Tanzania - Tour & Trekking

Ascensione al Kilimangiaro dalla via Machame

Il Kilimanjaro é la più bella e famosa montagna d'Africa, non solo perché è la più alta (5.895 metri) ma anche per la sua storia e per il fascino che l'hanno caratterizzata. Ai piedi di questo antico vulcano, scrittori, esploratori e missionari hanno raccontato, esplorato e vissuto la vera Africa. Qui la natura è stata prodiga nel distribuire a piene mani particolari bellezze, vi sono tutt’oggi i più grandi parchi ricchi di fauna e la gente più legata a questa terra, i Masai che tanto affascinano noi occidentali. La via Machame è la via più bella e spettacolare, con panorami di uno splendore paesaggistico unico. Se lungo la Marangu Route i pernottamenti sono previsti in rifugi, sulla Machame si pernotta solo in tende tipo igloo. Questo aspetto da solo riduce drasticamente l’afflusso alla Machame, che vi ripagherà con emozioni incredibili e scenari indimenticabili. Tutto il vostro equipaggiamento sarà trasportato dai portatori e un cuoco si occuperà della preparazione dei pasti. La Machame Route offre un vantaggio tecnico importante: il 4° giorno si arriva fino a quota 4630, per scendere di circa 700 metri e pernottare a Barranco Camp (3950). Questo aspetto facilita notevolmente l’acclimatamento. La vaccinazione contro la febbre gialla è obbligatoria esclusivamente per i viaggiatori provenienti da Paesi dove tale malattia è endemica, anche nel caso di solo transito aeroportuale (superiore alle 12 ore). Si consiglia, anche a coloro che provengono da Paesi in cui tale malattia non è endemica, di munirsi del certificato di vaccinazione contro la febbre gialla.

Preparazione fisica:

E’ fondamentale essere fisicamente preparati alla sfida del KILI. Un appropriato allenamento alla montagna e al trekking in altezza è determinante per la conquista della vetta. E’ importante poi mantenere un atteggiamento mentale positivo durante il trekking. Se propriamente equipaggiati, se in discreta forma fisica si può senza dubbio raggiungere la cima. Vie per l'ascensione al Kilimanjaro

Partenze di gruppo


Quote individuali di partecipazione in camera doppia

1 partecipante € 3.050,00
2 partecipanti € 2.730,00
3 partecipanti € 2.620,00
4 partecipanti € 2.520,00
5 partecipanti € 2.440,00
Suppl. camera singola (solo in hotel) € 100,00
Tasse aeroportuali e fuel surcharge (da riconfermare) € 380,00
Assicurazione bagaglio-sanitaria-annullamento € 98,00
Giorno extra trekking Kilimajaro (min. 2 pax) € 300,00
Estensione Safari (minimo 2 partecipanti) € 1.700,00
Quota gestione pratica € 70,00

Supplementi volo

Dal: 22/03/2018 Al: 15/04/2018 € 350,00
Dal: 01/07/2018 Al: 18/08/2018 € 350,00

Quote di partecipazione: 
Le quote di partecipazione pubblicate sono espresse in Euro e intese per persona e sono state calcolate in base al cambio valutario: 1 Euro = 1,17 USD

Le tariffe aeree sono state calcolate in base ad una specifica classe di prenotazione (U) e compagnia aerea (ET), in partenza da Milano. In caso di mancata disponibilità, verranno comunicati i supplementi della classe e/o della compagnia aerea disponibili. E’ possibile richiedere (con eventuale supplemento) la partenza da tutti gli altri aeroporti italiani. Le quotazioni alberghiere sono riferite agli hotel indicati. 

Una variazione delle tariffe aeree e del tasso di cambio indicato che dovesse verificarsi entro 20 giorni dalla data di partenza, determineranno una revisione delle quote.

Sono escluse dalla “quota di partecipazione” le tasse aeroportuali e l’eventuale sovrapprezzo carburante (fuel surcharge). Essendo tali costi estremamente variabili, saranno indicati all’atto della prenotazione e verranno riconfermati all’emissione del biglietto aereo.

