percorrono i suoi numerosi sentieri. Possibilità di fare escursione nel canyon fino al Plateau Point, oppure camminare lungo il West Rim, che regala viste incredibili. Tempo per godersi un altro tramonto indimenticabile.
    Le escursioni nel Parco Nazionale del Grand Canyon vengono condotte in autonomia per via delle norme restrittive sui permessi delle guide. Pranzo al sacco.
    Pernottamento in Hotel.

    08
    GIORNO 08
    domenica 24 maggio 2020

    Grand Canyon - Death Valley

    Prima colazione in Hotel.
    In mattinata possibilità di fare un giro in elicottero sopra il Grand Canyon (facoltativo, da regolarsi in loco).
    Trasferimento al Parco Nazionale della Valle della Morte, lungo circa 500 chilometri della Route 66, che attraversa i torridi deserti del Nevada. Pranzo al sacco.
    Arrivo, dopo circa 5 ore in Hotel, vicino all'ingresso del Parco Nazionale e sistemazione nelle camere riservate.
    Pernottamento in Hotel.

    09
    GIORNO 09
    lunedì 25 maggio 2020

    Death Valley - Mammoth

    Trekking: Badlands: 5 km - dislivello 200 m - 2-3 ore
    Escursione Mammoth: 8 km - dislivello variabile - 3-4 ore


    Prima colazione in Hotel.
    Il Parco Nazionale della Valle della Morte (Death Valley) è in netto contrasto con i deserti rossi e verdi dello Utah. Qui ci sono temperature e condizioni meteorologiche estreme, essendo uno dei posti più torridi della terra. In estate la temperatura può raggiungere anche 50°C. Trovandosi in una valle tettonica, la Valle della Morte è anche il luogo più basso dell'emisfero occidentale, a quasi 100 m. sotto il livello del mare. Durante il trekking si esplorano le dune di sabbia dorata, in contrasto con i desolati pendii marroni e nerastri, Badwater e le sorgenti velenose, il Devil’s Golf Course, formato da depositi di sale, e le colorate formazioni rocciose erose di Zabriskie Point. Se la temperatura lo permette, escursione nelle “Badlands”. Pranzo al sacco.
    Nel pomeriggio proseguimento fino alla cittadina di Mammoth (400 lm - circa 4 ore).
    Sistemazione in Hotel e pernottamento.

    10
    GIORNO 10
    martedì 26 maggio 2020

    Mono Lake - Bodie State Park - Parco Nazionale di Yosemite

    Trekking: Lembert Dome 8 km - dislivello 300m - 3 ore

    Prima colazione in Lodge.
    Al mattino visita del Mono Lake, uno dei laghi più antichi della terra, famoso per le colonne di tufo bianco, formate da sorgenti calde. Proseguimento fino al Bodie State Park, una delle più famose città fantasma dell'Ovest. Sembra che l'intera città, completa di tutti gli effetti personali, sia stata abbandonata improvvisamente 150 anni fa. Infine si raggiunge il Parco Nazionale di Yosemite. Pranzo al sacco.
    Se le condizioni meteorologiche lo permettono, si arriva fino in cima al Lembert Dome, da dove si ha una vista vastissima di Tuolumne Meadow.
    Arrivo al Half Dome Village, nel bel mezzo della Yosemite Valley, da dove si ha accesso diretto a tutti i percorsi per le escursioni.
    Pernottamento in tenda (casette rustiche con letti e lenzuola, pavimento di cemento e pareti in tessuto) con bagni in comune.

    NB: Durante i tour di maggio ed ottobre il percorso potrebbe effettuare una deviazione passando dal Sonora Pass, se il Tioga Pass è chiuso.
    Alcuni gruppi alloggiano al Cedar Lodge o similari, se l’Half Dome Village è completo.

    11
    GIORNO 11
    mercoledì 27 maggio 2020

    Parco Nazionale di Yosemite

    Trekking: Panorama Trail da Glacier Point: 12 km - dislivello +200 m / -900 m - circa 4-6 ore
    4 Mile Trail: 10 km - dislivello - 900 m - circa 4-5 ore
    Sentinel Dome & Taft Point Loop: 10 km - dislivello 200 m - circa 4 ore
    Half Dome: 20 km - dislivello  1500 m - circa 8-10 ore


    Prima colazione.
    Per chi desidera scalare l’Half Dome, partenza alle 6 per affrontare questa vetta impegnativa.
    Per il resto del gruppo mattinata più tranquilla: trekking fino a Glacier Point, il migliore punto panoramico del parco, da cui si ammirano vaste aree della valle e le impressionanti pareti del Half Dome. Pranzo al sacco. Da Glacier Point partono tre diversi percorsi, che si distinguono per lunghezza, difficoltà e panorama: due si dirigono in basso nella valle e uno lungo il bordo della valle. Si consiglia di trascorrere un pomeriggio di relax nella valle, noleggiando una bici e visitando le cascate, oppure facendo rafting sul Merced River, soprattutto se la giornata è calda (possibile solo quando il livello dell'acqua è sicuro).
    E’ possibile, nelle ore notturne, avvistare orsi e altri animali selvatici nelle piantagioni di mele.
    Pernottamento in tenda con bagni in comune.

    Per la scalata all’Half Dome è necessario ottenere un permesso, con largo anticipo (da prenotare autonomamente).

    12
    GIORNO 12
    giovedì 28 maggio 2020

    Parco Nazionale di Yosemite - Mariposa Grove of Giant Sequoias - San Francisco

    Prima colazione.
    In mattinata visita del bellissimo bosco di sequoie giganti all'estremità meridionale del parco. Pranzo al sacco. Nel pomeriggio partenza per San Francisco (400 km - circa 5 ore) percorrendo la strada che si snoda lungo dirupi costieri sull'Oceano Pacifico. Tempo per camminare lungo il famoso Golden Gate Bridge.
    Sistemazione in Hotel, pernottamento.

    13
    GIORNO 13
    venerdì 29 maggio 2020

    San Francisco

    City tour: 4-7 km - dislivello 100 m - circa 3-4 ore
     
    Prima colazione in Hotel.
    Al mattino visita della città, a piedi e in cable car. Si visiteranno l’Union Square, Chinatown e Fisherman’s Wharf. Proseguimento alla Coit Tower che offre viste magnifiche sulla città.
    Pranzo al sacco. Pomeriggio a libera disposizione per visite libere e facoltative, utilizzando il biglietto giornaliero dei cable car.
    Si consiglia una crociera nella baia, una visita ad Alcatraz o una gita a Sausalito in traghetto (visite ed escursioni facoltative).
    Pernottamento in Hotel.

    14
    GIORNO 14
    sabato 30 maggio 2020

    Partenza da San Francisco

    Prima colazione in Hotel.
    Trasferimento libero in aeroporto o proseguimento del viaggio.

    GIORNO PRECEDENTE
    GIORNO SUCCESSIVO