Giappone - Partenza speciale "fioritura" - Partenza 27 Marzo 2020

Tour con accompagnatore Earth dall'Italia
Voli inclusi
voli inclusi
nella quota
Quote
€ 5.100,00
a partire da
Disponibilità viaggio
27/03/2020
disponibile
Giorni di viaggio
12
giorni di viaggio
Quote a partire da
€ 5.100,00
Data di partenza
27/03/2020
Giorni di viaggio
12
Incluso nel viaggio
  • Polizza “Viaggi Rischio Zero”
  • Voli aerei
  • Accompagnatore dall'Italia
In collaborazione con
    Linea di viaggio
    • Linea di esperienza
    Temi di viaggio
    Kit da viaggio
    • Kit Viaggio

    Caratteristiche di viaggio

    Un viaggio in Giappone, grazie alla grande varietà culturale ed alla natura che ai cambi di stagione colora la bellezza della destinazione, esercita un fascino irresistibile.
    La modernità delle città e dei trasporti e l’antica cultura con le sue usanze e tradizioni sono il filo conduttore di un viaggio alla scoperta del Paese del Sol Levante; nessun altro Paese al mondo riesce a unire antico e moderno come il Giappone.

    Partenza speciale in esclusiva Earth Viaggi, con accompagnatore Earth dall’Italia.
    Partendo da Tokyo, la grande metropoli, proseguendo poi verso Takayama, Kanazawa e Shirakawago dal fascino antico e uniche nel loro genere e a seguire Hiroshima, la “città della Pace” e Miyajima l’isola in cui convivono uomini e dei, per concludere con Kyoto, la capitale culturale del Giappone.

    Quando? In primavera, quando fioriscono i ciliegi, in Giappone si celebra un vero e proprio evento.
    Nella lingua giapponese la parola “Hanami” significa letteralmente “guardare i fiori”, un rito millenario che si ripete ancora oggi ogni anno, fra marzo e aprile, da nord a sud in tutto il Giappone.
    L’Hanami è una ricorrenza dedicata alla celebrazione della bellezza della natura ma non solo: la fioritura dei ciliegi infatti era il periodo legato al raccolto del riso. Anticamente le persone usavano gli alberi di ciliegio come mezzo per predire la qualità del raccolto di quell’anno e, credendo che i kami risiedessero in quelle piante così belle, portavano ai piedi dell’albero di ciliegio anche delle offerte di ogni genere e pregavano le divinità di concedere loro buona sorte.

    Oggi i giapponesi continuano ancora la tradizione dell’hanami; amano raggrupparsi attorno a grandi alberi fioriti tenendo feste e piccoli banchetti o pic-nic all’aperto; passeggiare e fare lunghe camminate nei parchi con il solo scopo di rilassarsi e dedicarsi alla completa meditazione e contemplazione non solo della natura ma anche di sè stessi all’insegna del benessere e del rinnovamento dello spirito.

    Servizi


    I trasferimenti sono con bus privato o sono effettuati con i mezzi pubblici (treni, autobus e traghetti); la guida è locale, parlante italiano (* potrebbero alternarsi più guide durante l’itinerario).
    I pernottamenti sono in Hotel 4 stelle con trattamento di pernottamento e prima colazione e cene in Hotel, ristoranti locali e in ryokan, un albergo tradizionale giapponese.
    E’ prevista l’assistenza Earth H24.

    Il gruppo può essere composto da minimo 10 a massimo 16 partecipanti ed è previsto l’accompagnatore Earth dall’Italia.

    RICHIEDI INFORMAZIONI

    Tappe del tour

    Giappone - Partenza speciale "fioritura" - Partenza 27 Marzo 2020
    12 giorni

    aereopercorso via terra
    aereopercorso in aereo
    aereopercorso in nave

    Il programma di viaggio

    12 giorni

    + vedi il programma completo
    GIORNO
    01
    venerdì 27 marzo 2020

    Partenza per Tokyo

    Partenza da Milano Malpensa con volo di linea Lufthansa per Tokyo, via Monaco (vedere dettaglio).Pasti e pernottamento a bordo.

    + leggi tutto
    GIORNO
    02
    sabato 28 marzo 2020

    Arrivo a Tokyo

    Arrivo all’aeroporto di Tokyo alle ore 10,55.Disbrigo delle formalità doganali e incontro con la nostra organizzazione locale (nella hall degli...

    + leggi tutto
    GIORNO
    03
    domenica 29 marzo 2020

    Tokyo

    Prima colazione in Hotel. Intera giornata dedicata alla visita guidata di Tokyo, con pullman privato. Città fondata nel XV secolo...

    + leggi tutto
    GIORNO
    04
    lunedì 30 marzo 2020

    Tokyo (Escursione a Nikko)

    Prima colazione in Hotel. Giornata dedicata all’escursione guidata, con pullman privato, a Nikko (circa 2 ore ½ di bus). Arrivo...

    + leggi tutto
    GIORNO
    05
    martedì 31 marzo 2020

    Tokyo - Nagoya - Takayama

    Prima colazione in Hotel.Trasferimento con taxy pubblico alla stazione ferroviaria di Tokyo, in tempo utile per la partenza del treno...

    + leggi tutto
    GIORNO
    06
    mercoledì 01 aprile 2020

    Takayama - Shirakawago - Kanazawa

    Prima colazione in Hotel.Partenza con pullman privato per Shirakawago (1 ora e mezza circa), incastonata nelle Alpi Giapponesi, sulla strada...

    + leggi tutto
    GIORNO
    07
    giovedì 02 aprile 2020

    Kanazawa - Kyoto

    Prima colazione in Hotel. Trasferimento con i mezzi pubblici alla stazione ferroviaria di Kanazawa, in tempo utile per la partenza...

    + leggi tutto
    GIORNO
    08
    venerdì 03 aprile 2020

    Kyoto

    Prima colazione in Hotel. Giornata dedicata alla visita con pullman privato di Kyoto. Visita del Tempio Kinkakuji o il Tempio...

    + leggi tutto
    GIORNO
    09
    sabato 04 aprile 2020

    Kyoto

    Prima colazione in HotelGiornata dedicata alla visita con pullman privato di Kyoto. Visita del Castello Nijo, patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO e...

    + leggi tutto
    GIORNO
    10
    domenica 05 aprile 2020

    Kyoto - Hiroshima - Miyajima

    Prima colazione in Hotel. Trasferimento con taxi pubblico alla stazione ferroviaria di Kyoto in tempo utile per la partenza del...

    + leggi tutto
    GIORNO
    11
    lunedì 06 aprile 2020

    Miyajima - Hiroshima - Himeji - Osaka

    Prima colazione in ryokan. Trasferimento a piedi al porto e traghetto per Hiroshima. Arrivo, trasferimento con mezzi pubblici alla stazione...

    + leggi tutto
    GIORNO
    12
    martedì 07 aprile 2020

    Osaka - Rientro In Italia

    Box breakfast. Trasferimento con pullman privato all’aeroporto di Osaka in tempo utile per il disbrigo delle formalità d’imbarco e la...

    + leggi tutto
    vedi tutti i 12 giorni

    Gli alberghi

    Hotel previsti o similari

    • QUOTE
      scopri tutti i prezzi
    • NOTE
      informazioni utili per il viaggio
    • COS'È INCLUSO?
      servizi inclusi nel viaggio
    • COS'È ESCLUSO?
      servizi esclusi nella quotazione

    Quote di partecipazione

    Quote individuali di partecipazione in camera doppia

    Quote

    Da 10 a 12 partecipanti
    € 5.900,00
    Da 13 a 14 partecipanti
    € 5.550,00
    Da 15 a 16 partecipanti
    € 5.100,00

    Supplementi

    Suppl. camera singola
    € 1.520,00
    Tasse aeroportuali e fuel surcharge (da riconfermare all’emissione)
    € 480,00
    Assicurazione bagaglio-sanitaria-annullamento da 5.000 a 6.000 euro
    € 138,00
    Assicurazione bagaglio-sanitaria-annullamento da 6.000 a 8.000 euro
    € 180,00
    Partenze da altri aeroporti
    su richiesta
    Quota gestione pratica
    € 70,00

    NOTE

    Quote di partecipazione
    Il presente programma è basato su orari, tasse aeroportuali, tariffe dei trasporti e costi dei servizi a terra in vigore il mese di Luglio 2019.

