Nepal: Manaslu trek con accompagnatore dall’Italia - Partenza 19 Ottobre

Il circuito del Manaslu

Il Nepal è il paese dove si trovano le montagne più alte e più maestose della Terra, popolato da diverse etnie con religioni e culture diversissime dalla nostra. Qui praticamente è nato il trekking e l’alpinismo d’altissima quota. Il Manaslu (conosciuto anche come Kutang) è l'ottava montagna più alta del mondo e si trova nella catena dell'Himalaya. Il nome deriva dal sanscrito manasa, che significa intelletto o anima, e si può tradurre come "montagna dello spirito". E’ considerato la montagna dei giapponesi: dopo varie spedizioni Toshio Imanischi e il nepalese Gyalzen Norbu riuscirono a raggiungere la vetta per la prima volta il 9 maggio del 1956, lungo il versante Nord. La montagna è composta da 3 cime principali: la vetta di 8163 m., Manaslu Ovest 7992 m. e Manaslu Nord 7157 m. Il circuito del Manaslu è uno dei trekking più spettacolari del Nepal. Parte da Arughat, risale la valle del Budhi Gandaki, che porta al passo Larkya La 5156 m., il punto più alto di tutto il trekking, e discende lungo la valle del Marsyangdi al villaggio di Besisahar, dove termina il nostro percorso. Dal suo punto più elevato potremo ammirare uno dei panorami più spettacolari di tutta la zona himalayana: il Manaslu 8.156 m., l’Himalung Himal 7.126 m., il Cheo Himal 6.820 m., il Gyaji Kung 7.030 m., l’Annapurna II 7.937 m. e, in lontananza, il Daulaghiri 8.164 m.. Affascinante è anche l’aspetto etnografico e culturale. Gli abitanti dell’alta valle del Budhi Gandaki sono diretti discendenti di popolazioni immigrate dal Tibet agli inizi del XVII secolo. Le tappe vanno da un minimo di tre ad un massimo di otto ore, su sentieri non particolarmente difficili. Il percorso è comunque adatto ad ottimi camminatori ed occorre tenere ben presente gli effetti connessi all’alta quota, tra i quali il rischio di mal di montagna. Questo percorso è studiato in modo da salire lentamente e prevede un giorno di acclimatamento per permettere al nostro organismo di adattarsi in modo graduale al cambiamento di quota. Si dorme in lodge o tea house, i tipici alberghi locali, con bagni in comune, di livello molto basico ed essenziale nella parte alta del percorso.

Quote di partecipazione per persona in camera doppia

Da 4 a 6 partecipanti € 2.850,00
Da 7 a 10 partecipanti € 2.800,00
Suppl. camera singola a Kathmandu € 250,00
Tasse aeroportuali e fuel surcharge (da riconfermare all’emissione) € 320,00
Assicurazione bagaglio-sanitaria-annullamento € 83,00
Partenze da altri aeroporti Su richiesta
Quota gestione pratica € 70,00

Quote di partecipazione
Il presente programma è basato su orari, tasse aeroportuali, tariffe dei trasporti e costi dei servizi a terra in vigore il mese di giugno 2019.

Le quote di partecipazione sono espresse in Euro e intese per persona e sono state calcolate in base al cambio valutario: 1 Euro = 1,13 USD.

Le tariffe aeree sono state calcolate in base ad una specifica classe di prenotazione e compagnia aerea in partenza da Milano. In caso di mancata disponibilità, verranno comunicati i supplementi della classe e/o della compagnia aerea disponibili. E’ possibile richiedere (con eventuale supplemento) la partenza da tutti gli altri aeroporti italiani.

Le quotazioni alberghiere sono riferite agli hotel indicati, o similari.

Una variazione delle tariffe aeree e del tasso di cambio indicato che dovesse verificarsi entro 20 giorni dalla data di partenza, determineranno una revisione delle quote.

Sono escluse dalla “quota di partecipazione” le tasse aeroportuali e l’eventuale sovrapprezzo carburante (fuel surcharge). Essendo tali costi estremamente variabili, saranno indicati all’atto della prenotazione e verranno riconfermati all’emissione del biglietto aereo.