Le quote di partecipazione includono

  • Voli di linea Ethiopian Airlines Airlines da Milano ad Arusha/Kilimanjaro Airport, via Addis Ababa e ritorno, in classe economica (speciale classe di prenotazione U)
  • Trasferimenti privati da e per l’aeroporto di Kilimajaro
  • Sistemazione in Hotel a Moshi e in tenda durante il trekking, come indicato in programma
  • Trattamento di sola prima colazione a Moshi e di pensione completa durante la salita al Kilimanjaro
  • Guida locale parlante inglese per la salita, portatori (per un massimo di 12 Kg. per persona) e viveri per i tre pasti giornalieri
  • Materiale da cucina
  • Le tasse del Parco e permesso di salita Kilimanjaro
  • Assistenza di personale locale qualificato
  • Polizza “Viaggi Rischio Zero”, UnipolSai Assicurazioni
  • Guida “Tanzania”, ed. Polaris (una per camera)
  • Kit da viaggio

    Estensione safari
  • Trasferimenti privati da e per l’aeroporto di Kilimajaro
  • Tutti i safari fotografici come indicato in programma, con fuoristrada privato, dotato di tetto pop up, con guida locale parlante inglese (italiano se disponibile)
  • Ingressi ai Parchi e alle Riserve, come indicato in programma
  • Sistemazione in camera doppia in Hotel/Lodge, come sopra indicati (o similari)
  • Trattamento di pensione completa

Le quote di partecipazione non includono

  • Assicurazioni (bagaglio/sanitaria/annullamento, UnipolSai Assicurazioni)
  • Quota gestione pratica (Euro 70,00)
  • Tasse aeroportuali e fuel surcharge (da riconfermare all’emissione del biglietto aereo)
  • Eventuali tasse aeroportuali locali: attualmente sono tutte inserite nei biglietti aerei; potrebbero essere richieste o modificate senza preavviso dalle autorità locali
  • Visto d’ingresso in Tanzania (rilasciato in loco all’arrivo al Kilimanjaro Airport
  • 50 USD)
  • Preaccettazione (early check in) e late check out negli alberghi, eccetto dove specificato
  • Escursioni e visite facoltative, non previste in programma
  • Sacco a pelo
  • Pasti non previsti in programma, menù à la carte, bevande, mance, extra di carattere personale e tutto quanto non espressamente indicato.

1° Giorno - Partenza per Kilimanjaro

Partenza da Milano Malpensa con volo di linea Ethiopian Airlines per Addis Ababa alle ore 21.55.
Pasti e pernottamento a bordo.

2° Giorno - Arrivo a Kilimanjaro - Moshi

Arrivo alle 06.55 e proseguimento con volo di linea Ethiopian Airlines per Arusha - Kilimanjaro alle ore 10.20. Arrivo alle ore 12.55, disbrigo delle formalità doganali e incontro con la nostra organizzazione. Trasferimento all’Hotel Sal Salinero di Moshi.
Arrivo, sistemazione nella camera riservata e tempo a disposizione per relax.
Pasti liberi, pernottamento.

3° Giorno - Moshi - Machame Gate (1490 m) - Machame Camp (2980 m)

Durata del trekking: circa 7 ore; distanza: circa 18 km; ambiente: foresta di montagna.

Dopo colazione, partenza in auto per il villaggio di Machame, dove guide e portatori hanno già impacchettato tutto l’equipaggiamento. In base alle condizioni della pista, è in alcuni momenti possibile raggiungere il Machame Gate in auto, se ciò non fosse possibile ci sarà una prima camminata ci circa 3 km/1 ora. Dopo la registrazione al gate d’ingresso del Parco, si inizia la salita addentrandosi quasi subito nella foresta pluviale. Ci sono buone probabilità di pioggia nella foresta e ciò rende il terreno fangoso e sdrucciolevole. Sosta per il picnic lungo il percorso, poi si procede per il Machame Camping di pomeriggio.
I portatori giunti al camp site prima avranno eretto la vostra tenda e il cuoco avrà avviato i preparativi per la cena.
Pernottamento in tenda.

4° Giorno - Machame Camp (2980 m) - Shira Camp (3840 m)

Durata del trekking: circa 6 ore; distanza: 9 km. Ambiente: brughiera.

Dopo colazione si inizia il trekking che in circa un’ora ci porta al limite della foresta. Si continua per un paio d’ore attraverso la brughiera. Breve sosta per il pranzo, prima di affrontare un crinale roccioso per raggiungere lo Shira Plateau.
Pernottamento in tenda.

5° Giorno - Shira Camp (3840 m) - Lava Tower (4630 m) - Barranco Camp (3950 m)

Durata del trekking: circa 7 ore; distanza: 15 km; ambiente: semi deserto.

