Isola di Pasqua

Rapa Nui, isolata e misteriosa
Voli inclusi
voli inclusi
nella quota
Quote
su richiesta
contattaci
Disponibilità viaggio
partenze individuali
tutto l'anno
Giorni di viaggio
4
giorni di viaggio
Numero partecipanti
minimo 2
partecipanti
viaggio personalizzabile

Questo itinerario è solo un esempio dei tour che organizziamo.
Contattaci per costruire insieme il tuo viaggio su misura!

RICHIEDI INFORMAZIONI
Quote a partire da
quotazione su richiesta
Data di partenza
partenze individuali tutto l'anno
Giorni di viaggio
4
Incluso nel viaggio
  • Polizza “Viaggi Rischio Zero”
  • Voli aerei
In collaborazione con
  • Latam Airlines
Linea di viaggio
  • Linea di esperienza
Temi di viaggio
Kit da viaggio
  • Kit Viaggio

Caratteristiche di viaggio

Il Cile è soprattutto l'isola di Pasqua, perduta nelle lontananze azzurre del Pacifico.
Da millenni i suoi guardiani sono gli oltre seicento moai, i grandi busti di pietra, il cui mistero resiste ancora a ogni spiegazione.

Enigmatici, osservano il mare, aspettando forse il misterioso Uomo Uccello che si libra dalle scogliere del vulcano Rano Kao.

Rapa Nui, l’Isola di Pasqua isolata e misteriosa, famosa per la sua natura estrema e per la sua storia ancora incerta, elemento che carica di ulteriore fascino e magia questo luogo senza tempo.

RICHIEDI INFORMAZIONI

Tappe del tour

Isola di Pasqua
4 giorni

aereopercorso via terra
aereopercorso in aereo
aereopercorso in nave

Il programma di viaggio

4 giorni

+ vedi il programma completo
GIORNO
01

Santiago del Cile - Isola di Pasqua

Partenza con volo di linea Latam Airlines per Isola di Pasqua. Arrivo e trasferimento in Hotel. Pernottamento.

+ leggi tutto
GIORNO
02

Isola di Pasqua

Prima colazione in Hotel. Intera giornata di escursione. In mattinata, trasferimento sulla costa est dell’Isola per visitare i siti archeologici...

+ leggi tutto
GIORNO
03

Isola di Pasqua

Prima colazione in Hotel. In mattinata visita di Ahu Akivi, un centro cerimoniale nella zona di Roihi che fu il...

+ leggi tutto
GIORNO
04

Isola di Pasqua - Santiago del Cile

Prima colazione in Hotel. Trasferimento all'aeroporto e partenza con il volo di linea Latam Airlines di rientro a Santiago.

+ leggi tutto
vedi tutti i 4 giorni

Gli alberghi

Hotel Prima Categoria

Hotel Categoria Turistica Superior

  • QUOTE
    scopri tutti i prezzi
  • NOTE
    informazioni utili per il viaggio
  • COS'È INCLUSO?
    servizi inclusi nel viaggio
  • COS'È ESCLUSO?
    servizi esclusi nella quotazione

Quotazioni su richiesta

NOTE


Le quote di partecipazione includono

Voli di linea Latam Airlines da Santiago del Cile a Isola di Pasqua e ritorno, in classe K economica (in congiunzione con voli intercontinentali Latam Airlines) - Trasferimenti collettivi o privati da/per l’aeroporto - Pernottamenti in camera doppia standard nell’hotel della categoria prescelta, o similare, come specificato in programma - Trattamento di pernottamento e prima colazione + un pranzo a pic nic, come indicato in programma - Escursioni e visite con guide locali parlanti spagnolo/inglese (italiano se disponibili) - Ingressi ai musei, parchi e luoghi di interesse turistico - Polizza “Viaggi Rischio Zero”, UnipolSai Assicurazioni

Le quote di partecipazione non includono

Tutti i voli e le relative tasse aeroportuali - Assicurazioni (bagaglio/sanitaria/annullamento, UnipolSai Assicurazioni) - Quota gestione pratica (Euro 70,00) - Tasse aeroportuali e fuel surcharge (da riconfermare all’emissione del biglietto aereo) - Eventuali tasse aeroportuali locali: attualmente sono tutte inserite nei biglietti aerei; potrebbero essere richieste o modificate senza preavviso dalle autorità locali - Tassa d’Ingresso a Isola di Pasqua (USD 90 da pagare in loco all’arrivo) - Early check in e late check out negli alberghi, eccetto dove specificato - Escursioni e visite facoltative, non previste in programma - Pasti non previsti in programma, menù à la carte, bevande, mance, extra di carattere personale e tutto quanto non espressamente indicato.