    Le quote di partecipazione indicate sono espresse in Euro e intese per persona e sono state calcolate in base al cambio valutario: 1 Euro = 125 JPY.

    Le tariffe aeree sono state calcolate in base ad una specifica classe di prenotazione di gruppo e compagnia aerea, in partenza da Milano. E’ possibile richiedere (con eventuale supplemento) la partenza da tutti gli altri aeroporti italiani.

    Le quotazioni alberghiere sono riferite agli hotel indicati, o similari.

    Qualora i servizi indicati non fossero disponibili al momento della prenotazione Earth si riserva il diritto di modificare le quote qui riportate, sulla base dei costi dei nuovi servizi confermabili.

    Una variazione delle tariffe dei trasporti, dei costi dei servizi o del tasso di cambio indicati che dovesse verificarsi entro 20 giorni dalla data di partenza, determinerà una revisione delle quote.
    Sono escluse dalla “quota di partecipazione” le tasse aeroportuali e l’eventuale sovrapprezzo carburante (fuel surcharge). Essendo tali costi estremamente variabili, sono indicati all’atto della prenotazione e verranno riconfermati all’emissione del biglietto aereo.

    OPERATIVI VOLO PREVISTI:
    LH1857    27/03/2019    Milano Malpensa / Monaco    1310 1420  
    LH 714    27/03/2019    Monaco / Tokyo Haneda    1535 1055 del giorno successivo
    LH 743    07/04/2019    Osaka / Monaco    0930 1420
    LH1856    07/04/2019    Monaco / Milano Malpensa    1525 1630

    NOTA BENE: Sia i voli intercontinentali in partenza da Milano, che gli hotel del tour sono stati da noi preventivamente prenotati; tale disponibilità è garantita per iscrizioni effettuate entro la data del 15 dicembre 2019, Successivamente i servizi non saranno immediatamente confermabili, ma andranno richiesti.   

    Recesso del consumatore (Penalità di annullamento)
    In deroga alle Condizioni Generali di Contratto pubblicate sul sito www.earthviaggi.it, al consumatore che receda dal contratto prima della partenza, in caso di annullamento saranno addebitati a titolo di penale:
    - Il premio della copertura assicurativa;
    - Le seguenti percentuali sulla quota viaggio:
        - da 120 a 60 giorni prima della partenza: 25% della quota di partecipazione
        - da 59 a 45 giorni prima della partenza: 50% della quota di partecipazione
        - da 44 a 30 giorni prima della partenza: 75% della quota di partecipazione
        - oltre tale termine: 100% della quota di partecipazione

    Si precisa che:
    - il riferimento è sempre ai giorni “di calendario”;
    - in ogni caso, nessun rimborso spetta al consumatore che decida di interrompere il viaggio o il soggiorno per volontà unilaterale.

    Le quote di partecipazione includono

    Assistenza in partenza all’aeroporto di Milano Malpensa - Voli di linea Lufthansa da Milano a Tokyo e ritorno da Osaka, via Monaco, come da programma, in classe economica - Franchigia bagaglio: 23 Kg di bagaglio registrato più 1 solo bagaglio a mano di massimo 5 kg - Trasferimenti privati o con mezzi pubblici da e per Hotel, aeroporti e stazioni ferroviarie, come indicato in programma - Trasferimenti in treno proiettile durante il tour da Tokyo a Nagoya, da Kyoto a Hiroshima, da Hiroshima a Himeji, come descritto in programma, in seconda classe con posti riservati - Trasferimenti in treno espresso durante il tour da Takayama a Nagoya e da Takayama a Kyoto, come descritto in programma, in unica classe con posti riservati - Trasporto separato dei bagagli con corriere espresso da Tokyo a Kyoto e da Kyoto a Osaka (1 collo per persona) - Trasferimento in traghetto pubblico dal porto di Hiroshima all’isola di Miyajima, e ritorno - Pernottamenti in camera doppia standard a due letti separati negli Hotel indicati, o similari (un pernottamento è previsto in ryokan, tipica locanda giapponese con letto futon) - Trattamento di pernottamento e colazione in Hotel e cene in ristorante locale e Hotel come da programma - Guide locali parlanti italiano per visite e spostamenti, come da programma - Escursioni e visite, come indicato in programma - Accompagnatore Earth dall’Italia - Polizza “Viaggi Rischio Zero”, UnipolSai Assicurazioni - Guida del Giappone, ed. Polaris (per camera) - Kit da viaggio

    Le quote di partecipazione non includono

    Assicurazioni (bagaglio/sanitaria/annullamento, UnipolSai Assicurazioni, Euro 138,00/180,00) - Tasse aeroportuali e fuel surcharge (Euro 480,00, importo da riconfermare all’emissione del biglietto aereo) - Quota gestione pratica (Euro 70,00) - Eventuali tasse aeroportuali locali: attualmente sono tutte inserite nei biglietti aerei; potrebbero essere richieste o modificate senza preavviso dalle autorità locali - Tasse d’Ingresso delle apparecchiature fotografiche nei luoghi turistici (da pagare in loco) - Early check in (prima delle ore 15) e late check out (dopo le ore 11) negli Hotel, eccetto dove specificato - Escursioni e visite facoltative, non previste in programma - Pasti non previsti in programma, menù à la carte, bevande, mance, facchinaggi, extra di carattere personale e tutto quanto non espressamente indicato.

    Richiesta informazioni

    compila il form per avere maggiori informazioni sul viaggio Giappone - Partenza speciale "fioritura" - Partenza 27 Marzo 2020

    Nome*
    Cognome*
    Messaggio
    • Informazioni utili
      scopri tutti i prezzi
    • Viaggi assicurati
      assistenza alla persona, spese mediche,
      bagaglio, annullamento e "Rischio Zero”
    • Condizioni generali
      di contratto di vendita
      di pacchetti turistici

    Ordinamento dello stato

    Il Giappone è una monarchia costituzionale, ereditaria secondo la linea maschile, nella quale l’imperatore ha funzione rappresentativa. Il capo dello Stato è il Primo Ministro nominato dall'Imperatore. La Kokkai (ovvero la Dieta, l’organo legislativo giapponese) è composta dalla Sangi-in (Camera dei Consiglieri) e dalla Shugi-in (Camera dei deputati).

    Geografia

    Il Giappone è situato nel nord-est asiatico, tra l’Oceano Pacifico e il Mar del Giappone. È costituito da quattro isole principali, circondate da più di 4.000 piccole isole. Ha una superficie di 377.873 km2. Il Giappone è quasi grande come la Germania e la Svizzera messe insieme e leggermente più piccolo della California.
    Geograficamente, il Giappone è contraddistinto da una costa variegata, da montagne vulcaniche e valli ripide e profonde.