OPERATIVO VOLI PREVISTO:
TK 1896  19 ottobre    Milano Malpensa - Istanbul    14.45 - 18.35
TK 726    19 ottobre    Istanbul - Kathmandu    20.35 - 06.25+1
TK 727    05 novembre    Kathmandu - Istanbul    12.40 - 18.35
TK1877   05 novembre    Istanbul - Milano Malpensa    20.15 - 21.20

Recesso del consumatore (Penalità di annullamento)
In deroga alle Condizioni Generali di Contratto pubblicate sul sito internet di Earth Cultura e Natura (www.earthviaggi.it), al consumatore che receda dal contratto prima della partenza in caso di annullamento saranno addebitate le penalità nella seguente misura:
    - penalità del 30% sino a 90 giorni prima della partenza del viaggio
    - penalità del 60% da 89 a 45 giorni prima della partenza del viaggio
    - penalità del 80% da 44 a 21 giorni prima della partenza del viaggio
Nessun rimborso spetterà a chi rinuncerà dopo tale termine.

Oltre alle penalità relative alla biglietteria aerea (tariffe speciali, instant purchase, low cost e voli di linea).

Si precisa che:
- il riferimento è sempre ai giorni “di calendario”;
- per determinate destinazioni, per particolari servizi, per i gruppi precostituiti e per determinate combinazioni di viaggio, le penali sopra riportate potranno subire variazioni anche rilevanti;
- per determinati servizi turistici e non turistici le penali possono essere del 100% già al momento della proposta irrevocabile o della prenotazione/conferma da parte del tour operator; tali variazioni saranno indicate nei documenti relativi ai programmi fuori catalogo o ai viaggi su misura o a viaggi e servizi in genere non rientranti pienamente o parzialmente nel presente catalogo;
- in ogni caso, nessun rimborso spetta al consumatore che decida di interrompere il viaggio o il soggiorno per volontà unilaterale.

Le quote di partecipazione includono

  • Voli di linea Turkish Airlines da Milano Malpensa a Katmandu, via Istanbul e ritorno, in classe economica (speciale classe di prenotazione T)
  • Tutti i trasferimenti privati con autista da e per gli aeroporti in Nepal
  • I trasferimenti con bus locali Kathmandu / Aruhat / Sotikhola e da Syange a Besi Sahar
  • Trasferimento privato da Besi Sahar a Kathmandu
  • Sistemazione in camera doppia a Kathmandu presso l’Hotel Yak & Yeti (4* superior), con trattamento di pernottamento e prima colazione
  • Sistemazione in camera doppia nei Lodge (rifugi locali con bagni in comune, acqua calda a pagamento) durante il percorso trekking con trattamento di pensione completa
  • Cena di arrivederci a Kathmandu, il 17° giorno
  • Trasporto delle attrezzature comuni e del bagaglio personale (massimo 12 kg per persona) durante il trekking (un portatore ogni due partecipanti)
  • Visita di Kathmandu con guida parlante italiano, comprensivo di ingressi, il 17° giorno
  • Guida esperta parlante inglese durante il trekking
  • Assicurazione bagaglio/sanitaria/annullamento UnipolSai
  • Tasse d’ingresso per i parchi e Permesso Speciale per il trekking
  • Kit di primo soccorso
  • Guida “Nepal” ed. Polaris
  • Polizza “Viaggi Rischio Zero”, UnipolSai
  • Kit da viaggio

Le quote di partecipazione non includono

  • Assicurazione bagaglio/sanitaria/annullamento UnipolSai
  • Tasse aeroportuali e fuel surcharge (Euro 320 da riconfermare all’emissione del biglietto aereo)
  • Quota gestione pratica (Euro 70,00)
  • Spese ottenimento visto nepalese (40 USD da pagarsi all’arrivo a Kathmandu)
  • Early check in o late check out
  • Qualsiasi trasporto in elicottero
  • Pasti non previsti in programma, menù à la carte, bevande, mance, facchinaggi, extra di carattere personale e tutto quanto non espressamente indicato.

1° Giorno - sabato 19 ottobre - Partenza per Kathmandu

Partenza da Milano Malpensa con volo di linea Turkish per Istanbul delle ore 14.45. Arrivo alle 18.35 e proseguimento con volo di linea Turkish per Kathmandu delle ore 20.30.
Pasti e pernottamento a bordo.