Richiesta informazioni

compila il form per avere maggiori informazioni sul viaggio Isola di Pasqua

Nome*
Cognome*
Messaggio
  • Informazioni utili
    tutto quello che ti serve sapere
  • È importante sapere che...
    informazioni importanti
  • Viaggi assicurati
    assistenza alla persona, spese mediche,
    bagaglio, annullamento e "Rischio Zero”
  • Condizioni generali
    di contratto di vendita
    di pacchetti turistici

Ordinamento dello stato

La Repubblica del Cile è uno Stato unitario democratico e di carattere presidenzialista, costituito da diverse istituzioni autonome che si inseriscono in uno schema costituzionale che determina le funzioni e le competenze degli organi che compongono lo Stato Cileno secondo il principio della separazione dei poteri.

L’attuale costituzione è stata approvata l’11 settembre 1980, ma è stata sottoposta a diverse riforme costituzionali per renderla più idonea alla democrazia attualmente presente nel paese dopo la caduta di tale dittatura.

Geografia

La superficie totale del paese è 755.838,7 km². È il paese più lungo al mondo, coprendo una distanza da Nord a Sud (senza la parte Antartica) di circa 4.300 km, mentre la distanza media da Est a Ovest è solamente di 180 km.

Possiede anche territori insulari nell’Oceano Pacifico, come le Isole Juan Fernández, Sala y Gómez, Isole Desventuradas e l’Isola di Pasqua (situata in Polinesia).

Il Cile reclama la sovranità anche su una zona dell’Antartide di 1.250.257,6 km² denominata Territorio Cileno Antartico e comprende i meridiani 90° e 53° Ovest fino al Polo Sud. Questa richiesta non è stata accolta a causa della firma al Trattato Antartico che di fatto determina la rinuncia alle pretese territoriali nell’Antartide.

Capitale

Santiago del Cile o semplicemente Santiago è la capitale ed il centro urbano più importante del Cile. L’area metropolitana della città è stata denominata Gran Santiago e corrisponde al capoluogo della Regione Metropolitana di Santiago.
Considerata spesso un’unica città in realtà è una conurbazione che comprende completamente il territorio di 26 comuni e parte del territorio di altri 11 comuni, gran parte della metropoli è compresa nella provincia di Santiago, alcune parti periferiche fanno parte delle province di Maipo, Cordillera e Talagante.
La città è situata ad un’altitudine media di 567 m s.l.m. Attualmente si stima che la “Gran Santiago” abbia 6.269.629 abitanti. Secondo le statistiche Santiago è la settima città più popolosa del Sudamerica e la 35esima area metropolitana del mondo. La capitale del Cile ospita molte sedi governative (ad eccezione del Congresso Nazionale che ha invece sede a Valparaiso.

Bandiera

La bandiera del Cile è formata da due bande orizzontali di uguali dimensioni, quella superiore è bianca e quella inferiore è rossa; sulla banda bianca, dal lato dell’asta, è presente un quadrato blu con una stella bianca a cinque punte al suo interno. Il protocollo stabilisce che la bandiera può essere issata in orizzontale o in verticale, ma la stella deve sempre trovarsi nell’angolo in alto a sinistra. I significati dei colori sono:
▪        Rosso: rappresenta il sangue dei patrioti che combatterono per l’indipendenza.
▪        Bianco: rappresenta la neve delle Ande.
▪        Blu: rappresenta il blu del cielo e il mare (oceano Pacifico)
▪        la stella: sottolinea il fatto che il Cile è una repubblica unitaria e non una repubblica federale.
Adottata nel 1817, la bandiera ha un disegno evidentemente ispirato alla bandiera americana: venne infatti disegnata dall’americano Charles Wood, che prestava servizio volontario presso l’esercito cileno. I colori erano però usati ben prima dell’arrivo degli spagnoli.

Popolazione

I cileni sono circa 14.600.000 con una densità della pop. (abitanti per Km): 19 ab. per Km2.