    Capitale

    Tokyo (letteralmente "capitale orientale", in quanto si trova più ad oriente rispetto alla precedente capitale imperiale Kyōto) si trova nella regione del Kantō sull'isola di Honshu in Giappone. Viene considerata come una delle 47 prefetture del Giappone ed è comunemente indicata come capitale del Giappone dato che il governo giapponese e l'attuale imperatore del Giappone risiedono nel quartiere di Chiyoda. In realtà non si tratta propriamente di una città, ma di un agglomerato di città distinte fra loro e riunite sotto un unico governo chiamato Tokyo-to ("metropoli di Tokyo"). Con una popolazione superiore ai 12 milioni, pari al 10% degli abitanti del Giappone, è di gran lunga la prefettura più popolosa e più densamente popolata. Secondo il rapporto urbanistico dell'ONU, è il più grande agglomerato urbano del mondo.

    Bandiera

    La bandiera giapponese, conosciuta come Hinomaru (disco solare) è una bandiera bianca con un grosso disco rosso (che rappresenta il Sole) al centro. Una leggenda dice che le sue origini risalgono ai giorni dell'invasione del Giappone da parte dei mongoli, nel XIII secolo, quando il sacerdote buddista Nichiren offrì la bandiera con il disco solare all'Imperatore del Giappone, che era considerato un discendente della dea del Sole Amaterasu.
    In effetti è risaputo che il simbolo del Sole veniva mostrato sui ventagli portati nel XII secolo, dai samurai coinvolti nella faida tra i clan Taira e Minamoto. Veniva largamente usato anche sui gonfaloni militari nel Periodo Sengoku del XV e XVI secolo. I successivi shogunati la adottarono come bandiera da usare sulle navi giapponesi. All'epoca della restaurazione Meiji del 1868, iniziò a essere visto come simbolo nazionale. Anche se il disco solare venne ufficialmente adottato per l'uso come bandiera navale nel 1870, non venne formalmente adottato come bandiera nazionale fino al 13 agosto 1999, da un decreto che ne stabilisce anche le esatte dimensioni. Una variante molto nota è quella del disco solare con 16 raggi rossi, che era la bandiera storica, usata dall'esercito fino alla fine della seconda guerra mondiale.

    Popolazione

    La popolazione del Giappone supera i 127 milioni di abitanti. La maggior parte dei residenti vive in aree urbane ad alta densità. La capitale è Tokyo, che conta circa 12 milioni di abitanti.

    Lingua

    La lingua ufficiale è il giapponese. Tuttavia, la maggior parte dei giapponesi impara l’inglese a scuola. A volte è consigliabile utilizzare la scrittura per essere sicuri di farsi capire.

    Religione

    Le religioni principali sono lo shintoismo (83,9%) e il buddhismo (71,4%), spesso professate unitamente; i cristiani sono una minoranza (2%). Vi sono piccole comunità di musulmani, perlopiù immigrati.

    Documenti per l'espatrio

    Passaporto con validità residua di 6 mesi
    Il passaporto deve essere firmato dall’intestatario nell’apposito spazio nella pagina dei dati e, al momento della partenza, deve avere una validità non inferiore a quella indicata.
    Visto di ingresso: i cittadini italiani possono recarsi in Giappone senza visto per motivi di turismo e per un massimo di 90 giorni di permanenza.
    Al momento dell’ingresso nel Paese bisogna essere in possesso anche del biglietto aereo di ritorno. A partire dal 20 novembre 2007 è entrata in vigore la nuova legge sull’immigrazione che prevede nuove misure di controllo applicabili agli stranieri in entrata nel Paese (presa delle impronte digitali e foto del volto).
    Da tali controlli sono escluse alcune categorie di stranieri 1) i minori di 16 anni; 2) chiunque svolga un’attività che ricada sotto lo status di “residence for diplomat or official”; 3) chi sia invitato dal titolare di un’Amministrazione pubblica giapponese; 4) chi venga indicato, con un’ordinanza del locale Ministero della Giustizia, come equivalente alle categorie di cui al punto 3) o 4).
    Per maggiori informazioni circa la validità residua del passaporto richiesta per accedere in Giappone, si consiglia di contattare l’Ambasciata del Giappone a Roma o il Consolato giapponese a Milano.

    Disposizioni sanitarie

    Nessuna vaccinazione è obbligatoria.
    In linea generale si può affermare che l'acqua del rubinetto è sicura e potabile in tutto il Giappone.
    L’assistenza sanitaria in generale è molto buona. I medici locali sono preparati e gli ospedali ben organizzati. Si riscontrano tuttavia difficoltà a reperire medici e personale paramedico in grado di parlare lingue straniere, inglese incluso.
    I costi per l’assistenza sanitaria sono molto elevati, pertanto si consiglia di stipulare, prima di intraprendere il viaggio, un’assicurazione sanitaria che preveda, oltre alla copertura delle spese mediche, anche l’eventuale rimpatrio aereo sanitario o il trasferimento in altro Paese in caso di necessità. In caso di emergenza, si può chiamare un’ambulanza, componendo gratuitamente e da qualsiasi cabina telefonica il numero di telefono 119 (attivo 24 ore su 24 anche in lingua inglese), comunicando i propri dati e l’indirizzo. Le prestazioni mediche (incluse quelle di pronto soccorso) sono a pagamento.

    Trasporti aerei e aeroporti

    I principali aeroporti internazionali in Giappone sono l’aeroporto internazionale di Narita a Tokyo e l’aeroporto internazionale del Kansai situato nei pressi di Osaka. In totale sul territorio giapponese sono presenti 90 aeroporti che servono voli nazionali e internazionali.
    La compagnie aeree Japan Airlines (JAL) e All Nippon Airways (ANA) hanno una vasta rete di voli che collegano il Giappone con le principali città d’Europa, Asia e America. Le principali compagnie aeree di ogni paese hanno rotte verso le città più importanti del Giappone.

    Trasporti terrestri

    Il mezzo di trasporto per antonomasia in Giappone sono i treni: veloci, frequenti, puliti, confortevoli e spesso molto costosi. I servizi ferroviari giapponesi sono forniti dalle Japan Railways (JR), un gruppo formato da sei società ferroviarie che coprono tutto il paese, e da varie società che operano a livello locale nella maggior parte delle grandi città. La rete JR è particolarmente famosa per la sua puntualità e per i suoi treni ad alta frequentazione che corrono sulle linee ausiliarie di Tokyo effettuando, nelle ore di punta, fermate ad intervalli da 1 a 5 minuti. Gli Shinkansen, o "treni ad alta velocità", assicurano collegamenti ultra rapidi ed estremamente sicuri in tutto il paese. La rete comprende le linee Tokaido, Sanyo, Tohoku, Nagano, Akita, Yamagata e Joetsu. I collegamenti a lunga distanza della rete JR includono tragitti su treni rapidi, super-rapidi, espressi, con cuccetta e posti riservati, a tariffe che variano in funzione della distanza e del tipo di servizio scelto. In città, è necessario acquistare il biglietto per le linee locali nei distributori automatici si trovano in ogni stazione e dirigersi verso il bancone di "cintura verde" ("Midori-no-madoguchi") per i biglietti di diverse classi e per i viaggi a lunga distanza. Al di là di JR esistono molte compagnie ferroviarie private. Le loro reti collegano il centro delle città con le periferie e servono principalmente per raggiungere le scuole e i luoghi di lavoro. Per raggiungere Hakone, Nikko e Toba si consiglia di utilizzare queste ferrovie private.
    Per i turisti, il Japan Rail Pass offerto dalla rete JR presenta un ottimo rapporto qualità/prezzo e risulta molto comodo per coloro che vogliono spostarsi all’interno del Paese. Il Rail Pass può essere utilizzato esclusivamente dai turisti e deve essere acquistato fuori dal Giappone. Consente ai viaggiatori di effettuare spostamenti illimitati sulle linee della rete JR e sugli autobus e traghetti convenzionati.
    Spostarsi per il Giappone in automobile è molto più fattibile di quanto si creda normalmente. A Tokyo è meglio evitare di mettersi al volante, ma nel resto del paese si trovano una discreta segnaletica in inglese, conducenti generalmente cauti, benzina non più cara che in Europa (il che significa comunque che costa il triplo rispetto agli Stati Uniti) e parcheggi non così introvabili come la mitologia popolare tende a far credere. La motocicletta può essere un ottimo mezzo per spostarsi; in molte località si trovano i cosiddetti 'step-thru' con 50cc di cilindrata, che si possono guidare senza patente. In Giappone il traffico circola sulla sinistra.
    È perfettamente fattibile anche visitare il Giappone in bicicletta. Il segreto per godersi una vacanza sulle due ruote è tenersi lontani dalle rotabili principali e spostarsi sui tragitti meno battuti. Con i traghetti si possono visitare parti del Giappone che altrimenti non è possibile raggiungere; una fitta rete di traghetti collega Kyushu, Shikoku e la costa meridionale della zona occidentale di Honshu solcando le acque del Mare Interno. Altri traghetti mettono in comunicazione le isole principali con le numerose isole più piccole e con quelle attorno a Okinawa proseguendo fino a Taiwan. I trasporti locali in genere sono efficienti. Le città più grandi hanno la metropolitana, che è il mezzo più veloce e più pratico. Pressoché tutte le città giapponesi hanno anche gli autobus, ma in genere sono difficili da usare per gli stranieri, è molto più semplice utilizzare i tram, presenti in alcune città.
    Come alternativa, più costosa, è possibile usufruire dei taxi che vi porteranno dove vorrete, presentando all’autista un indirizzo scritto in giapponese o un biglietto da visita indicante la destinazione. Se la spia rossa situata nell’angolo in basso a sinistra del parabrezza è accesa, significa che il taxi è libero e può essere chiamato. Fate attenzione quando vi avvicinate allo sportello posteriore di un taxi: l’apertura e la chiusura sono automatiche e vengono fatte scattare dall’autista stesso.