Il percorso piega a Est attraverso un paesaggio semi desertico e roccioso che circonda Lava Tower, dove si raggiungono i 4630 metri. E’ il giorno più duro fino ad oggi. Dopo il picnic si scende di circa 680 metri fino a Barrnanco Camp. Il fatto di superare i 4500 metri durante la giornata per tornare a dormire sotto i 4000 si rivela estremamente utile perché il fisico si abitui gradualmente all’altitudine. Memorabile il tramonto a Barranco Wall.
Pernottamento in tenda.

6° Giorno - Barranco Camp (3950 m) - Barafu Camp (4550 m)

Durata del trekking: 7ore; distanza: circa 13 km; ambiente: deserto alpino.

Superato il Barranco Wall - un ostacolo che si rivela più facile di quanto non appaia - il percorso prosegue attraverso la Karanga Valley per incontrare poi la Mweka Route, un’altra via di ascesa al Kili. Questa è la via più favorevole per la discesa. La Karanga Valley è l’ultimo punto di approvvigionamento d’acqua, perché non c’è acqua a Barafu Hut.
Barafu in kiswahili significa “ghiaccio”. Qui lo spazio per piantare le tende è limitato, è bene familiarizzare con il posto prima che faccia buio!
Mancano circa 1345 metri di dislivello per giungere alla vetta, da coprire questa notte stessa!
Si prepara l’equipaggiamento e, dopo cena è consigliabile dormire qualche ora prima di ripartire.

7° Giorno - Barafu Camp (4550 m) - Uhuru Peak (5895 m) - Mweka Camp (3100 m)

Durata del trekking: 8 ore per raggiungere la vetta, poi 7/8 ore per discendere a Mweka; distanza: 7 km di salita + 20 km di discesa; ambiente: pietraia e ghiaccio.

Sveglia alle 23.30 e dopo aver mangiato qualcosa si parte nell’oscurità. Si procede in direzione nord-ovest, verso Stella Point, sul bordo del cratere. Avete coperto il tratto più duro del vostro trekking. A Stella Point (5650 m) ci si ferma per riposarsi un po’ e per godersi, tempo permettendo, una delle albe più memorabili della vostra vita. Trekking sino al Punto Stella, sull’orlo di uno spettacolare crinale è probabilmente la parte più stimolante e sfidante di tutta l’ascensione. Mancano circa 2 ore per raggiungere Uhuru Peak, ovvero la cima del Kilimanjaro (5.895 mt).
E’ fatta, avete conquistato la vetta d’Africa.
E’ bene non fermarsi troppo in cima ad ammirare lo spettacolare scenario, perché ripartire dopo una sosta prolungata e con il freddo potrebbe non essere una buona idea.
Ci vogliono circa 3 ore fino a Barafu. Qui si recupera tutto l’equipaggiamento e si continua per Mweka Camp. E’ un giorno che non dimenticherete facilmente.
Pernottamento in tenda.

8° Giorno - Mweka Camp - Moshi

Discesa finale, da Mweka camp (3100msm) a Mweka gate (1980 msm), circa 15 km.

In tre ore di passeggiata si arriva a Mweka Gate, dove i “successful climbers” ricevono i loro certificati: Chi raggiunge Uhuru Peak otterrà il certificato d’oro, chi ha raggiunto Stella Point riceve il certificato verde. Sosta per un buon pranzo al villaggio di Mloka e proseguimento per il Sal Salinero Hotel.
Sistemazione nelle camere riservate e tempo per relax.
In serata trasferimento in aeroporto in tempo utile per le pratiche di check-in.

9° Giorno - Kilimanjaro Airport - Rientro in Italia

Prima colazione in Hotel.
Trasferimento in aeroporto in tempo utile per la partenza con volo di linea Ethiopian Airlines per Addis Ababa delle ore 17.35. Arrivo alle 20.05 e proseguimento in area transiti.

10° Giorno - Arrivo in Italia

Proseguimento con volo di linea Ethiopian Airlines per Milano delle ore 00.10.
Pasti e pernottamento a bordo.
Arrivo a Milano Malpensa previsto per le ore 07.10.