Lingua

La lingua ufficiale è lo Spagnolo (Castellano). La lingua inglese è parlata principalmente dagli addetti al turismo. Sono altresì diffusi idiomi Amerindi.

Religione

In Cile esiste la libertà di culto. La religione maggiormente diffusa è la Cattolica (76,7%). Minime presenze anche di Protestanti (13,2%).

Documenti per l'espatrio

I cittadini italiani e dell’Unione Europea non necessitano di visto turistico per entrare in Cile e vi possono rimanere fino a novanta giorni, se in possesso di passaporto con validità residua di almeno 6 mesi al momento dell’arrivo nel Paese. Una formalità richiesta all’ingresso è il formulano Tarjeta de Turismo che va conservato e restituito all’uscita. È possibile prorogare il soggiorno in Cile fino a trenta giorni oltre i 90: in tal caso si applica una tassa di 100 dollari. In caso di rinnovo o perdita della Tarjeta de Turismo, è necessario darne segnalazione alle autorità. È necessario portare sempre con sé un documento di riconoscimento. I tutori dell’ordine sono amichevoli ma inflessibili.
Non è obbligatorio essere in possesso di patente internazionale anche se è consigliabile averla.

Ambasciata

L’ambasciata d’Italia in Cile si trova a:
Clemente Fabres 1050
Providencia – Santiago
Telefono:  0056 – 2 – 4708400
Fax Ambasciata: 0056 – 2 – 2232467
E-Mail Ambasciata: info.santiago@esteri.it
Fax Cancelleria Consolare:  0056 – 2 – 4708470
E-Mail Cancelleria Consolare: consolato.santiago@esteri.it

Disposizioni sanitarie

In Cile non sono richieste vaccinazioni.
Per consigli sanitari é bene consultarsi con l’Ufficio d’Igiene del Vostro Comune.
Occorre comunque attenersi ad alcune indicazioni preventive e mantenere una corretta igiene personale. Il primo consiglio è quello di non bere acqua se non imbottigliata, meglio ancora se addizionata di anidride carbonica (accertandosi sempre della effettiva chiusura del tappo), evitare di consumare ghiaccio, verdure crude, frutta già sbucciata e pasti in locali non igienici o nelle bancarelle degli ambulanti.
La quota andina può generare malesseri dovuti ad un naturale processo d’adattamento dell’organismo alla diminuzione di ossigeno che inizia a manifestarsi oltre i 3.000 metri.
Le prestazioni sanitarie in ospedali privati (come la Clinica Alemana o la Clinica Las Condes entrambe a Santiago) sono di livello internazionale e vengono rimborsate dalle  assicurazioni mediche degli altri paesi. È possibile reperire qualsiasi medicinale, anche se è sempre consigliabile avere con sé medicinali di uso comune (come aspirina, disinfettanti intestinali, antidolorifici, antipiretici, repellenti per insetti) e quelli normalmente utilizzati.
La maggior parte dei medici parla inglese ed alcuni il tedesco.

Trasporti

Aerei: cinque imprese nazionali (Lan, Ladeco, Alta, Avant, Dap) volano con moderni apparecchi su tutte le principali città del paese. Il servizio è ottimo e molto sicuro.
 Pullman: tre tipi di comodi pullman collegano le principali città e paesi tra di loro, incluso le grandi distanze come Anca – Santiago.
 Trasporto urbano:
 Autobus (micros): economici, vecchiotti e affollati, ma simpatici. E necessaria una minima conoscenza della città.
 Metro (metropolitana): soltanto a Santiago, e ha tre linee. E’ veloce, silenziosa e molto pulita.
 Taxibus (taxi collettivi): percorrono dei tragitti fissi, sia a Santiago che tra località vicine in tutto il paese.
 Taxi (neri col tetto giallo): economici, a tassametro.
 Taxi turistici (blu): si trovano davanti agli alberghi. Sono i più cari.
 