    Tasse aeroportuali

    Al momento non sono previste tasse aeroportuali da pagare in uscita da Giappone.
    La normativa è soggetta a improvvisi cambiamenti.

    Norme doganali e formalità valutarie

    Nessuna in particolare.
    Non vi è limite all’importazione e all’esportazione di valuta, ma è obbligatorio dichiarare alla dogana la somma superiore ad un milione di Yen. Divieto di importazione: armi da fuoco e munizioni, insaccati (ad esclusione di quelli in tetrapack in vendita nei duty free shops delle aree transito), merci alimentari facilmente deperibili (quali ad esempio frutta fresca).
    Limitazione di esportazione: piante in generale.

    Bagaglio

    Per maggior praticità sono consigliate sacche o borse non rigide ad apertura orizzontale dotate di lucchetto. Il peso non deve superare i 20 Kg a persona. E’ consentito portare a bordo dell’aereo un solo collo di massimo 5 kg. Ogni collo deve essere contraddistinto dall’etichetta riportante i dati anagrafici, indirizzo e recapito telefonico del proprietario per una più facile ed immediata identificazione. Consigliamo di prestare molta attenzione al proprio bagaglio a mano, specialmente in luoghi affollati come i mercati e le stazioni ferroviarie e non portare oggetti di valore.
    E’ buona norma conservare documenti e denaro in un’apposita cintura o borsetta-marsupio al riparo da occhi indiscreti. Consigliamo di portare con sé le fotocopie dei propri documenti (passaporto, biglietto, assicurazione).

    Valuta

    La moneta giapponese è lo yen (indicato con ¥). Le monete sono da 1 yen, 5 yen, 10 yen, 50 yen, 100 yen e 500 yen. Le banconote hanno tagli da 1000 yen, 2000 yen, 5000 yen e 10000 yen.

    Cambi indicativi (al 21/03/2016):
    1 Euro = 126 Yen

    È possibile acquistare yen in tutte le banche abilitate al servizio di cambio valuta e presso tutti gli sportelli preposti. Negli aeroporti internazionali sono presenti sportelli di cambio che osservano un normale orario di ufficio. Il tasso di cambio dipende dal valore attuale delle valute.
    Nelle grandi città, tutti i principali hotel, ryokan, negozi e istituti di credito accettano sia traveller’s cheques che carte di credito internazionali quali American Express, VISA, Diners Club, MasterCard e JCB. I principali bancomat e carte di credito stranieri vengono accettati anche nei 24000 uffici postali contrassegnati dal marchio "Servizio internazionale ATM", sparsi per tutto il paese e dai 13000 sportelli bancomat della Seven Bank, situati nei negozi Seven Eleven.
    In generale, gli sportelli bancomat (chiamati ATM) delle banche giapponesi non accettano bancomat e carte di credito estere.
    Le banche e ATM che accettano carte straniere (Citibank, DC, UC, JCB, Visa Cash machine, ecc.) non sono molto numerosi e sono concentrati nelle grandi città. Si consiglia di utilizzare gli ATM degli uffici postali, che si trovano ovunque in Giappone o gli ATM della Seven Bank, a disposizione dei possessori di carte di credito internazionali. Le maggiori carte di credito sono accettate, mentre i bancomat potrebbero non essere utilizzabili. Si suggerisce di contattare la propria banca prima di partire, per evitare spiacevoli inconvenienti. A partire dallo scorso 19 aprile 2013, è impossibile utilizzare le carte appartenenti al circuito “Maestro” per il prelevamento di denaro contante presso sportelli automatici (ATM). Benchè il pagamento tramite carta di credito presso gli esercizi abilitati è regolarmente garantito, si raccomanda comunque di portare con sé una congrua quantità di contante da cambiare in loco in caso di necessità.

    Fuso orario

    La differenza fra la capitale giapponese e l’Italia è di + 8 ore.
    Quando in Italia vige l’ora legale le ore in più diventano +7 a Tokyo.

    Clima

    Il clima del Giappone è generalmente temperato, tuttavia, dato che il Paese si estende da nord a sud per una lunghezza di circa 3000 km, il clima cambia in funzione del luogo e delle stagioni dell’anno. Primavera e autunno sono le stagioni più piacevoli.

    Inverno (dicembre-febbraio)
    In inverno la temperatura della pianura sulla costa del Pacifico scende raramente al di sotto dello zero e il clima è secco e soleggiato. Nelle regioni del centro e del nord del paese si apre la stagione sciistica e del pattinaggio sul ghiaccio, mentre nelle altre regioni il clima è molto mite e soleggiato.

    Primavera (marzo-maggio)
    Dopo i freddi mesi invernali, i peschi in fiore annunciano l’arrivo della primavera. L’apoteosi di questa stagione è rappresentata dalla fioritura dei ciliegi che avviene a fine marzo o inizio aprile: le colline, i campi e i giardini si coprono di fiori rosa.

    Estate (giugno-agosto)
    L’estate inizia a giugno con la stagione delle piogge che dura circa tre settimane. Questo periodo vede gli agricoltori occupati a piantare il riso nelle risaie. Il clima in seguito diventa molto caldo e umido. In estate, stagione in cui si svolgono varie feste, le spiagge e le montagne diventano le mete preferite dai giovani.

    Autunno (da settembre a novembre)
    La stagione autunnale è una stagione molto piacevole, cambia il colore delle foglie degli alberi e non fa troppo freddo (15 °C). Le montagne e le colline sono ricoperte da migliaia di colori. I giardini e i parchi sono abbelliti da numerose varietà di crisantemi. L’autunno è inoltre la stagione delle mostre, dei concerti e degli eventi sportivi.

    Abbigliamento

    La tecnica dell'abbigliamento a strati (capi leggeri e di medio peso da indossare, se necessario sovrapposti) consente di adeguare il grado di copertura corporea alle variazioni o agli imprevisti climatici del momento.