2° Giorno - domenica 20 ottobre - Kathmandu

Arrivo alle 06.25 nella capitale nepalese, situata in un’ampia vallata a 1340 metri di quota ai piedi della catena himalayana. Incontro con la nostra organizzazione e trasferimento in Hotel.
Sistemazione (dopo le 14.00) nelle camere riservate e tempo a disposizione per relax o per una prima visita libera e facoltativa della capitale nepalese.
Cena libera e pernottamento in Hotel.

3° Giorno - lunedì 21 ottobre - Kathmandu - Arughat - Soti Khola 700 m.

Prima colazione in Hotel.
Trasferimento alla stazione degli autobus e partenza con bus di linea per Arughat, lungo la Prithvi Highway, che porta a Pokhara attraverso la valle del fiume Trishuli.
Da Arughat si risale, con mezzi privati, la valle del Buri Gandaki sino al villaggio di Soti Khola.
Sistemazione in Lodge, pensione completa.

4° Giorno - martedì 22 ottobre - Soti Khola 700 m. - Machha Khola 870 m.

Trekking 4/5 ore - salita 310 m. - discesa 110 m.

Il trekking inizia oltrepassando un ponte e salendo la destra orografica della valle del fiume Budhi Gandaki, attraverso splendide foreste. Il sentiero, a volte scavato nella roccia, procede con diversi saliscendi, alto sul fiume che scorre nel fondo valle. Sorpassate terrazze coltivate a riso, si raggiungere il villaggio di Labubesia a 880 m. di quota. Poco dopo questo villaggio la valle si allarga, il sentiero scende sino al letto del fiume e percorre un tratto sui banchi di ghiaia, per poi risalire al villaggio di Machha Khola, dove ci si ferma per la notte.
Sistemazione in Lodge, pensione completa.

5° Giorno - mercoledì 23 ottobre - Machha Khola 870 m. - Jagat 1340 m.

Trekking 5/6 ore - salita 520 m. - discesa 120 m.

Si continua il trekking sempre risalendo la valle dal lato destro idrografico, passando poco sotto il villaggio di Khorlabesi con campi coltivati a tabacco e grano saraceno. La valle si fa ripida: dopo aver salito un crinale, un continuo saliscendi porta al villaggio di Tatopani (990 m.), dove ci sono sorgenti di acqua calda (Tatopani significa acqua calda). Lasciato il villaggio, il sentiero continua salendo al villaggio di Uiya e, proseguendo alto sul fiume, continua lungo scale di pietra fino ad arrivare al villaggio di Jagat.
Sistemazione in Lodge, pensione completa.

6° Giorno - giovedì 24 ottobre - Jagat 1340 m. - Dyang 1860 m.

Trekking 4/5 ore - salita 570 m. - discesa 50 m.

Rimanendo sulla destra orografica del fiume Budhi Gandaki Nadi si attraversano i villaggi di Salleri e Sirdibas. Alcuni muri mani indicano l’ingresso nel territorio ad influenza tibetana, anche se la popolazione appartiene ancora all’etnia gurung. Un ponte sospeso porta a Philim, un grande villaggio gurung circondato da campi di grano e di miglio. Lasciando il villaggio dalla parte alta, il sentiero si mantiene in quota, attraversando campi di miglio fino a Ekle Bhatti a 1600 m. di altezza. A questo punto il percorso si inoltra in una gola ripida e stretta e attraversa poi diverse volte il fiume fino al villaggio di Dyang, che segna l’inizio della regione di Nupri.
Sistemazione in Lodge, pensione completa.

7° Giorno - venerdì 25 ottobre - Dyang 1860 m. - Namrung 2630 m.

Trekking 5/6 ore - salita 810 m. - discesa 90 m.

Si attraversa il fiume un'altra volta prima di raggiungere il villaggio di Rana Gaon (1980 m.) e poi si sale fino all’abitato di Bihi. Il sentiero compie diversi saliscendi in mezzo ai boschi di conifere in direzione del villaggio di Ghap (2160 m.). Molto interessanti i muri mani di questo villaggio con le rappresentazioni, finemente scolpite nella pietra, di diverse pose del Buddha e del santo Milarepa, uno dei principali maestri del Buddhismo tibetano. Superando altri muri mani, si continua a salire lungo la valle oltrepassando campi coltivati, pinete e profonde gole, per raggiungere infine il villaggio di Namrung composto da graziose case in pietra.
Sistemazione in Lodge, pensione completa.