Radio Taxi: pratici quando si ha bisogno di spostamenti in orari determinati. Le tariffe sono simili a quelle dei taxi normali.
 Pulmini privati portano i passeggeri ovunque su richiesta.
 Pullman di linea per l’aeroporto: servizio attivo tutto l’anno.
 Treni: nonostante a Santiago la Estacion Central sia un bel monumento liberty di Eiffel, i collegamenti sono ridotti e lenti. Scarsa la rete ferroviaria.
 Auto a noleggio: si può affittare un’auto con carta di credito e con età minima 21 anni. Oltre a Hertz, Budget, Avis, vi sono ottime imprese minori. Controllare se i prezzi includono o meno l’Iva, il chilometraggio libero e l’assicurazione. È bene informarsi inoltre sulle condizioni delle strade regionali (molte sono in terra battuta). Un litro di benzina (nafta) costa circa US$ 0,65. La velocità massima in zone urbane è di 50 km/h; in autostrada di 100 km/h, a meno che non sia segnalato un limite inferiore, I controlli sono frequenti e inflessibili. Guidando in città attenzione alla guida disinvolta dei locali: cambiano corsia e usano poco le frecce.  E’ importante portare sempre con sè i documenti dell’auto e la patente. In caso di problemi o per informazioni, rivolgetevi ai numerosi commissariati dei Carabinieri, in ogni luogo del paese.
 Biciclette e moto: il Cile è un paese adatto ai cicloturisti, soprattutto nel nord. Sconsigliata Santiago, per il traffico molto intenso e l’assenza di corsie speciali. Il resto del paese è poco trafficato.

Tasse aeroportuali

Attualmente le tasse aeroportuali da pagarsi in loco sono già incluse nel biglietto aereo ma possono cambiare senza preavviso.

Norme doganali

L’ingresso di valuta straniera è illimitato. Previa presentazione di una “Dichiarazione di Ingresso Temporaneo” (Documento de Admisiòn Temporal Efectos de Turista) è possibile importare telefoni cellulari, satellitari e computer portatili. E’ proibita l’esportazione d’oggetti appartenenti al patrimonio culturale e archeologico. Per l’esportazione di oggetti d’arte o antichità é necessaria un’autorizzazione degli uffici competenti.  E’ consentito importare in Cile senza pagare tasse doganali vari oggetti per uso strettamente personale ed i seguenti articoli: 400 sigarette, 500 g di tabacco da pipa e 2 L e mezzo di alcolici. Non si possono importare semi, frutta o altro alimento deperibile. Sono ammessi animali domestici, come cani e gatti, con certificato di vaccinazione e certificato sanitario internazionale vistato dal Consolato cileno (Roma o Milano) a cui è bene richiedere informazioni dettagliate.

Valuta

L’unità monetaria in Cile è il Peso cileno ( Codice moneta CLP ), convertibile con tutte le monete.
La valuta straniera in Cile può essere liberamente cambiata nel Paese.  Le carte di credito sono accettate solo nelle grandi città.
Cambio indicativo
1 Euro             = 647,04  Peso Cileno
1 Peso Cileno  = 0,0016  Euro
1 Dollaro USA  = 467,18  Peso Cileno
1 Peso Cileno  = 0,0021  Dollari USA

Fuso orario

La differenza oraria tra Italia ed il Cile è di -5 ore (- 6 ore durante l’ora legale italiana, -4 ore durante l’ora legale cilena, che va da ottobre a marzo).
L’Isola di Pasqua è due ore indietro rispetto al resto del Paese.