    Sul volo intercontinentale dall'Italia al Giappone si consiglia di portare nel bagaglio a mano, l'occorrente di prima necessità e la giacca a vento per ovviare, in parte, al disagio creato dall'eventuale smarrimento del bagaglio.

    Orari uffici e negozi

    Gli uffici amministrativi sono normalmente aperti nei giorni feriali dalle 9 alla 17. Le attività commerciali sia private che statali aprono intorno alle 10 e chiudono alle 20, tutti i giorni della settimana; chiudono 2 o 3 giorni lavorativi al mese. Le banche sono aperte dalle 9 alle 15 dal lunedì al venerdì.

    Pesi e misure

    In Giappone vige il sistema metrico decimale.

    Elettricità

    Le prese elettriche sono diverse da quelle italiane è necessario munirsi di un adattatore. Nei principali alberghi di Tokyo e delle altre grandi città vi sono prese piatte da 110 e 220 Volt, anche se queste generalmente accettano esclusivamente spine a due poli. I principali Hotel comunque sono dotati di asciugacapelli e altri apparecchi elettrici conformi alle norme del paese.

    Prese elettriche utilizzate in Giappone:
    Tensione: 100 V - Frequenza: 50/60 Hz

    Note: La parte est usa 50 Hz (Tokyo,Kawasaki,Sapporo,Yokohoma e Sendai); la parte ovest usa 60 Hz (Osaka,Kyoto,Nagoya,Hiroshima)

    Telefono

    Per effettuare chiamate dall’Italia: prefisso 0081
    Per effettuare chiamate per l’Italia: prefisso 0039

    In Giappone funzionano SOLO i cellulari quadri-band. Consigliamo di rivolgersi al proprio gestore di telefonia mobile sulla effettiva copertura in Giappone.
    Internet e il WiFI sono disponibili nei maggiori centri urbani.
    Il modo più semplice per fare una telefonata internazionale dal Giappone è utilizzare una scheda telefonica internazionale prepagata. Le chiamate internazionali a pagamento si possono effettuare dai telefoni grigi ISDN. Questi apparecchi in genere si trovano nelle cabine telefoniche con la scritta: "International & Domestic Card/Coin Telephone". È anche possibile effettuare chiamate sia locali che internazionali utilizzando schede prepagate di diverse compagnie telefoniche (ad esempio la "Moshi Moshi Card") da quasi tutti i telefoni pubblici. Potrete acquistare queste schede nei chioschi delle stazioni o nei supermercati.

    Cibi e bevande

    Nei principali Hotel si serve generalmente cucina internazionale. Nella principali città c’è una vastissima scelta di ristoranti di ogni categoria (giapponesi e internazionali), dai più economici ai più ricercati. Anche nei ristoranti più semplici, dove l’inglese non è generalmente parlato, ordinare è semplice: una copia di tutti i piatti serviti è esposta in vetrina oppure su un menu fotografico con accanto il relativo prezzo. Acqua e the sono gratuiti, ogni altra bevanda è a pagamento. Fra i piatti tipici sono il sushi (pesce crudo servito su riso bollito), il sashimi (pesce crudo da solo), la tempura (piatto misto di pesce, crostacei e verdure passati in una pastella non grassa, soffice e leggera, e poi fritti), la soba (zuppa di tagliolini di grano saraceno). Molto cari la carne e la frutta.
    Le bevande hanno un ruolo importante nella società giapponese e sono rare le occasioni sociali in cui non si bevono birra o sakè. Si beve molto il the verde.

    Festività

    Primo gennaio Anno nuovo
    Secondo lunedì di gennaio Festa degli Adulti
    11 febbraio Festa della fondazione del Giappone
    21 marzo (o 20) Equinozio di Primavera
    29 aprile Festa della Verdura
    3 maggio Festa della Costituzione
    5 maggio Festa dei bambini
    Terzo lunedì di luglio Festa del Mare
    Terzo lunedì di settembre Festa del rispetto per gli anziani
    23 settembre (o 24) Equinozio d’autunno
    Secondo lunedì di ottobre Festa della salute e dello sport
    3 novembre Festa della Cultura
    23 novembre Festa del Lavoro
    23 dicembre Compleanno dell’Imperatore

    Quando una festività nazionale cade di domenica il lunedì successivo è festivo.
    Quando un giorno è tra due festività nazionali (fatta eccezione per le domeniche e i lunedì di cui si diceva), diventa anch’esso festivo. Questa regola si applica al 4 maggio. Il 25 dicembre, Natale, non è festivo.
    Tra il 29 dicembre e il 3 gennaio, le amministrazioni e i musei sono chiusi.

    Materiale fotografico

    Il Giappone è uno dei migliori paesi al mondo per quanto riguarda l’acquisto di macchine fotografiche, attrezzature, memory card e tutto ciò che vi può servire a immortalare le vostre esperienze di viaggio.

    Cosa comprare

    Oltre a una serie pressoché infinita di congegni elettronici, è possibile acquistare un’ampia varietà di oggetti di artigianato tradizionale: l’immancabile kimono, i koinobori (manicotti di stoffa a forma di carpa), oggetti in ceramica e porcellana, i tradizionali kasa (ombrelli da sole o da pioggia), le katana (spade), le lacche o le xilografie senza dimenticare la washi, la carta giapponese fatta a mano molto pregiata.

    Mance

    Dare la mancia non rientra tra le consuetudini dei giapponesi, in quanto negli alberghi, nei ryokan e nei ristoranti di lusso, il conto comprende già un’aggiunta del 10-15% per il servizio. Dunque non è necessario lasciare mance, a meno che non richiediate servizi extra. Nel caso di viaggi di gruppo è abitudine creare una cassa comune che gestirà il Tour Leader o il gruppo stesso.

    Letture consigliate

    Alle radici del sole di Renata Pisu (Sperling & Kupfer, Milano 2000)

    Un viaggio dentro la realtà giapponese, frutto di incontri e di riflessioni dell’autrice con personalità e gente comune per carpire emozioni, riti e follie del Giappone di oggi.

    Anima di Soseki Natsume (Fabbri, Milano 2001) 

    È un classico della letteratura moderna, che esplora i conflitti fra il vecchio e il nuovo Giappone.

    Baburu – i figli della grande bolla di Karl Taro Greenfeld (Instar Libri, Torino 1995)
    Un tentativo di incrinare il diffuso preconcetto che vede la società giapponese organizzata unicamente come una struttura monolitica e spersonalizzante.

    Fiabe giapponesi (Einaudi, Torino 1998) 

    È una raccolta di circa 160 fiabe della tradizione giapponese, per la prima volta tradotte in italiano.

    Giappone. Arte, storia e civiltà di Edward Kidder Edward jr. (Elemond Electa, Milano 2002) 

    Il lettore viene condotto alla scoperta dell’arte giapponese che, nonostante le varie influenze, è riuscita ad affermare una propria identità.

    Giapponesi. Se li conosci non li eviti di Robert Ainsley (Edizioni Sonda, Torino 1998)

    È un divertente libretto che fornisce un quadro gustoso dei ‘migliori difetti’ del popolo nipponico. Ecco una breve citazione: “Fare gli straordinari in Giappone è cosa normale. Straordinario è non farli. Ma se date un’occhiata a un loro ufficio strapieno alle undici di sera, avrete l’impressione che non stiano facendo granché”.

    Gli anni della nostalgia di Kenzaburo Oe (Garzanti, Milano 2001)

    Narra la storia di due personaggi le cui vite proseguono intrecciandosi sin dagli anni della seconda guerra mondiale e della sconfitta del Giappone.

    Guida dell’architettura del novecento. Giappone di F. Montagnana (Elemond-Electa, Milano 2000).

    L’arte del giappone di Miyeko Murase (Tea, Milano 1996)
    
Illustra le vicende storico-artistiche della civiltà giapponese in tutte le sue forme.