Estensioni


Estensione safari nei parchi della Tanzania

9° Giorno - Moshi - Lake Manyara - Karatu

Prima colazione in Hotel.
Al mattino presto partenza per il Parco del lago Manyara.
Giornata dedicata al fotosafari nel Parco. Il Lake Manyara, sotto la scarpata della Rift Valley, ospita ambienti estremamente vari, nonostante le sue piccole dimensioni (330 Kmq, di cui 200 occupati dal lago). Si va dalle fitte foreste alimentate dalle risorgive che affiorano ai piedi della Rift Valley, alle savane, alle zone acquitrinose a bordo lago. Numerosissime le specie animali, tra cui spiccano grandi colonie di babbuini, cercopitechi e altre specie di scimmie, elefanti, giraffe e ben 380 specie di uccelli. Qui, durante il periodo da dicembre a marzo, stanziano nutriti stormi di fenicotteri rosa, che poi migrano verso il Lake Natron tra giugno e ottobre. Tra i predatori sono numerosi i leopardi e i leoni; questi ultimi, infastiditi dall’umidità del terreno e dagli insetti, hanno acquisito l’abitudine (piuttosto rara presso questi grandi felini e riscontrata solo in poche altre zone) di arrampicarsi sui rami degli alberi.
Al termine del fotosafari si raggiunge Karatu.
Sistemazione in Lodge, cena e pernottamento.


10° Giorno - Karatu - Ngongoro Conservation Area

Prima colazione in Lodge.
Giornata di fotosafari nel Cratere di Ngorongoro.
Il Cratere di Ngorongoro è un ambiente unico, senza uguali al mondo. E’ quello che resta di un antico cono vulcanico, la cui cima è collassata circa 2,5 milioni di anni fa, lasciando posto alla caldera attuale: un tronco di cono, che al suo interno ospita un “padellone” dal diametro di 16/20 km, con i bordi rialzati di circa 600 m rispetto al fondo, al cui interno si è sviluppata una savana dove vivono più di 25.000 grandi animali. Tutte le specie tipiche della regione, ad eccezione delle giraffe (che qui non trovano nutrimento) vivono nel Cratere di Ngorongoro. Il bordo del Cratere raggiunge un’altitudine di 2300 msm e offre viste da togliere il fiato. Le pendici esterne delle pareti sono ricoperte da un fitto manto di foresta primaria.
Sistemazione in Lodge, cena e pernottamento.

11° Giorno - Ngongoro Conservation Area - Tarangire National Park

Prima colazione al Lodge.
Partenza per il Parco Tarangire e fotosafari nel pomeriggio.
Con i suoi 2.600 Kmq il Parco Nazionale del Tarangire costituisce un ambiente diverso dagli altri Parchi del Nord. Largo una trentina di km in direzione est-ovest e lungo un centinaio di km in direzione nord-sud, il Tarangire è il “parco dei giganti”: ospita infatti colossali baobab e grandi mandrie di elefanti, oltre a leoni, leopardi, antilopi, gazzelle, gnu, zebre, bufali e circa 500 specie di uccelli (tra stanziali e migranti), la più alta concentrazione della Tanzania. Il fulcro della vita è il fiume omonimo, che durante la stagione secca diventa, insieme alla Palude di Silale, l’unica fonte d’acqua disponibile e attira una gran quantità di animali.
Cena e pernottamento al lodge.


12° Giorno - Tarangire National Park - Arusha - Rientro in Italia

Prima colazione al Lodge.
Trasferimento all’aeroporto di Arusha.
Pranzo lungo il percorso.
Arrivo, disbrigo delle formalità di imbarco sul volo di linea con volo di linea Ethiopian Airlines per Addis Ababa delle ore 17.35. Arrivo alle 20.05 e proseguimento in area transiti.

13° Giorno - Arrivo in Italia

Proseguimento con volo di linea Ethiopian Airlines per Milano delle ore 00.10.
Pasti e pernottamento a bordo.
Arrivo a Milano Malpensa previsto per le ore 07.10.

Hotel previsti o similari

Stelle : -
Moshi Hotel Sal Salinero

Western Kilimanjaro, pura Africa Western Kilimanjaro, Tanzania

Oggi andiamo alla scoperta di una delle regioni meno conosciute e più interessanti della Tanzania: il Western Kilimanjaro, dominato dalla vetta più alta dell’Africa. Siamo nel nord della Tanzania, a poca distanza dal Kenya. Qui si trova il leggendario Kilimanjaro, […]

The post Western Kilimanjaro, pura Africa appeared first on Be Earth.










Compila il modulo per richiedere maggiori informazioni

Tanzania - Tour & Trekking

 








Aiutaci a migliorare