Clima e abbigliamento

Al nord il clima è tropicale ed arido; nella zona desertica si registrano forti sbalzi di temperatura tra il giorno e la notte. Al centro il clima è di tipo mediterraneo. Al Sud è di tipo continentale con temperature medie di + 12 gradi. Nella Patagonia cilena (estremo Sud) il clima è freddo con temperature che variano tra – 15º e + 5º. Le variazioni di temperature possono essere repentine in tutto il Paese: si consiglia pertanto di portare sempre con sé, anche nel nord desertico, maglioni e giacche a vento. Per questo itinerario nell’area andina del Nord del Cile, nel periodo invernale la temperatura può oscillare da 25°C a pochi gradi sotto lo zero.
La tecnica dell’abbigliamento a strati (capi pesanti e di medio peso da indossare, se necessario sovrapposti) consente di adeguare il grado di copertura corporea alle variazioni o agli imprevisti climatici del momento. Nel resto del Tour è consigliato un abbigliamento sportivo di medio peso.
Forniamo un elenco orientativo del materiale per intraprendere questo viaggio che ognuno dovrà adeguare alle proprie abitudini ed esigenze.
-          sacca robusta/valigia e zainetto per le necessità giornaliere e per le escursioni a piedi
-          scarponcino comodo per il giorno, scarpe leggere per la sera e ciabatte per doccia
-          pantaloni comodi di cotone e pesanti
-          giacca a vento di medio peso (tipo goretex)
-          giacca in pile, polar fleece o simili
-          camicie di cotone, t-shirt
-          calze di lana e cotone
-          berretto di lana e guanti di lana
-          copricapo leggero per il sole
-          maglieria intima di lana o capilene
-          fazzoletti, foulard, necessaire (sapone disinfettante e salviettine umide)
-          crema solare protettiva (anche per labbra)
-          occhiali da sole
-          presa elettrica ad attacco universale
-          torcia elettrica e batterie di ricambio
-          coltellino multiuso
-          binocolo
Farmacia personale:
-          garze, cerotti, benda elastica e disinfettante generico
-          antibiotici a largo spettro
-          disinfettanti intestinali, enterogermina
-          analgesici, antistaminici, antinfiammatori, antidolorifici
-          collirio
-          bustine solubili per bevande energetiche e reintegrative della disidratazione
-          farmaci di uso personale

Uffici

Le banche sono aperte dalle 09,15 alle 12,45 da aprile a dicembre e dalle 08,45 alle 11,30 da gennaio a marzo. I negozi sono aperti dalle 10,00 alle 13,00 e dalle 16,00 alle 20,00 tutti i giorni tranne la domenica.

Pesi e misure

In Cile vige il sistema metrico decimale.

Elettricità

E’ necessario munirsi di un adattatore di tipo americano a lamelle piatte (le spine in uso sono quelle a due spinotti piatti). Il voltaggio varia a seconda della località: 220V-50 Hz.
Prese elettriche utilizzate in Cile: Tensione: 220 V Frequenza: 50 Hz
Spina Tipo C, Tipo L.

Telefono

Il Cile ha una delle reti di telecomunicazione più sviluppate al mondo, completamente digitale da molti anni. Con il sistema multicarrier, l’utente può scegliere la compagnia telefonica per effettuare chiamate internazionali, I prefissi di tre numeri di ogni carrier vengono pubblicati sui giornali insieme alle tariffe. Le compagnie telefoniche hanno centri telefonici e fax aperti al pubblico.
Si possono noleggiare telefoni cellulari a prezzi convenienti. I telefoni pubblici funzionano con monete da 100 pesos o carte telefoniche (in vendita dai giornalai).
Per chiamare all’estero si deve digitare il prefisso del carrier + 0  + prefisso del paese + prefisso della città + numero di telefono.
Telefonia cellulare: per gli abbonati Gsm Tim è disponibile il roaming.
Prefisso dall’Italia per il Cile: 0056 (prefisso città + numero)
Prefisso dal Cile per l’Italia: 0039 (prefisso città + numero)
Telefoni di emergenza
Pronto Soccorso 131 – Vigili del Fuoco 132
Polizia 133 – Soccorso Andino 136
Informazioni telefoniche 103
I telefoni cellulari funzionano solo se tri-band o satellitari.

Cibi

La maggior parte dei ristoranti offre dei menù europei. La cucina cilena è prevalentemente costituita da carne bovina, pollo, pesce e frutti di mare. Tra le specialità ricordiamo la parrillada (carne alla brace), empanadas (calzone al forno o fritti ripieno di carne o frutti di mare, cipolla, uova, uva passa o con formaggio), salmone e trota preparati in diversi modi e frutti di mare molto apprezzati.
Sono anche saporiti la cazuela (zuppa con carne o pollo, patata, zucca gialla) e il pastel de choclo (soufflè di mais con carne o pollo, cipolla tritata, uovo sodo e olive). Le humitas sono un soufflè di mais avvolto nelle sue stesse foglie. Il caldillo de congrio (zuppa preparata con un tipo di anguilla di mare) è uno dei piatti più diffusi. Nel sud del Cile una delle specialità è il curanto, piatto costituito da frutti di mare, pesce, patate e carne. Ottima la frutta e la verdura coltivate nella Regione Centrale.
L’aperitivo è il pisco sour, un drink tipico a base di distillato d’uva, succo di limone, zucchero e albume d’uovo. Ottimi i vini (Cabernet Sauvignon, Merlot, Sauvignon Blanc, Chardonnay).