8° Giorno - sabato 26 ottobre - Namrung 2630 m. - Lhogaon 3180 m.

Trekking 4/5 ore - salita 610 m. - discesa 90 m.

Il percorso entra nell’alta regione di Nupri, dove la lingua e i costumi cambiano, la popolazione parla infatti un dialetto tibetano. Il sentiero attraversa boschi di conifere e rododendri per raggiungere poi i campi coltivati di Ligaon, un villaggio formato da caratteristiche case in pietra e legno a 2910 m. di quota. Mentre si sale il panorama diventa spettacolare: in alto nella valle si possono osservare il Manaslu 8163 m., il Manaslu North 7157 m. e il Naike Peak 6211 m.
Si raggiunge infine il villaggio di Lhogaon.
Sistemazione in Lodge, pensione completa.

9° Giorno - domenica 27 ottobre - Lhogaon 3180 m. - Samagaon 3530 m.

Trekking 3/4 ore - salita 570 m. - discesa 220 m.

Si scende sino al fiume Damonan Khola, che si supera su un ponte a due campate, per risalire dalla parte opposta fino al villaggio di Syalagaon (3520 m.). Il panorama spazia dal Himal Chuli 7893 m. al Nadi Chuli (segnato sulle carte con il nome di Peak 29) 7831 m., fino al Manaslu 8163 m., chiamato dalla gente locale Kampungge.
Superando alcuni chorten e un piccolo gompa si continua sino al villaggio di Samagaon.
Sistemazione in Lodge, pensione completa.

10° Giorno - lunedì 28 ottobre - Gionata di acclimatamento a Samagaon 3520 m.

Possibilità di salire al Campo base Manaslu 4400 m.  
Trekking 4/5 ore - salita 870 m. - discesa 870 m.


Giorno di riposo per facilitare l’acclimatamento.
Durante la giornata è possibile visitare il monastero di Kargyu Chholing situato poco oltre il villaggio dietro una morena, raggiungibile attraversando i campi di patate e orzo, le uniche colture che crescono a queste quote. Il Gompa, gestito dai monaci della scuola nyngma, è composto da diversi edifici. Il più grande di questi è il gompa di Pemba Chholing, che al suo interno ospita un enorme statua del Guru Rimpoche.
Un’altra possibilità è salire al campo base del Manaslu passando per il lago Birendra Tal di origine glaciale (3450 m.).
Un ripido sentiero porta al campo situato sotto la parete est del Manaslu.
Pensione completa.

11° Giorno - martedì 29 ottobre - Samagaon 3520 m. - Samdo 3870 m.

Trekking 3 ore - salita 350 m. - discesa 60 m.

Si scende al fiume Budhi Gandaki Nadi per risalire poi la valle verso Nord. Attraversato il fiume ed oltrepassati diversi muri mani, si raggiunge il villaggio di Samdo, nascosto dietro ad un’altura.
Sistemazione in Lodge, pensione completa.

12° Giorno - mercoledì 30 ottobre - Samdo 3870 m. - Dharmashala 4460 m.

Trekking 3/4 ore - salita 590 m. - discesa 0 m.

Il sentiero percorre campi coltivati fino ad un grande muro mani, attraversa poi il fiume su un ponte di legno, per arrivare ad un luogo chiamato Larke Bazar da dove inizia la salita al passo Larkey La. Si sale gradualmente attraverso la tundra di fronte al ghiacciaio di Larke, che scende dal Manaslu North. A queste quote, è possibile avvistare le pecore azzurre che pascolano sui magri prati. Si raggiunge la località di Dharmashala, chiamata anche Larche Phedi, ai piedi del passo. Sistemazione in Lodge, pensione completa.

13° Giorno - giovedì 31 ottobre - Dharmashala 4460 m. - Larkey La 5140 m. - Bimthang 3590 m.

Trekking 7/8 ore - salita 810 m. - discesa 1550 m.