    L’esperienza religiosa giapponese di Massimo Raveri (Libreria Editrice Cafoscarina, Venezia 1984).

    L’ordine nascosto. Tokyo nel suo caos ha un ordine proprio di Y. Ashihara (Gangemi, Roma 1995)

    Per chi desidera approfondire gli aspetti legati allo sviluppo architettonico e urbanistico della capitale.

    Musica giapponese. Teoria e storia a cura di Daniele Sestili (Lim, Lucca 1996).

    Ore giapponesi di Fosco Maraini (Corbaccio, Roma 2000) 

    È una panoramica sulla società giapponese della prima metà del ’900.

    Saggi sul buddhismo zen di Daisetz Teitaro Suzuki (Edizioni Mediterranee, Roma 1989-92; in tre volumi) 

    Utile per chi intende approfondire e avvicinarsi allo zen.

    Sol mutante. Mode, giovani e umori nel giappone contemporaneo di Luca Valtorta e Alessandro Gomarasca (Costa & Nolan, Genova 1999)

    Analizza le nuove realtà del Giappone moderno, un paese che non riesce più a contenere i fenomeni sociali più esplosivi: dal dissenso giovanile ai culti millenaristici che determinarono gli attentati al gas nervino della metropolitana di Tokyo.

    Storia del giappone. Dalle origini ai giorni nostri di Edwin O. Reischauer (Bompiani, Milano 2001)
    
Illustra compiutamente la società nipponica; è una buona lettura per chi si accinge a trascorrere un po’ di tempo nel paese.

    Storia di genji di Murasaki Shikibu (Einaudi, Torino 1992)
    
È uno dei classici della letteratura giapponese, un voluminoso romanzo che narra gli intrighi e le avventure galanti della vita di corte nel Giappone dei tempi antichi.

    Tokyo (White Star, Vercelli 2000; collana ‘Città d’autore’)

    È un libro fotografico con testi a cura di Simonetta Crescimbene, che cattura l’immagine più autentica di Tokyo e dei suoi abitanti.

    Un’esperienza personale di Kenzaburo Oe (Garzanti, Milano 1996) 

    Costituisce un’ottima introduzione alla moderna scena letteraria giapponese.

    Viaggio in un’altra dimensione di Gary Katzenstein (Cappelli, Bologna 1990)

    È uno dei pochi testi disponibili in italiano sulla capitale giapponese.
    Dal blog
    Giappone - Partenza speciale "fioritura" - Partenza 27 Marzo 2020
    01
    GIORNO 01
    venerdì 27 marzo 2020

    Partenza per Tokyo

    Partenza da Milano Malpensa con volo di linea Lufthansa per Tokyo, via Monaco (vedere dettaglio).
    Pasti e pernottamento a bordo.

    02
    GIORNO 02
    sabato 28 marzo 2020

    Arrivo a Tokyo

    Arrivo all’aeroporto di Tokyo alle ore 10,55.
    Disbrigo delle formalità doganali e incontro con la nostra organizzazione locale (nella hall degli arrivi con il cartello EARTH) e con la guida locale parlante italiano.
    Trasferimento privato in città e visita alla piazza del Palazzo Imperiale ed ai giardini Hamarikyu nell’incantevole parco con laghetti, ponti in legno, alberi dalla forma tipicamente nipponica, piante, fiori e altre amenità del genere, si trova nel punto in cui il fiume Sumida sfocia nella Baia di Tokyo, ed offre un surreale contrasto con i grattacieli ultramoderni di Shiodome.
    A seguire, passeggiata nel quartiere di Ginza, quartiere commerciale di lusso, il cui nome deriva da gin (argento), in quanto proprio in quest’area venne stabilita nel 1612, durante il Periodo Edo, la zecca del conio dell’argento.
    Al termine, trasferimento in Hotel e check-in nelle camere riservate (check-in previsto dalle ore 15:00).
    Cena in ristorante locale e pernottamento.

    03
    GIORNO 03
    domenica 29 marzo 2020

    Tokyo

    Prima colazione in Hotel.
    Intera giornata dedicata alla visita guidata di Tokyo, con pullman privato.
    Città fondata nel XV secolo col nome di Edo, intorno al 1600 fu scelta come residenza del primo Shogun Tokugawa, sotto la cui influenza si sviluppò rapidamente. Nel 1868, dopo il passaggio dei poteri dallo Shogun all’Imperatore, la città assunse l’attuale nome di Tokyo diventando la capitale dell’Impero.  A più riprese devastata da incendi e terremoti, fu inoltre distrutta dai bombardamenti del 1945; dopo la seconda guerra mondiale venne sottoposta ad imponenti opere di restauro, riedificazione e ampliamento. Tokyo è oggi la capitale del Giappone, non solo politicamente, ma anche in senso culturale, commerciale ed economico. Conta una popolazione di 12 milioni di abitanti ed è considerata una delle più moderne e popolose metropoli del mondo.
    In mattinata, visita del Santuario Meiji, santuario shintoista (Jinja) dedicato alle anime dell’Imperatore Meijoi e di sua moglie, l’Imperatrice Shoken, defunti rispettivamente nel 1912 e nel 1914. In loro onore fu costruito il Santuario, che fu definitivamente inaugurato e consacrato nel 1920. L’edificio originale fu poi distrutto durante la seconda guerra mondiale.
    Si prosegue verso il Distretto Harajuku, un sobborgo di Tokyo molto frequentato dai giovani, centro della cultura cosplay e luogo ideale dove recarsi per fare shopping, gustare snack locali e osservare il via vai delle persone tra i negozi che espongono le ultime tendenze della moda.
    Nel pomeriggio di proseguirà con la visita del Tempio di Asakusa, il più antico ed tempio di Tokyo. La sala principale fu costruita nel 646 per onorare la Dea della misericordia Kannon. La statua fu messa in un reliquiario; oggi si può ammirare nella sala principale. Il Tempio fu poi distrutto dai bombardamenti del 10 marzo 1945 e ricostruito nel 1958. Si prosegue con una passeggiata lungo Nakamise, la strada dello shopping.
    La giornata si conclude presso il Bunkyo Civic Center, grattacielo con piattaforma panoramica dal quale godere di una splendida vista sulla megalopoli.
    Rientro in Hotel.
    Cena in ristorante locale e pernottamento.

    04
    GIORNO 04
    lunedì 30 marzo 2020

    Tokyo (Escursione a Nikko)

    Prima colazione in Hotel.
    Giornata dedicata all’escursione guidata, con pullman privato, a Nikko (circa 2 ore ½ di bus).
    Arrivo a Nikko, città dichiarata patrimonio mondiale dell’umanità dall’UNESCO e ricca di templi appartenenti all’ultimo shogunato Leyasu.
    Si visiterà il Santuario di Toshogu, completato nel 1636 e dedicato al fondatore dello shogunato dei Tokugawa e punto focale della città. Il santuario è dedicato a Tokugawa Leyasu, fondatore dello shogunato Tokugawa, l’ultimo del Giappone. Nel periodo Edo, lo shogunato Tokugawa organizzava processioni da Edo proprio al santuario. Gli annuali festival del santuario, in primavera e autunno, derivano da questa antica usanza e sono conosciuti con il nome di “Processioni di mille guerrieri”.
    La maggior parte degli edifici dei santuari, così come molti loro elementi, sono stati classificati Tesori nazionali. Famose costruzioni appartenenti al santuario includono lo Yomei-mon, un portale conosciuto anche come Higurashi-no-mon (attualmente coperto per lavori di ristrutturazione). Bassorilievi e colori sgargianti decorano la superficie delle facciate del portale. Un'altra entrata è il Kara-mon, così chiamato per le decorazioni in stile cinese, colorate di bianco.
    Al termine delle visite, rientro a Tokyo e lungo il percorso sosta al Lago Chuzenji e alle cascate Kegon, considerate tra le più belle del Giappone.
    Rientro in Hotel.
    Cena in ristorante locale e pernottamento.