Giorni festivi

Capodanno (1° gennaio) – Settimana Santa (dal venerdì alla domenica)- Festa del Lavoro (1° maggio); Combattimento Navale di Iquique (21 maggio); SS. Pietro e Paolo (29 giugno); Assunzione (15 agosto); Festa dell’Unità Nazionale (1° lunedì di settembre); Festa Nazionale (18 settembre); Scoperta dell’America (12 ottobre); Tutti i Santi (1° novembre); Immacolata Concezione (8 dicembre); Natale (25 dicembre).

Materiale fotografico

E’ consigliato rifornirsi in Italia di tutto il materiale occorrente: pellicole, micropile, flash, schede di memoria non sempre facilmente reperibili oppure molto più costosi. Sarà utile portare con sé un semplice sacchetto di plastica per proteggere gli oggetti da polvere o umidità.

Cosa comprare

I negozi aprono tra le 9.00 e le 10.00 e chiudono alle ore 20.00 circa, In genere i negozi più piccoli chiudono tra le ore 14.00 e le 16.00. I centri commerciali ed i supermercati rimangono aperti fino alle ore 21.00 o 22.00 anche durante i fine settimana. Il centro commerciale Alto Las Condes è il più moderno del Sudamerica e vale la pena entrarvi, Interessante visitare il Mercado Central di Santiago o i suoi equivalenti in provincia e mangiare nei ristoranti interni per godere della particolare atmosfera che vi si respira. Altri luoghi da visitare sono le numerose fiere dell’artigianato con articoli in legno, lana, argilla, vimini, argento, lapislazzuli e malachite.

Mance

Nei ristoranti è usanza lasciare una mancia di circa il 10% del conto. Per il personale di servizio, guide comprese, durante i tour è a discrezione del partecipante lasciare una mancia.

Letture consigliate

America Latina a cura di Alberto Cuevas (Edizioni Lavoro, Roma 1993-8)
E’ un’opera in tre volumi: il primo è dedicato alla storia del continente dalle civiltà precolombiane all’indipendenza, il secondo ai principali protagonisti storici e alle correnti di pensiero che hanno animato le vicende politiche, mentre il terzo si concentra su temi quali politica, istituzioni ed economia.

Che ci faccio qui? di Bruce Chatwin (Adelphi, Milano 2000)
Contiene un bellissimo saggio sull’isola di Chiloé.

Il Cile. Dalla repubblica popolare al dopo Pinochet (1861-1990) di M. Rosaria Stabili
Prende in esame la storia contemporanea del paese fino all’inizio degli anni ’90.

Il vecchio che leggeva romanzi d’amore di Luis Sepúlveda (Guanda, Milano 2003)
E’ un romanzo breve che è valso allo scrittore cileno il successo internazionale. I lavori di Sepúlveda sono disponibili in italiano nei cataloghi delle case editrici Guanda e Tea.

In Patagonia di Bruce Chatwin (Adelphi, Milano 2002)
E’ il resoconto di un viaggio che si svolge più in Argentina che in Cile, ma il paesaggio umano e naturale che descrive è fra i più suggestivi del Sud America.

Io e Pinochet di Marc Cooper (Feltrinelli, Milano 2002)
Racconta con tensione drammatica e narrativa i momenti decisivi del governo di Allende, il terrore del golpe che ne sovvertì il regime, la delusione di una pseudodemocrazia fino al recente arresto di Pinochet.

La casa degli spiriti di Isabel Allende (Feltrinelli, Milano 2002)
E il romanzo d’esordio della scrittrice, nipote dell’ex presidente Salvador Allende, nota ormai in tutto il mondo.

La frontiera scomparsa di Luis Sepúlveda (Guanda, Milano 1999)
E’ un romanzo incentrato su un viaggio in America Latina alla ricerca delle proprie radici.

Salvador Allende di Fernando García e Oscar Sola (Sperling & Kupfer, Milano 1998)
E’ un saggio di taglio divulgativo sulla vita di Allende, con le immagini dei mille giorni di democrazia; prefazione di Isabel Allende.