Si risalgono alcune morene e ripidi pendii erbosi seguendo il sentiero, segnato da alcuni ometti di pietra, che porta al passo Larkey La a 5140 m. di quota. Sul passo, segnalato con un cumulo di pietre e bandierine di preghiera, si può ammirare uno dei panorami più spettacolari di tutta la zona himalayana: il Manaslu 8.156 m, l’Himalung Himal 7.126 m., il Cheo Himal 6.820 m., il Gyali Kung 7.030 m., l’Annapurna II 7.937 m. e, in lontananza, il Daulaghiri 8.164 m..
La prima parte della discesa è ripida su pendii sassosi. Arrivati alla base del passo, la discesa si fa più dolce su morene erbose e la valle si allarga fino a giungere ad un muro mani che indica l’entrata del villaggio di Bimthang.
Sistemazione in Lodge, pensione completa.

14° Giorno - venerdì 01 novembre - Bimthang 3590 m. - Dharapani 1860 m.

Trekking 6/7 ore - salita 0 m. - discesa 1860 m.

Si scende lungo la valle del Dudh Khola attraverso foreste di pini e rododendri per giungere poi ai campi coltivati del villaggio di Karche (2700 m.). Una breve ma ripida salita porta al passo di Karche. Superato il Passo, la discesa continua fino alla riva del fiume attraverso i campi coltivati dell’abitato di Gho e del villaggio di Tilche. La congiunzione del Dudh Khola con il fiume Marsyngdi segna l’arrivo al villaggio di Dharapani.
Sistemazione in Lodge, pensione completa.

15° Giorno - sabato 02 novembre - Dharapani 1860 m. - Jagat 1300 m.

Trekking 5/6 ore - salita 0 m. - discesa 560 m.

Da Dharapani si scende lungo la valle del fiume Marsyngdi, praticamente seguendo al contrario l’itinerario dei primi giorni del circuito dell’Annapurna. Oltrepassati i villaggi di Karte e di Tal, situati in un’ampia piana alluvionale, una ripida discesa porta al villaggio di Chyamche e, infine, si giunge al villaggio di Jagat. Il percorso segue a tratti la nuova carrozzabile che risale la valle sino al villaggio di Chame.
Sistemazione in Lodge, pensione completa.

16° Giorno - domenica 03 novembre - Jagat 1300 m. - Syange 1100 m. - Kathmandu

Trekking 1 ora - salita 0 m. - discesa 200 m.

Si scende verso Sud, seguendo sempre il fiume, nella gola che si fa più stretta per giungere al nucleo abitativo di Syange, stretto tra una parete rocciosa e il corso d’acqua. A bordo di mezzi locali, continuiamo la discese della valle per giungere infine alla cittadina di Besisahar (760 m.). Incontro con l’organizzazione locale e trasferimento privato in Hotel a Kathmandu.
Sistemazione nelle camere riservate.
Cena libera e pernottamento.

17° Giorno - lunedì 04 novembre - Kathmandu e la Valle

Prima colazione in Hotel.
Mattinata dedicata alla visita della città di Kathmandu, con un circuito a piedi che tocca i principali siti, si attraversa il quartiere turistico di Thamel per approdare nella bella piazza Durbar Square e al Tempio della Dea Bambina. Nel pomeriggio visita dello Stupa di Boudhanath, uno dei luoghi più sacri di Kathmandu, alto 36 mt e con un diametro di 120 mt, diventando così uno dei più alti del Nepal e uno dei più grandi al mondo. Proseguimento della visita al Tempio di Pashupatinath, uno dei templi induisti più importanti di tutto il subcontinente indiano.
Il tempio si affaccia sulle rive del fiume sacro Bagmati e da sempre, questo luogo è meta di pellegrinaggio di migliaia di fedeli e luogo prediletto dagli induisti nepalesi per cremare i defunti. Al termine delle visite, rientro in Hotel. Cena di arrivederci.
Pernottamento in Hotel.

18° Giorno - martedì 05 novembre - Kathmandu - Rientro in Italia

Prima colazione in Hotel.
Trasferimento in aeroporto in tempo utile per la partenza del volo di linea Turkish Airlines per Istanbul delle ore 12.40. Arrivo alle 18.35 e proseguimento con volo di linea Turkish Airlines per Milano Malpensa delle ore 20.15. Arrivo a Milano Malpensa - Terminal 1 - alle ore 21.20.

Hotel previsti o similari

Stelle : -
Hotel Da riconfermare al momento della prenotazione










Compila il modulo per richiedere maggiori informazioni

Nepal: Manaslu trek con accompagnatore dall’Italia - Partenza 19 Ottobre

 







Aiutaci a migliorare