    05
    GIORNO 05
    martedì 31 marzo 2020

    Tokyo - Nagoya - Takayama

    Prima colazione in Hotel.
    Trasferimento con taxy pubblico alla stazione ferroviaria di Tokyo, in tempo utile per la partenza del treno superveloce “Bullet Train” e “Limited Express Train” (cambio alla stazione di Nagoya) per Takayama, che conserva ancora una piccola parte del Giappone tradizionale, con le sue abitazioni in legno e le strette stradine del periodo Edo.
    Pranzo libero in treno.

    *** I bagagli (max 1 bagaglio per persona) verranno trasportati separatamente con apposito automezzo da Tokyo a Kyoto. Provvedere al bagaglio a mano per le notti (2) a Takayama e Kanazawa ***

    Arrivo a Takayama e visita al Takayama Jinya, costruzione in stile tradizionale giapponese che è stato utilizzato come ufficio governativo di Takayama, durante il periodo Edo, quando la città era sotto il controllo diretto dello shogun per le sue preziose risorse di legname.
    A seguire passeggiata a Sanmachi-Suji Street, designata ‘Area di importanza nazionale con costruzioni storiche da preservare’ è collegata con il resto della città dal ponte rosso Nakabashi che attraversa il fiume Miya-gawa. In passato città mercantile, Sanmachi Suji ha ben mantenuto la caratteristica architettura antica di un distretto risalente al periodo Edo (1600-1868) tra i meglio conservati in Giappone. Questa è la motivazione del soprannome di ‘Piccola Kyoto’ del principale distretto turistico di Takayama.
    Al termine delle visite, trasferimento in Ryokan e sistemazione nelle camere riservate (prevista esperienza in onsen).
    Cena giapponese e pernottamento.

    06
    GIORNO 06
    mercoledì 01 aprile 2020

    Takayama - Shirakawago - Kanazawa

    Prima colazione in Hotel.
    Partenza con pullman privato per Shirakawago (1 ora e mezza circa), incastonata nelle Alpi Giapponesi, sulla strada che porta a Kanazawa. Sosta per osservare le case dai tipici tetti di paglia dalla forte inclinazione, la cui struttura, adatta alle abbondanti nevicate invernali, ricorda delle mani congiunte in preghiera. Sito patrimonio mondiale dell’Unesco, con i suoi edifici in stile gasshō-zukuri, è rimasto isolato dal resto del mondo per lungo tempo, la sua principale fonte di sostentamento era la seta, venivano infatti coltivate le piante di gelso e allevati i bachi da seta.
    I centri abitati sono caratterizzati da antiche case in legno con tetti spioventi in paglia, uniche nel loro genere in tutto il Giappone. Un museo a cielo aperto, che riporta i visitatori in un’epoca lontana dove uomo e natura coesistevano in armonia. Visita ad una di queste abitazioni.
    Pranzo libero.
    Proseguimento per Kanazawa nel pomeriggio (1 ora e mezza circa). Kanazawa, uno dei giardini più belli del Giappone, musei e quartieri tradizionali di geisha e samurai sono solo alcune delle cose che la caratterizzano. Incastonata tra il mare e le Alpi giapponesi, si cammina per strade che hanno conservato l'antico fascino del Giappone feudale.
    Arrivo e passeggiata nel giardino Kenrokuen, “Giardino delle Sei Virtù” o “Giardino delle Sei Sublimità”, considerato uno dei tre giardini più belli del Giappone, grande come un parco (si estende per circa 11,4 ettari) offre scorci diversi, ma sempre stupendi, in qualsiasi stagione dell'anno.
    A seguire, visita alla Casa del Samurai Nomura, nel quartiere Namagachi dove con le loro famiglie vivevano i samurai legati alla famiglia Maeda, che a lungo ha governato la regione.
    Architettura raffinata, pitture murarie mozzafiato e soffitti meravigliosamente decorati, il fascino di questa casa antica è infinito. Una passeggiata nel piccolo giardino vi farà scoprire una cascata che versa i suoi flutti ronzanti in uno stagno abitato da carpe. Il fascino del posto trasporta immediatamente i visitatori nell’epoca Edo, lontano dalle macchine e dai rumori della città. Essi potranno così scoprire il ritmo della vita dei ricchi samurai, che si disvela visitando le numerose stanze una dopo l’altra.
    Al termine trasferimento in Hotel e sistemazione nelle camere riservate.
    Cena in ristorante locale e pernottamento.

    07
    GIORNO 07
    giovedì 02 aprile 2020

    Kanazawa - Kyoto

    Prima colazione in Hotel.
    Trasferimento con i mezzi pubblici alla stazione ferroviaria di Kanazawa, in tempo utile per la partenza del treno superveloce Bullet Train Shinkansen per Kyoto.
    Arrivo alle 12,00 circa e inizio della visita di Kyoto con pullman privato.
    Passeggiata sul Sentiero del Filosofo (Tetsugaku-no-Michi in giapponese), una stradina lunga circa 2 km. Lungo tutto il bordo del sentiero sono inoltre piantati centinaia di alberi di ciliegio, che in primavera, fiorendo, lo trasformano in un tunnel color rosa di una spettacolarità immensa. Il suo nome è dovuto al filosofo Nishida Kitaro, docente dell’università di Kyoto ed uno dei filosofi più famosi ed apprezzati del Giappone, che si narra percorresse questo sentiero in meditazione ogni giorno per recarsi alla facoltà dove insegnava.
    Pranzo libero.
    Nel pomeriggio visita al Distretto di Gion, il quartiere nacque nel medioevo come zona dove alloggiare i pellegrini che si recavano nel vicino santuario Yasaka Shrine, col passare degli anni è diventato invece sempre più un quartiere di intrattenimento, in particolare "il quartiere delle geishe". Nonostante negli ultimi anni la figura della geisha (o più precisamente geiko, come vengono chiamate le geishe a Kyoto) in Giappone sia diventata sempre più rara, il quartiere di Gion conserva ancora oggi questa sua particolarità.
    Al termine delle visite, trasferimento in Hotel, sistemazione nelle camere riservate.
    Cena e pernottamento.