Mezzi di trasporto

I mezzi di trasporto previsti per i viaggi in catalogo sono esclusivamente privati con autisti parlanti spagnolo, persone esperte dei luoghi.
I mezzi utilizzati sono di standard sudamericano e non sempre sono in grado di garantire uno standard adeguato alle aspettative occidentali.
Prevediamo i programmi con alcuni trasferimenti collettivi con pullman turistici. Gli itinerari attraverso gli altipiani andini, in Bolivia e in Nord Argentina, sono effettuati con mezzi fuoristrada mentre nel Cile del Nord con pullmini 9 posti.
In questi casi l’altitudine può causare il rallentamento dei mezzi per problemi di carburazione, pertanto anche le distanze più modeste possono comportare numerose ore di viaggio.

Hotel

Nelle città principali, dove la proposta ricettiva è più ampia, sono stati selezionati hotel che garantiscono un accurato servizio, un ambiente accogliente e una ubicazione privilegiata. Nelle altre località e nelle zone lontane dai circuiti turistici usuali, in alcuni casi, e specificatamente sull’altipiano andino boliviano e cileno, occorre adattarsi alle uniche strutture esistenti.

Individuali e gruppi

In Cile e in Argentina le partenze individuali sono gestite per tutti i programmi proposti e per itinerari personalizzati, sia sugli altipiani del Nord che in tutto il sud e in Patagonia. La formula dei trasferimenti e delle visite collettive, specificata in alcuni programmi, permette di viaggiare individualmente con persone anche di diversa nazionalità con l’assistenza di guide multilingue. I gruppi sono previsti con un massimo di 15 partecipanti.

Vaccinazioni obbligatorie

Ingresso in Bolivia: è richiesto il certificato di vaccinazione contro la febbre gialla; la vaccinazione deve essere stata effettuata almeno 10 giorni prima della data d’ingresso.
Dal blog
Isola di Pasqua
01
GIORNO 01

Santiago del Cile - Isola di Pasqua

Partenza con volo di linea Latam Airlines per Isola di Pasqua.
Arrivo e trasferimento in Hotel. Pernottamento.

02
GIORNO 02

Isola di Pasqua

Prima colazione in Hotel. Intera giornata di escursione. In mattinata, trasferimento sulla costa est dell’Isola per visitare i siti archeologici di Tongoriki e Ahu Te Pito Kura, “l’ombelico del mondo”. Visita della spiaggia di Anakena con le statue restaurate di Ahus Nau Nau e Ature Huke. Pranzo box-lunch incluso. Si prosegue la visita della costa sud dell’Isola dove si trovano le piattaforme non restaurate Ahus Vaihu e Akahanga. Si prosegue per il Vulcano Rano Raraku, con circa 900 statue di pietra di cui 397 sono erette sui pendii del vulcano estinto nel cui cratere si è formato un lago e dove furono costruiti la quasi totalità dei Moai, le misteriose statue che si trovano un po' dappertutto sull'isola. Visita di Ahu Tongariki con i 15 Moai restaurati di recente. Rientro in Hotel e pernottamento.
03
GIORNO 03

Isola di Pasqua

Prima colazione in Hotel. In mattinata visita di Ahu Akivi, un centro cerimoniale nella zona di Roihi che fu il primo sito restaurato negli anni ’60. Particolarmente interessante non solamente per la sua posizione nel centro dell’isola ma anche per le leggende che raccontano che i Moai, situati sulla piana di Ahu, rappresentano i 7 esploratori inviati a Rapa Nui dal re Hotu Matua. Proseguimento delle visite delle cave di Ana Te Pahu e Puna Pau dove sono state estratte le rocce rosse per scolpire i Pukaos. Pranzo libero. Nel pomeriggio visita del vulcano estinto Rano Kau e lungo il tragitto si potranno scoprire le diverse forme geologiche dell’Isola. Al termine si prosegue per il villaggio cerimoniale di Orongo, dove si può comprendere il concetto di uomo-uccello osservano le spettacolari incisioni rupestri. Sosta alle cave di Ahu Vinapu e Ana Kai Tangata. Rientro in Hotel e pernottamento.
04
GIORNO 04

Isola di Pasqua - Santiago del Cile

Prima colazione in Hotel.
Trasferimento all'aeroporto e partenza con il volo di linea Latam Airlines di rientro a Santiago.

GIORNO PRECEDENTE
GIORNO SUCCESSIVO