    08
    GIORNO 08
    venerdì 03 aprile 2020

    Kyoto

    Prima colazione in Hotel.
    Giornata dedicata alla visita con pullman privato di Kyoto.
    Visita del Tempio Kinkakuji o il Tempio del Padiglione Dorato. Famosa struttura del periodo di Muromachi (1336-1573) e inserito nell’elenco del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO nel 1994, è il reliquiario del Rokuon-ji, ovvero “Tempio del parco del cervo” dedicato alla dea Buddista della Misericordia. Fu Ashikaga Yoshimitsu (1358-1408), terzo nella dinastia Ashikaga Shogun che, nel 1398, costruì una villa di riposo per uno Shogun.Dopo la sua morte nel 1419 la villa fu trasformata in un tempio buddhista per l’Ordine Rinzai. L’unico edificio rimanente è il Padiglione Dorato. L’attuale struttura coperta da foglie d’oro è una replica esatta dell’edificio originale, bruciato nel 1950. Proseguimento con la visita del Tempio Ryōan-ji (Tempio del Drago Pacifico), che sprigiona un fascino unico con la sua magnifica architettura e i splendidi giardini, tra cui, l’attrazione principale è indubbiamente il giardino zen karesansui. La bellezza e l’importanza culturale del tempio e dei suoi giardini sono riconosciuti sia a livello nazionale che mondiale, tanto che sono stati classificati tra i Monumenti Storici della Kyoto Antica e dichiarati Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.
    Nel pomeriggio trasferimento ad Arashiyama e Sagano, I distretti di Sagano e Arashiyama sono situati nella parte occidentale di Kyoto e sono la seconda area più popolare della città tra i visitatori. Nell'VIII secolo, gli aristocratici venivano spesso in questa zona di risaie e boschi di bambù per godersi le foglie colorate o andare in barca.
    Visita al ponte di Togetsukyo che attraversa il fiume Hozu ai piedi del Monte Arashiyama. È lungo 250 metri e mantiene ancora le sembianze del XVII secolo, nonostante le recenti ristrutturazioni con l'ausilio dell'acciaio e a seguire passeggiata lungo Bamboo Street, una foresta di soli alberi torreggianti di bambù di altezza uniforme, è davvero uno spettacolo mozzafiato.
    Visita al Tempio di Tenryuji, uno dei templi zen più famosi del Giappone per la sua origine, la sua storia e per essere una delle sedi più illustri della scuola zen Rinzai.
    Il tempio fu costruito nel 1339 su quella che era la sede e dimora dell’imperatore Go-Daigo. Il nome Tenryu significa “drago che sale verso il cielo”, ed infatti, fu qui costruito dopo che un monaco ebbe questa visione in sogno. L’edificio ha subìto diversi incendi e nulla rimane della struttura originale, quella visibile oggi è una ricostruzione del XIX secolo.
    Al termine delle visite, rientro in Hotel.
    Cena e pernottamento.

    09
    GIORNO 09
    sabato 04 aprile 2020

    Kyoto

    Prima colazione in Hotel
    Giornata dedicata alla visita con pullman privato di Kyoto.
    Visita del Castello Nijo, patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO e simbolo del potere e della ricchezza dello shogunato di Edo. Fu residenza degli shogun per quasi 270 anni, ovvero fino al 1867, anno in cui proprio qui, l’ultimo shogun Tokugawa si dimise dalla propria carica al cospetto dell’imperatore Meiji. Fu in seguito usato come residenza imperiale.
    A seguire visita del Tempio Kiyomizu uno degli antichi templi buddhisti giapponesi e considerato patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Eretto nel 798, questo tempio oggi in realtà è costituito da un insieme di templi ed edifici costruiti a partire dal 1633. La sala principale presenta un grande portico sostenuto da centinaia di colonne proteso oltre il pendio e da cui si può godere di una bella e ampia vista sulla città. Da oltre 1000 anni i pellegrini pregano l'effigie a 11 teste di Kannon e bevono l’acqua della sorgente sacra: kiyomizu significa infatti "acqua pura". Ed infatti poco più in basso c'è una cascata l’Otawa-no-taki, presso la quale i visitatori bevono le acque sacre.
    I visitatori che invece si recano al vicino santuario Jishu-jinja, camminando tra le diverse coppie di pietre che si snodano su un percorso di circa 18 metri, sperano in un felice futuro in amore: mancare una pietra è ovviamente di cattivo auspicio in tal senso.
    Pranzo libero.
    Nel pomeriggio passeggiata nei quartieri di Ninen-zaka e Sannen-zaka, tra i distretti di Kyoto meglio conservati, rimasti fermi nel tempo e riflettono l'aspetto che la città aveva prima dell'arrivo delle tecnologie moderne. Passeggiando lungo il viale Ninenzaka si è accompagnati dalla sagoma della Pagoda Yasaka-no-to, alta 5 piani, che si scorge in tutta la sua maestosità in ogni punto della strada. Di un solo anno più giovane di Ninenzaka, Sannenzaka è un viale lungo 100 metri che conduce al Tempio Kiyomizudera. Anche in questo caso vi troverete a passeggiare su una stradina ricurva e leggermente in pendenza, costeggiata da numerosi edifici storici che hanno valso all’area il titolo di distretto storico protetto.
    A seguire visita del Santuario Fushimi Inari Taisha, situato alla base di una montagna chiamata anch’essa Inari, a 233 mslm e che comprende diversi sentieri verso altri santuari minori.
    Fin dai tempi antichi, Inari è sempre stato visto come patrono degli affari e dei commercianti. Per questo motivo, ogni torji (porta di accesso) del santuario è stato donato da un’azienda giapponese.
    Al termine delle visite, rientro in Hotel.
    Cena in ristorante locale e pernottamento.

    10
    GIORNO 10
    domenica 05 aprile 2020

    Kyoto - Hiroshima - Miyajima

    Prima colazione in Hotel.
    Trasferimento con taxi pubblico alla stazione ferroviaria di Kyoto in tempo utile per la partenza del treno Bullet Train Shinkansen (2a classe - posti riservati) per Hiroshima.

    **** I bagagli verranno trasportati separatamente con servizio di corriere espresso da Kyoto a Osaka. Provvedere al bagaglio a mano per una notte (Miyajima)
    1 bagaglio per persona, eventuale extra bagaglio dovrà essere pagato in loco (2500 Yen circa)****


    Arrivo alla stazione di Hiroshima e visita della città con mezzi pubblici.
    Visita del Museo della bomba atomica con il Parco memoriale della pace e del ricordo.
    Trasferimento con mezzi pubblici al porto di Hiroshima e imbarco a bordo del traghetto che conduce all’isola di Miyajima: "l’isola in cui convivono uomini e dei", un luogo sacro da quando vi fu costruito il santuario di Itsukushima nel 593 d.C. (ma gli edifici risalgono al XII secolo).
    All’arrivo, visita a piedi dell’isola di Miyajima e del Santuario Itsukushima, fluttuante sull’acqua.
    Edificato nel cinquecento, il Santuario è situato sull’isola omonima nota anche come Miyajima, nella Baia di Hiroshima.  Il complesso è piuttosto spettacolare, a cominciare dalla porta d’ingresso di legno (attualmente in ristrutturazione) e dalla struttura principale del tempio. Essendo una zona in cui le maree sono piuttosto rilevanti, periodicamente l’edificio si trova o a pelo d’acqua o sollevato come una palafitta sopra un tappeto di alghe.
    Arrivo e trasferimento in Ryokan.
    Cena giapponese e pernottamento.

    Importante: da giugno 2019 ad agosto 2020 il Torii rosso del santuario di Itsukushima sarà sottoposto ad un intervento di ristrutturazione. Durante questo periodo il Torii sarà circondato da impalcature che ne impediscono la visita. Il resto del complesso del Santuario sarà visitabile regolarmente.

    11
    GIORNO 11
    lunedì 06 aprile 2020

    Miyajima - Hiroshima - Himeji - Osaka

    Prima colazione in ryokan.
    Trasferimento a piedi al porto e traghetto per Hiroshima. Arrivo, trasferimento con mezzi pubblici alla stazione di Hiroshima e partenza con treno Shinkansen (2a classe - posti riservati) per Himeji.
    Arrivo e visita allo splendido Castello di Himeji, Patrimonio UNESCO, recentemente ristrutturato probabilmente il più bel castello in Giappone.
    Al termine delle visite trasferimento ad Osaka con pullman privato.
    Arrivo e visita guidata con i mezzi pubblici e a piedi dell’Osservatorio del Giardino Fluttuante da cui è possibile vedere Osaka a 360 gradi
    Trasferimento in Hotel e sistemazione nelle camere riservate.
    Cena in ristorante locale e rientro in Hotel.
    Pernottamento.

    12
    GIORNO 12
    martedì 07 aprile 2020

    Osaka - Rientro In Italia

    Box breakfast.
    Trasferimento con pullman privato all’aeroporto di Osaka in tempo utile per il disbrigo delle formalità d’imbarco e la partenza del volo di linea Lufthansa per Milano, via Monaco (vedere dettaglio).

    GIORNO PRECEDENTE
    GIORNO SUCCESSIVO